Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

3 titoli industriali da acquistare mentre il governo USA prepara sovvenzioni da 6,3 miliardi

Pubblicato 25.03.2024, 14:19
KMB
-
TLIT
-
CLF
-
NG
-
IXIC
-
CENX
-

Gli Stati Uniti e la Cina stanno sovvenzionando pesantemente la storica transizione verso i veicoli elettrici (EV). Il governo Biden si è impegnato a far sì che almeno il 50% delle vendite di auto nuove sia elettrico entro il 2030. Attraverso partnership pubblico-privato, come l’EV Acceleration Challenge, i soli produttori di batterie sono pronti a investire 100 miliardi di dollari per perseguire questo obiettivo.

L’obiettivo finale è quello di raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050. Di recente, alcuni addetti ai lavori dell’amministrazione Biden hanno dichiarato a Bloomberg che verranno concesse sovvenzioni per 6,3 miliardi di dollari per decarbonizzare l’industria pesante americana. Dal cemento ai prodotti in vetro, dai metalli alla carta, queste industrie rappresentano quasi il 25% delle emissioni di gas serra.

Il Dipartimento dell’Energia (DOE) avrebbe annunciato lunedì che l’Ufficio per le dimostrazioni di energia pulita (OCED) sarà incaricato di assegnare i fondi. Sotto l’ombrello ESG, quali aziende potrebbero beneficiare dell’ultima mossa di Biden per la decarbonizzazione?

Century Aluminum

Dall’inizio dell’anno, Century Aluminum Company (NASDAQ:CENX) è salito del 7,5%. Oltre ai prodotti in alluminio, l’azienda produce anodi di carbonio molto utilizzati nelle batterie secondarie agli ioni di litio e fluoruri. Nell’ottobre 2023, Century ha firmato un contratto triennale con Santee Cooper per l’utilizzo di Mt. Holly.

Il fornitore di energia elettrica fornirà alla fonderia di alluminio 295 MW di energia fino al dicembre 2026. Sul fronte della decarbonizzazione, questo mese Century ha annunciato l’intenzione di collaborare con MX Holdings per creare una nuova joint venture. La joint venture mira a produrre leghe avanzate a partire da contenuti riciclati con l’ausilio di una billetta secondaria a basso contenuto di carbonio.

Negli ultimi risultati del quarto trimestre del 2023, Century ha chiuso l’anno fiscale con un fatturato netto di 2,18 miliardi di dollari, con una perdita netta di 43,1 milioni di dollari. Questo non sorprende, dato che le tendenze cicliche e le fluttuazioni dei prezzi dell’alluminio vincolano il settore. Tuttavia, la società ha battuto le previsioni del mercato che prevedevano un utile per azione negativo di 0,23 dollari, registrando un EPS positivo di 0,3 dollari per il trimestre.

Sulla base di tre analisi effettuate dal Nasdaq, l’obiettivo di prezzo medio di CENX è di 13 dollari rispetto agli attuali 12,84 dollari per azione. Tuttavia, questo non tiene pienamente conto del potenziale della sovvenzione per la decarbonizzazione.

Cleveland-Cliffs Inc.

Questo produttore di acciaio laminato piatto segue lo stesso trend di CENX, avendo guadagnato il 7,7% da un anno all’altro. Oltre ai laminati piani di acciaio e ai pellet di minerale di ferro, l’azienda genera ricavi dall’affitto di proprietà immobiliari. L’azienda ha fatto passi da gigante nella decarbonizzazione, il che la rende un probabile candidato alla sovvenzione.

Cleveland-Cliffs Inc (NYSE:CLF) ha invece integrato il gas naturale per abbandonare le iniezioni di carbone nella produzione di acciaio. Entro il 2023, l’azienda aveva già ridotto il 32% delle emissioni, anticipando il 25% previsto entro il 2030. L’azienda è anche impegnata nella cattura del carbonio attraverso il progetto Burns Harbor, che mira a catturare fino a 2,8 milioni di tonnellate di CO2 all’anno.

A gennaio, Cleveland-Cliffs ha concluso la sperimentazione all’avanguardia dell’iniezione di idrogeno presso l’impianto di Indian Harbor. Per l’intero anno 2023, la società ha chiuso con 22 miliardi di dollari di fatturato e 2,3 miliardi di dollari di flusso di cassa dalle operazioni, chiudendo l’anno con un utile netto di 399 milioni di dollari rispetto agli 1,3 miliardi di dollari del 2022.

Per il quarto trimestre del 2023, Cleveland-Cliffs ha anche battuto le stime del mercato con un risultato negativo di 0,05 dollari rispetto alle previsioni di 0,07 dollari. Sulla base di 10 input degli analisti raccolti dal Nasdaq, l’obiettivo di prezzo medio di CLF è di 19,32 dollari contro gli attuali 21,30 dollari per azione. La stima alta è di 24 dollari contro la previsione bassa di 11,41 dollari per azione.

Kimberly-Clark Corporation

La società texana Kimberly-Clark Corporation (NYSE:KMB) produce un’ampia gamma di prodotti a base di carta, dall’igiene all’ambiente di lavoro. Nell’arco di un anno, il titolo KMB della società ha chiuso in pareggio con un rendimento del -1,8%. Per raggiungere i suoi obiettivi a zero emissioni, lo scorso novembre l’azienda si è impegnata a sottoscrivere un contratto di acquisto di energia elettrica (PPA) della durata di dieci anni per alimentare le sue attività con energia eolica.

Nel maggio 2022, l’azienda ha ricevuto il premio Net-Zero ai primi UK Paper Industry Gold Awards. Questo risultato è stato in gran parte alimentato dal PPA stipulato con Octopus Energy nel 2021 per la costruzione di parchi eolici onshore in Scozia. Nel marzo 2024, Kimberly-Clark ha ricevuto il riconoscimento di World’s Most Ethical Companies da Ethisphere.

Per l’anno fiscale 2023, l’azienda ha registrato un aumento dell’utile lordo del 7% rispetto all’anno precedente, raggiungendo 1,7 miliardi di dollari e aumentando il margine operativo di 150 punti base. L’utile netto di Kimberly-Clark è rimasto sostanzialmente invariato a 509 milioni di dollari contro i 507 milioni dell’anno precedente. Degli ultimi quattro trimestri, solo l’ultimo Q4 non è riuscito a battere le previsioni sull’EPS, stimando 1,53 dollari contro gli 1,51 dollari di utile per azione.

Sulla base di 18 input degli analisti raccolti dal Nasdaq, l’obiettivo di prezzo medio di KMB è di 125,55 dollari rispetto agli attuali 125,05 dollari. La stima alta è di 145 dollari, mentre la previsione bassa è di 110 dollari per azione.

***

Nota: Né l’autore, Tim (BIT:TLIT) Fries, né questo sito web, The Tokenist, forniscono consulenza finanziaria. Si prega di consultare la nostra website policy prima di prendere decisioni finanziarie.

Questo articolo è stato pubblicato originariamente su The Tokenist. Consultate la newsletter gratuita di The Tokenist, Five Minute Finance,, per un’analisi settimanale dei principali trend in campo finanziario e tecnologico.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.