📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

BCE al taglio dei tassi. I mercati saliranno?

Pubblicato 06.06.2024, 09:04
NDX
-
US500
-
DJI
-


Il successo sul mercato dipende sempre di più dall'apprendimento. Molte persone, però, non sanno ancora come imparare (C. Argyris).


Ci siamo, oggi è il giorno della BCE attesa ridurre i tassi di 25 bp. Vedremo poi come la prenderanno i mercati, visto che solitamente quando i tassi cominciano a scendere i mercati diventano più volatili e virano tendenzialmente al ribasso (anche per i mercati vale il “buy on rumors sell on news”), salvo poi riprendersi entro breve. E sui rumors della riduzione dei tassi i mercati sono ampiamente saliti. Vedremo se anche questa volta seguirà il sell on news.
 
In giornata sono anche attesi altri dati importanti per i mercati. Alle 10:00 è il turno delle vendite al dettaglio MoM di aprile dell’Italia, previste in crescita dello 0,3% (zero in marzo). SI prosegue alle 11:00 con le vendite al dettaglio dell’Europa MoM di aprile, attese in crescita dello 0,2% (+0,8% in marzo). In concomitanza dell’annuncio della BCE, alle 14:30, sono attese le richieste di sussidi alla disoccupazione USA (stima 215k contro 219k della scorsa settimana) e il costo unitario del lavoro USA QoQ del 1Q24 (stima +4,7% contro zero del 4Q23).
 
Ieri i PMI dell’Europa di maggio sono risultati leggermente inferiori alle attese: Servizi 53,2 punti contro 53,3 atteso e di aprile e Composito 52,2 punti contro 52,3 atteso e 51,7 di aprile. I dati, sebbene siano tutti superiori a 50 punti, che come noto indica lo spartiacque tra recessione e crescita, rimangono tuttavia piuttosto deboli e riteniamo che sostengano la riduzione dei tassi della BCE, prevista per oggi.
 
Sul fronte USA, decisamente più bassi delle attese gli occupati non agricoli ADP di maggio (152k contro 173k attesi e 188k di aprile). Sostanzialmente in linea con le attese i PMI USA di maggio: Servizi 54,8 punti (uguale alle attese e 51,3 in aprile) e Composito (54,5 punti contro 54,4 atteso e 51,3 di aprile). Maggiore delle stime l’ISM non manifatturiero, che some noto misura lo stato di salute del settore dei servizi, di maggio (53,3 punti contro 51 atteso e 49,4 di aprile), che si porta oltre la soglia dei 50 punti. I dati indicano un’economia che, lungi dal frenare, continua a crescere, seppur in modo più lento.
 
Le azioni hanno ripreso a salire il mese scorso dopo una breve pausa ad aprile, sfidando il vecchio adagio degli investitori "sell in may and go away". L'indice S&P 500 è salito del 5,0%, segnando il miglior rendimento mensile totale da febbraio. Ha superato due nuovi massimi di chiusura, portando il totale dell'anno in corso al 24%, ha registrato cinque settimane consecutive di guadagni e si è avvicinato al livello di 5.400 durante il mese. Nel frattempo, il Dow Jones Industrial Average ha toccato il simbolico livello di 40.000 e il NASDAQ Composite ha superato per la prima volta il livello di 17.000.
 
Guardando oltre il livello dell'indice, scopriamo che 10 degli 11 settori dell'S&P 500 sono aumentati il mese scorso. La Tecnologia dell'Informazione, che ospita molte delle aziende preferite dell'Intelligenza Artificiale, ha continuato a guidare i guadagni, ma anche i Servizi Pubblici hanno seguito da vicino e il Settore Immobiliare, i Materiali e i Finanziari hanno registrato rendimenti totali compresi tra le cifre basse e medie. Mentre le azioni growth Large-cap sono state tra le migliori performance, con un aumento del 6,0%, alcune aree ciclicamente orientate hanno concluso il mese in positivo, con le Small-caps, Value e le Azioni Internazionali in rialzo rispettivamente del 5,0%, 3,2% e 3,9%.
 
Gli investitori si chiedono cosa potrebbe succedere nei mercati nella seconda parte dell’anno. Riteniamo quindi utile esaminare quelli che potrebbero essere i driver dietro i movimenti di maggio per capire se potrebbero continuare a fornire stimoli anche per la rimanente parte dell’anno.
 
Il primo trimestre del 2024 si sta delineando come il terzo trimestre consecutivo di crescita positiva degli utili per l'S&P 500, segnalando una ripresa sana dalla recessione degli utili dello scorso anno. Con il 96% delle aziende che ha riportato i propri risultati, il tasso di crescita degli utili per azione su base annua è del 5,9%, segnando il ritmo di crescita degli utili più rapido dal primo trimestre del 2022 e un significativo aumento rispetto alla stima di consenso del 3,4% prima dell'inizio della stagione delle segnalazioni. Il 78% delle aziende ha riportato una sorpresa positiva sugli EPS e il 61% ha riportato una sorpresa positiva sui ricavi.
 
È inoltre incoraggiante che la forza degli utili stia iniziando a diffondersi. Gli utili dell'S&P 500, esclusi i Magnificent 7, sono del -2,0% per il primo trimestre del 2024, ma questa cifra è notevolmente migliorata rispetto al -5,9% del quarto trimestre del 2023 e gli analisti prevedono che diventi positiva a partire dal secondo trimestre del 2024. Otto degli undici settori dell'S&P 500 stanno ora riportando una crescita positiva degli utili, e le aree cicliche stanno iniziando a mostrare segni di ripresa.
 
Degno di nota è il settore finanziario, che sta riportando una crescita degli EPS del 7,7% e ha registrato il maggior aumento dei ricavi dal 31 marzo, secondo FactSet. Gli ultimi dati sugli utili segnalano che è in corso un nuovo ciclo di profitti, il quale dovrebbe continuare a sostenere le azioni.
 
Dati sull'inflazione migliori del previsto. L'Indice dei Prezzi al Consumo (CPI) di aprile è sceso al 3,4% su base annua dal 3,5% YoY del mese precedente, mentre il core CPI, che esclude componenti volatili come cibo ed energia, è decelerato al 3,6% YoY dal 3,8% YoY precedente.
 
Dopo mesi di dati deludenti che suggerivano un arresto dei progressi sull'inflazione, le modeste decelerazioni di aprile sono state sufficienti per alleviare le preoccupazioni degli investitori riguardo a una ripresa dei prezzi e per stroncare le speculazioni secondo cui la prossima mossa della Fed sarebbe stata un aumento dei tassi di interesse piuttosto che un taglio.
 
Un mese di dati non fa una tendenza, e sebbene l'inflazione sia destinata a rimanere elevata al di sopra dell'obiettivo del 2% della Fed per un certo periodo, prevediamo che il suo graduale raffreddamento nei prossimi mesi potrebbe fornire un impulso positivo per le azioni.
 
Aspettative di allentamento. Gli investitori hanno avuto modo di valutare una varietà di dati economici misti o in moderazione il mese scorso che suggerivano una politica monetaria più facile in futuro, tra cui vendite al dettaglio lente, dati immobiliari deludenti e produzione industriale stagnante. Dati economici più deboli vengono, in modo un po' controintuitivo, accolti positivamente dalle azioni. Al centro di questa dinamica c'è la convinzione che un'economia più debole accompagnata da un raffreddamento dell'inflazione porterà a tassi di interesse più bassi.
 
Dopo aver assimilato i dati di maggio, gli investitori stanno valutando una probabilità del 50% di un taglio dei tassi entro la riunione del FOMC di settembre e una probabilità del 100% di un taglio entro la riunione di dicembre. La nostra opinione è che i dati economici continueranno a indebolirsi moderatamente man mano che l'inflazione si raffredda nei prossimi mesi, consentendo alla Fed di iniziare a tagliare i tassi entro la fine di quest'anno.
 
Tornando alla domanda iniziale, riteniamo che i principali supporti dietro l'azione del mercato di maggio probabilmente resteranno in vigore. Il nostro scenario base è che il rallentamento dei dati economici, insieme al graduale raffreddamento dell'inflazione, potrebbe consentire una politica monetaria più facile in futuro, mentre la ripresa degli utili dovrebbe continuare a sostenere i mercati.
 
Dall'altro lato, i potenziali venti contrari continuano a crescere, inclusi preoccupazioni riguardo a valutazioni elevate, possibile volatilità legata alle elezioni man mano che novembre si avvicina e tensioni geopolitiche che sembrano aumentare ogni giorno.
 
In sintesi, mentre il rischio di volatilità episodica persiste, manteniamo una visione costruttiva sulle azioni e crediamo fermamente che il mercato toro secolare rimanga intatto. Gli episodi di debolezza dovrebbero continuare a essere considerati come opportunità di acquisto per gli investitori a lungo termine.
 
 
 
 
 

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.