Ricevi uno sconto del 40%
🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Azioni con dividendi: si o no?

Pubblicato 18.03.2024, 08:06
US500
-
IT10YT=RR
-

I mercati finanziari sono pieni di gente che conosce il prezzo di tutto e il valore di niente (P. Fischer).


La seconda lettura dell’inflazione di febbraio, in uscita oggi alle 11:00, non dovrebbe riservare sorprese rispetto al +2.6% della prima lettura lo scorso 1 marzo (2.8% in gennaio). Domani è la volta dello ZEW di marzo, previso in crescita a 20.5 punti contro 19.9 di febbraio.
 
Non manca tanto alla stagione dei dividendi. L'anno scorso è stato piuttosto deludente per le azioni con il rendimento legato al dividendo importante. Anche quelle aziende che il dividendo lo hanno pure aumentato hanno fatto fatica. Aziende che tendono ad essere considerate di qualità superiore data la loro costante storia di aumenti della cedola supportati da bilanci sani, crescita stabile degli utili e forte flusso di cassa libero.
 
A conferma di questo, l'indice S&P 500 Dividend Aristocrats ha registrato il suo maggior distacco rispetto all'indice più ampio su base annua dal 1999. Anche i fondi USA negoziati in borsa focalizzati sui dividendi hanno registrato i minori afflussi netti annuali dal 2008. Un'inversione importante rispetto al record di 20 anni raggiunto nel 2022 quando gli investitori cercavano modi per difendere i loro portafogli in mezzo a un mercato ribassista delle azioni.
 
Una ragione per l'underperformance e il cambiamento nell'appetito degli investitori potrebbe essere attribuita alla leadership ristretta del rally di mercato guidato da un piccolo gruppo di aziende orientate all'IA. Le azioni con dividendi hanno anche sofferto la forte concorrenza del mercato obbligazionario con i rendimenti degli U.S. Treasury nominali e reali più attraenti da circa due decenni a seguito dei rialzi aggressivi dei tassi d'interesse della Fed.
 
Dopo essere partito dal 3,8% all'inizio del 2023, il rendimento del decennale degli U.S. Treasury ha toccato brevemente il 5% ad ottobre. Nonostante la flessione al 4% a cavallo d’anno il differenziale di rendimento tra il decennale degli U.S. Treasury e il rendimento dei dividendi dell'S&P 500, intorno all'1,5%, rimane ampio.
 
Le azioni con dividendi non sono comunque cadute in disgrazia. Mentre l'inflazione continua a decelerare gradualmente, l'impennata dei prezzi degli ultimi anni segnala un chiaro allontanamento dal periodo di stagnazione secolare. Tale cambiamento potrebbe significare un maggiore focus su un approccio di rendimento totale nei prossimi anni, dove le azioni che distribuiscono dividendi sarebbero posizionate in modo unico per beneficiarne.
 
Guardando al 2024 e oltre, ecco alcuni fattori che ci sentiamo di considerare nella valutazione delle prospettive delle azioni con dividendi:
 
Il contributo dei dividendi al rendimento totale è stato in ritardo nell'ultimo decennio. Storicamente, i dividendi sono stati un contributore significativo al rendimento totale, rappresentando circa il 40% del rendimento totale annualizzato dell'S&P 500 dal 1930. Ma nell'ultimo decennio, il contributo dei dividendi è ammontato solo al 15%, mentre i tassi di interesse bassi hanno sostenuto le valutazioni patrimoniali. Il contributo dei dividendi può oscillare nel tempo, ma questi potrebbero diventare un contributore più rilevante al rendimento totale data l'evoluzione delle condizioni economiche e i bassi rapporti di distribuzione dei dividendi: il payout ratio dell'S&P 500, intorno al 35%, è ben al di sotto della media a lungo termine del 53% e lascia ampio spazio per una loro crescita. Storicamente, i decenni in cui l'Inflazione è stata superiore al 3% hanno visto una media dei dividendi più alta.
 
È anche utile notare che i dividendi potrebbero iniziare a svolgere un ruolo più importante nei rendimenti totali considerando le valutazioni azionarie più elevate, con l'S&P 500 che negozia sopra la sua media a lungo termine, il che potrebbe preludere a rendimenti patrimoniali più modesti nel medio e lungo termine poiché ulteriori espansioni dei multipli potrebbero diventare una sfida.
 
I cicli di rilassamento dei tassi sono stati favorevoli per le azioni con dividendi. La Fed ha segnalato che potenziali tagli dei tassi potrebbero essere presi in considerazione in qualche momento di quest'anno. Una diminuzione dei rendimenti dei titoli di Stato potrebbe beneficiare le azioni con dividendi mentre gli investitori cercano fonti aggiuntive di rendimento. Storicamente, l'indice S&P 500 Dividend Aristocrats ha superato l'S&P 500 di cinque punti percentuali su base di rendimento totale annualizzato durante i cicli di rilassamento e ha registrato solidi rendimenti positivi in eccesso in avanti dal primo taglio dei tassi.
 
Una rotazione di denaro proveniente da riserve potrebbe essere positiva per le azioni con dividendi. Le famiglie statunitensi stanno accumulando ingenti riserve di denaro. Secondo la Fed, stiamo parlando di circa $18 trilioni in attività liquide, inclusi depositi bancari, rispetto ai $13 trilioni precedenti alla pandemia. I tagli dei tassi potrebbero essere un catalizzatore positivo affinché parte di questo denaro ritorni ad essere investito in azioni, specialmente ora che i rendimenti dei conti bancari scendono al di sotto del 5%, che storicamente è stato un punto di svolta per gli investitori nell'allocazione verso azioni.
 
Le tendenze demografiche potrebbero amplificare ulteriormente questo cambiamento, poiché la generazione del baby boom raggiunge l'età della pensione e cerca di garantirsi flussi di reddito più stabili.
 
L'alta volatilità del mercato significa concentrazione nel cercare di bilanciare i portafogli. L'incertezza economica, compreso il percorso dell'inflazione e i rischi geopolitici, così come il periodo che precede le elezioni statunitensi, potrebbero mantenere l'ambiente di mercato incerto. Storicamente, le azioni con dividendi hanno fornito una certa difesa contro la volatilità. Nei mesi in cui l'Indice di volatilità di mercato è salito oltre il 20%, l'indice S&P 500 Dividend Aristocrats è riuscito a superare l'S&P 500 di un punto percentuale in media.
 
Inoltre, durante i trimestri in cui l'S&P 500 è sceso del 5% o più, le aziende che hanno aumentato i dividendi hanno contribuito a contenere le perdite per gli investitori e a superare l'S&P 500 nei successivi 12 mesi di tre punti percentuali su base di rendimento totale.
 
È importante notare tuttavia che non tutte le azioni con rendimento di dividendi sono uguali. Meglio infatti concentrarsi sulle aziende con una loro crescita stabile, poiché tendono a offrire una combinazione interessante di fondamentali solidi e potenziale di crescita degli utili e del flusso di cassa. Al momento le aziende che aumentano i dividendi sono ancora in ritardo rispetto all'indice più ampio, ma continueremo a monitorare dove il pendolo potrebbe oscillare per le prospettive a lungo termine.
 
 
 
 

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.