Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

Borse in stand-by

Pubblicato 21.02.2024, 08:46
Aggiornato 09.07.2023, 12:32

Saggio è chi crea l’armonia tra il mondo in cui vive e il suo” (Lao Tzu)



Borse in stand-by. Nonostante la riapertura di Wall Street e delle Borse cinesi, le piazze finanziarie non trovano spunti per continuare il rally e nella seduta di ieri si sono mosse intorno alla parità. Unica eccezione il Nasdaq, in rosso per la flessione di Nvidia in vista della diffusione dei risultati che saranno riportati oggi a mercati chiusi. Stando al movimento delle opzioni il titolo potrebbe vivere una giornata di forte volatilità, al rialzo o al ribasso. Non dimentichiamo che nel 2023 Nvidia ha triplicato il proprio valore e da inizio anno è già salita del 50%. I target price vanno da un minimo di $450 a un massimo di $1.200, a dimostrazione che anche gli analisti non hanno le idee convergenti sul valore del titolo basato sui fondamentali. A livello macro continuano i segnali che fanno presumere un rallentamento dell’economia: il petrolio ha perso quasi il 2% tornano a $77, il gas naturale e il future TTF restano sui minimi da maggio 2021. In controtendenza l’EUA ovvero il prezzo dei diritti di inquinamento e il Baltic Dry Index, che misura la mobilità delle merci a livello mondiale, reagendo però dai minimi di periodo. La giornata di oggi sarà caratterizzata anche da alcuni dati macro di rilievo in particolare: alle 11:00 un discorso del Presidente della Buba Nagel, alle 11:25 un discorso di Fernandez-Bollo, membro del consiglio di vigilanza della BCE e infine in serata alle 20:00 la diffusione dei verbali del FOMC.



Nella morsa dei salari?



Se i prezzi dell’energia scendono non altrettanto accade per i salari che in Europa rischiano di riaccendere l’inflazione. La crescita salariale negoziata nell'area euro, diffusa ieri dalla Bce, ha mostrato infatti una aumento al di sopra dell'inflazione target del primo semestre 2024. In particolare l'indice dei salari negoziati nell'area dell'euro della Bce è aumentato su base annua del 4,5% nel quarto trimestre 2023. Un dato in calo rispetto al 4,7% del terzo trimestre 2023, che tuttavia, non tiene conto dei dati dalla Germania. Secondo Tomasz Wieladek, chief european economist di T. Rowe Price, la crescita salariale dell’Eurozona sarebbe stata più alta “se nel calcolo fossero stati inclusi tutti gli aumenti una tantum in Germania” ovvero €1.800 per i dipendenti pubblici. Ieri, l'indice della Bundesbank è aumentato del 3,3% a dicembre e del 3,6% nel quarto trimestre 2023, su base annua. “Al 4,5%, la crescita dei salari negoziati è ancora significativamente al di sopra dell'intervallo 3-3,5% necessario per raggiungere l'obiettivo di inflazione del 2% della Bce”, ha concluso l’esperto. Questi dati mettono in salita la strada per un’inversione di tendenza della politica monetaria della Bce, con la conseguenza che il primo taglio dei tassi venga rinviato a giugno se non oltre. Per Goldman Sachs (NYSE:GS) le cose non cambiano: primo taglio in Europa nel mese di aprile. L’effetto di questo flusso di notizie è il rafforzamento dell’euro rispetto al dollaro, che torna sopra la soglia di 1,08.



Scossa cinese



La Cina ha tagliato a sorpresa il tasso di riferimento per i prestiti immobiliari. La prima manovra monetaria dal giugno scorso. Una mossa a sorpresa e molto più grande delle attese. Per gli esperti questo indica che la politica è preoccupata in particolare per settore immobiliare e che vogliono usare un approccio mirato per cercare di rivitalizzare l’economia. Sempre ieri è stato infatti reso noto che gli investimenti diretti cinesi sono a minimi da 30 anni. Qualche buona notizia è invece arrivata dal turismo: i ricavi del settore durante le festività del Capodanno lunare, terminate sabato, sono cresciuti del 47,3% rispetto al 2023 e hanno superato i livelli del 2019, grazie al boom dei viaggi interni durante una pausa più lunga del solito (un giorno aggiuntivo). Secondo i dati del ministero rispetto alle festività del Capodanno lunare del 2019, ovvero prima che la pandemia di Covid colpisse il Paese, la spesa turistica nazionale è aumentata del 7,7% e i viaggi nazionali sono aumentati del 19%. C’è comunque molto da fare per aumentare la fiducia dei consumatori giustificando un buy case sulle Borse cinesi ai minimi da 5 anni.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.