Ricevi uno sconto del 40%
💰 Buffett rivela una partecipazione di 6,7 miliardi di dollari in Chubb.
Copia GRATIS l'intero portafoglio con lo strumento Stock Ideas di InvestingPro
Copia portafoglio

Ue fa passo avanti verso revisione politiche migratorie

Pubblicato 04.10.2023, 13:38
Aggiornato 04.10.2023, 16:36
© Reuters. Membri dell'equipaggio della nave Geo Barents, gestita da Medici Senza Frontiere, durante un salvataggio di migranti al largo della costa libica nel Mediterraneo centrale, 28 settembre 2023. REUTERS/Darrin Zammit Lupi T/File Photo

BRUXELLES (Reuters) - Gli Stati membri dell'Unione europea hanno siglato un accordo sulla gestione dell'immigrazione irregolare in una fase di arrivi eccezionalmente elevati, compiendo un passo avanti verso la revisione della normativa su asilo e migranti, in vista delle elezioni europee del prossimo anno.

I delegati dei 27 Stati membri hanno raggiunto una intesa dopo aver superato l'ultima disputa tra Italia e Germania sulle operazioni delle Ong nel Mediterraneo, rotta battuta da rifugiati e migranti provenienti da Medio Oriente e Africa per raggiungere l'Europa.

L'intesa dovrà ora essere approvata dal Parlamento europeo. L'auspicio è quello di poter disporre di nuove regole efficaci in tema di immigrazione prima delle elezioni del Parlamento europeo del 2024, che coinvolgeranno circa 450 milioni di persone.

"Ora possiamo procedere con i negoziati tra Consiglio, Commissione e Parlamento europeo. È importante mettere in atto l'accordo, per garantire l'ordine alle frontiere esterne della Ue e ridurre i flussi", ha detto il ministro svedese per la migrazione, Maria Malmer Stenergard.

In base all'accordo, gli Stati Ue che si trovano ad affrontare grandi flussi di migranti potranno accelerare le procedure e chiedere contributi di solidarietà agli altri Paesi, in termini di ricollocazione dei richiedenti asilo o di aiuti finanziari.

L'Unione sta cercando di riformare il proprio sistema di asilo da quando nel 2015 oltre un milione di persone ha raggiunto le coste dell'Europa meridionale, cogliendo impreparati e sovraccaricando i Paesi di primo arrivo come la Grecia e l'Italia.

Fonti diplomatiche hanno detto che l'Italia ha accettato l'accordo dopo l'eliminazione di alcuni riferimenti alle operazioni delle Ong.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

Le fonti hanno aggiunto che Polonia e Ungheria - fermamente contrarie ad accogliere persone provenienti dal Medio Oriente e dall'Africa - hanno votato contro, mentre gli altri paesi restii, Austria, Repubblica Ceca e Slovacchia, si sono astenuti. Il voto è passato a maggioranza.

La riunione di oggi rappresentava l'ultima possibilità di siglare un accordo prima del summit dai capi di Stato e di governo Ue a Granada, in Spagna, che si terrà domani e venerdì. Al centro della discussione ci sarà la migrazione irregolare, mentre crescono gli sbarchi nel Mediterraneo, anche sull'isola di Lampedusa.

I contrasti tra Roma e Berlino hanno impedito un accordo tra i ministri dell'Interno Ue la scorsa settimana. L'accordo provvisorio di oggi lascia aperte molte questioni, tra cui i tempi e le modalità di attuazione.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Francesca Piscioneri, Stefano Bernabei)

Ultimi commenti

eurospazzatura
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.