Ministri Esteri G7 chiedono sostegno urgente su difesa Ucraina

Pubblicato 18.04.2024, 12:46
© Reuters. I ministri degli Esteri del G7 in una riunione sull'isola di Capri. REUTERS/Remo Casilli/Pool
DX
-

CAPRI (Reuters) - I ministri degli Esteri del G7 avvertono che l'Ucraina rischia di essere sconfitta dalla Russia a meno che non riceva una maggiore difesa aerea, mentre Kiev sollecita un cambiamento della strategia occidentale sulla guerra.

A più di due anni dall'inizio dell'invasione su larga scala da parte di Mosca, l'Ucraina si trova ad affrontare una carenza di munizioni, considerato che finanziamenti vitali da parte Usa sono ormai da mesi bloccati dai repubblicani al Congresso e l'Unione europea che non riesce a consegnare in tempo sufficienti armamenti.

I ministri del G7 hanno aperto la seconda giornata di colloqui a Capri rivolgendo l'attenzione alla crisi mediorientale, mentre nel pomeriggio il dibattito, cui si aggiungeranno il segretario generale Nato e il ministro degli Esteri ucraino, verterà su Kiev.

L'alto rappresentante per la politica estera dell'Unione europea Josep Borrell, che partecipa alle riunione del G7 insieme alle controparti di Usa, Italia, Germania, Francia, Gran Bretagna, Giappone e Canada, esorta i paesi Ue a consegnare sistemi di difesa aerea per aiutare l'Ucraina a proteggere le proprie città dalla Russia, che sta prendendo di mira le infrastrutture strategiche.

"In caso contrario il sistema elettrico dell'Ucraina sarà distrutto. E nessun Paese può combattere senza avere elettricità in casa, nelle fabbriche, online e per tutto", dice ai giornalisti all'inizio della sessione.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ritiene che l'Occidente abbia un atteggiamento diverso nei confronti di Israele rispetto a quello nei confronti dell'Ucraina. Ricorda che quando sabato l'Iran ha lanciato missili e droni contro Israele le forze Usa, britanniche e francesi hanno contribuito ad abbatterli.

© Reuters. I ministri degli Esteri del G7 in una riunione sull'isola di Capri. REUTERS/Remo Casilli/Pool

"La strategia dei nostri partner in Israele sembra quella di prevenire danni e morti. () Negli ultimi mesi, la strategia dei nostri partner in Ucraina sembra quella di aiutarci a riprenderci dai danni", ha detto prima dei colloqui di Capri.

"Quindi il nostro compito oggi è trovare un modo in cui i nostri partner creino un meccanismo, un modo che permetta di evitare morte e distruzione in Ucraina", ha aggiunto.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Alessia Pé)

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.