🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Balzo all'insù dei rendimenti USA, risale il Dollaro. Rimbalzo o inversione?

Pubblicato 30.01.2018, 09:52
US500
-
JP225
-

Buongiorno ai Lettori di Investing.com.

All'inizio di questa settimana sembra esserci stato un cambiamento nel sentiment degli investitori, cambiamento dettato da qualche cenno di ripresa – almeno a breve termine – del dollaro. Il crollo improvviso della scorsa settimana sembra essere stato un duro colpo che ha causato un deprezzamento troppo violento in pochissimo tempo. Era lecito, quindi, attendersi un ritracciamento.

Come consuetudine il driver principale che sta guidando il rimbalzo è il rendimento delle obbligazioni, tant’è che il Treasury statunitense a 10 anni è balzato al di sopra del 2,70% e si sta rapidamente rifugiando in quell’area indicata la scorsa settimana ovvero dal 2,80% al 3,00%.

C’è anche da dire che la Fed di Atlanta ha rilasciato la sua prima lettura del PIL, pari a + 4,2% per il primo trimestre, un dato che ha sicuramente dato vigore al biglietto verde.

Attenzione però alla rapidità con la quale stanno salendo i rendimenti obbligazionari perché a Wall Street sembra esserci un po’ di agitazione.

Se l'accelerazione dovesse continuare, allora potrebbero subentrare delle pressioni di vendita sul comparto azionario.

Già ieri, ad esempio, i listini a stelle e strisce hanno registrato le maggiori perdite del nuovo anno (anche se, va detto, l’ascesa precedente è stata a dir poco anomala).

Ovviamente il rimbalzo del Dollaro si sta ripercuotendo anche sugli altri mercati, in particolare sulle materie prime che iniziano a perdere un po’ di terreno.

Il tutto prima della FED e dei libri paga non agricoli del venerdì, due appuntamenti che potrebbero sicuramente aggiungere benzina al fuoco.

Venendo ai dettagli dei movimenti di ieri, Wall Street come detto ha perso terreno e in particolare segnaliamo l’indice SP 500 -0,7% a 2853 punti.

Ciò ha messo pressione ai mercati asiatici ( Nikkei -1,4%) e a quelli europei che in queste prime ore di contrattazione cercano di recuperare il terreno perduto. Nel Forex, c'è un deciso risveglio del rischio anche se l’eccezione è rappresentata dallo Yen che continua a sovra performare.

Tra i dati macroeconomici di oggi segnaliamo la lettura flash del PIL dell'Eurozona (ore 11) per il quale si prevede + 0,6% nel 4° trimestre (+ 0,6% nel 3° trim.).

Ciò significherebbe che la lettura annualizzata migliorerebbe portandosi a + 2,7% (da + 2,5% del terzo trimestre).

Attenzione anche alla lettura flash dell’inflazione tedesca delle ore 14, che dovrebbe rimanere al + 1,60%.

Poi, dagli USA, avremo l’indice Case Shiller Home Prices (ore 15) che dovrebbe rimanere al + 6,4% su base annuale.

Infine la fiducia dei consumatori degli Stati Uniti dovrebbe risalire a 123,0 (da 122,1), ovvero su valori incredibilmente alti.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.