Ricevi uno sconto del 40%
🚀 La nostra AI ha scelto 6 titoli che sono balzati del 25% nel 1° trimestre. Quali titoli saliranno nel 2° trimestre?Sblocca l'elenco completo

Usa, giudice respinge richiesta fornitore Stellantis per ottenere chip per impianto Detroit

Pubblicato 16.04.2021, 17:48
Aggiornato 16.04.2021, 17:54
© Reuters. Logo Stellantis all'ingresso dello stabilimento di Mirafiori

(Reuters) - Un giudice federale nel Michigan ha respinto la richiesta di emettere un ordine d'emergenza che costringa NXP Semiconductors a fornire microchip a un fornitore di Stellantis.

Il fornitore, Jvis-Usa, sostiene che se non ricevesse i chip ordinati, ci sarebbe un "blocco imminente" dello stabilimento di Stellantis a Detroit, dove vengono prodotte le Jeep Grand Cherokee.

Nxp ha replicato di non avere nessuna relazione contrattuale diretta con Jvis-Usa che la obblighi a inviare i chip.

Jvis-Usa è il fornitore degli assemblaggi elettronici che aiutano a controllare i sistemi di riscaldamento, raffreddamento e ventilazione sulle Jeep Grand Cherokee, Dodge Challenger e Charger, oltre che per la Chrysler 300.

Jvis non acquista direttamente i chip da Nxp, ma li ottiene tramite una catena di fornitori e distributori.

Tuttavia l'azienda sostiene che Nxp abbia creato un contratto sulla parola nel corso di una chiamata Zoom tenutasi tra Jvs, Nxp, un distributore di chip e un fornitore di circuiti.

© Reuters. Logo Stellantis all'ingresso dello stabilimento di Mirafiori

Nxp respinge questa tesi, sostenendo che la chiamata fosse per un aggiornamento standard da parte di un distributore.

(Tradotto da Federico Maccioni e Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Ultimi commenti

Siamo alla frutta
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.