Sblocca dati premium: Fino al 50% di sconto InvestingProAPPROFITTA DELLO SCONTO

Warren Buffett cambia strategia: meno banche e più oro

Pubblicato 17.08.2020, 12:26
© Reuters.
GS
-
JPM
-
MA
-
WFC
-
PNC
-
MTB
-
USB
-
BK
-
GOLD
-
BRKa
-

Versione originale di Laura Sánchez – traduzione a cura di Investing.com

Investing.com – Cambio di strategia per l’Oracolo di Ohama, Warren Buffett, con importanti modifiche al suo portafoglio. La sua società, Berkshire Hathaway ha infatti notevolmente ridotto le sue partecipazioni in alcune delle più grandi banche americane.

La scorsa settimana Berkshire ha rivelato di aver venduto 85,6 milioni di azioni di Wells Fargo (NYSE:WFC) nel secondo trimestre, riducendo la sua quota dal 7,9% al 5,8%, secondo un documento presentato alle autorità di regolamentazione dei titoli statunitensi e raccolto dal Financial Times.

Berkshire ha inoltre venduto 35,5 milioni di azioni di JPMorgan (NYSE:JPM), riducendo la sua partecipazione allo 0,7% dall'1,9% e una sostanziale quota di minoranza della sua holding PNC Financial (NYSE:PNC).

Buffett aveva anche una partecipazione in Goldman Sachs (NYSE:GS) del valore di poco meno di 300 milioni di dollari e ha anche tagliato le sue partecipazioni di Berkshire in M&T Bank (NYSE:MTB), Bank of New York Mellon (NYSE:BK), US Bancorp (NYSE:USB), Mastercard (NYSE:MA) e Visa.

In totale, tutte queste transazioni (compresi i titoli finanziari e non finanziari) ammontano a 12,8 miliardi di dollari in azioni.

Attraverso Berkshire, Buffett è uno dei maggiori azionisti delle banche statunitensi e la sua decisione di ridurre la sua esposizione sarà analizzata dagli investitori di tutto il mondo, soprattutto in considerazione della tempistica, sottolinea FT.

Ridotte le sue scelte nel settore bancario, Buffett ha rivolto la sua attenzione all'oro nel secondo trimestre, attraverso una nuova partecipazione in Barrick Gold, il secondo gruppo al mondo attivo nel settore dei metalli preziosi. Le azioni Barrick Gold Corp (NYSE:GOLD) crescono attualmente dell’8% nel pre market USA.

Fino a questo momento, l’investimento di Berkshire sui titoli bancari finora nel terzo trimestre si è rivelata vincente. Dalla fine di luglio, ha acquistato più di 2 miliardi di dollari in azioni della Bank of America, la seconda banca più grande degli Stati Uniti, portando la sua quota a più dell'11%.

La pandemia di Covid-19 ha costretto le banche statunitensi a stanziare miliardi di dollari in accantonamenti per sofferenze di credito e i 15 maggiori istituti americani da soli hanno messo da parte 76 miliardi di dollari dall'inizio della crisi, riferisce il quotidiano britannico.

In parte a causa della loro forte esposizione al settore finanziario, le azioni di Berkshire Hathaway Inc (NYSE:BRKa) sono diminuite quest'anno del 6,9%, nonostante una crescita pari a 4,4% del mercato statunitense complessivo.

In occasione dell'assemblea annuale degli azionisti di maggio, Buffett ha dichiarato il suo impegno a lungo termine per l'economia statunitense, anche se non ha fatto previsioni a breve termine.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.