Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Correzioni in Serie: Il Mercato Deve Davvero Preoccuparsi?

Pubblicato 18.04.2024, 09:30
US500
-
BA
-
NVDA
-
ASML
-
BCU
-

Il tentativo di rimbalzo iniziale della sessione è rimasto rapidamente senza benzina. Diventano ora quattro le sedute consecutive di correzioni per il principale indice statunitense, la prima volta di questo 2024, con il drawdown che ora si assesta ad un -4,42% e con lo stesso indice che scambia al di sotto della propria media mobile a 50 periodi. A differenza delle correzioni precedenti, nella seduta di ieri, i rendimenti dei Treasury hanno mostrato un calo, così come il dollaro, che dopo cinque sedute di rialzi, ha perso lo 0,50% nella sessione di ieri, nonostante abbia guadagnato circa il 4,43% dall'inizio dell'anno.
Lo S&P 500 ha avuto difficoltà ad attirare gli investitori in aprile, con un ribasso del 4,4% dopo un rally di oltre il 10% nel primo trimestre. Tutti i settori hanno registrato perdite, dall'energetico (ETF Energy Select Sector SPDR® Fund (NYSE:XLE)) in calo dello 0,3% al settore immobiliare (The Real Estate Select Sector SPDR Fund (NYSE:XLRE)) che ha perso il 9,6%.

Le obbligazioni investment grade, rappresentate dall'indice Bloomberg US Aggregate Bond, hanno mostrato una performance deludente, calando di quasi il 2% da inizio mese. L'inflazione più alta del previsto negli USA ha spinto il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni in aumento di circa 0,36 punti percentuali, influenzando negativamente sia azioni che obbligazioni. I rischi geopolitici elevati hanno poi ridotto l'appetito per il rischio negli ultimi giorni, ma è importante ricordare come i pullback di mercato sono normali, con l'S&P 500 che in media registra tre ritracciamenti del 5% ogni anno.


Nella sessione di ieri, le azioni globali hanno mostrato una tendenza negativa, con i titoli tecnologici e di crescita statunitensi che hanno guidato la discesa, mentre i settori bancario e value hanno evidenziato performance relativamente migliori su entrambe le sponde dell'Atlantico. Questa dinamica riflette una serie di fattori macroeconomici, rendimenti obbligazionari, politiche monetarie e cambiamenti nelle valutazioni e negli utili delle aziende. Negli Stati Uniti, il declino è stato particolarmente marcato nei settori tecnologico, dove le valutazioni sono elevate, e immobiliare, caratterizzato da un alto livello di indebitamento. Invece, i settori difensivi come le utilities e i beni di consumo di base hanno registrato guadagni. Attualmente, solo il 30% dei titoli si posiziona al di sopra della media mobile a 50 giorni.

Significativo nella sessione di ieri è stato il calo del 3,9% di NVIDIA Corporation (NASDAQ:NVDA), che ha comportato una perdita di 83 miliardi di dollari di valore di mercato per il gigante dei chip, ovvero ha rappresentato quasi un terzo della perdita totale di ieri dell'indice S&P 500, misurato dall’ETF SPDR® S&P 500 (NYSE:SPY). Il titolo scambia ora a oltre il -11% dai suoi precedenti massimi, ma comunque ad un +70% da inizio anno. Questa flessione è avvenuta in seguito a un rapporto sugli utili deludente di ASML Holding (AS:ASML) che ha registrato una diminuzione del 7,1% nel suo valore.
Altrove a Wall Street, United Airlines ha registrato un impressionante salto del 17,5%, il maggiore guadagno giornaliero dalla fine del 2020 e il secondo migliore risultato post-pubblicazione di sempre dopo il +68% di giugno 2008.

Questo rialzo è stato sostenuto da risultati finanziari superiori alle aspettative, con la compagnia aerea che ha riportato una perdita per azione di soli 15 centesimi per il primo trimestre, inferiore alle previsioni degli analisti. Inoltre, i ricavi di 12,5 miliardi di dollari hanno anch'essi superato le aspettative. United Airlines ha anche offerto prospettive positive per il secondo trimestre e per l'intero anno, anticipando una continua ripresa della domanda di viaggi aerei post-pandemia e una forte crescita nei viaggi internazionali. La compagnia aerea è inoltre ben posizionata per trarre vantaggio dalla limitata capacità del settore, aggravata dalla messa a terra dei Boeing (NYSE:BA) 737 MAX 9. Attualmente, il titolo è seguito da 21 analisti, con 17 che raccomandano l'acquisto e 4 che mantengono una posizione neutrale; nessuno suggerisce la vendita. Gli analisti prevedono un potenziale di apprezzamento del 30% rispetto al prezzo corrente, con un target medio a 12 mesi fissato a 62,46 dollari.
La sessione di trading in Europa è stata invece positiva, sostenuta da un avvio promettente della stagione delle trimestrali. Il colosso del lusso LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton SE (BIT:LVMH) ha registrato un incremento del 4,5%, grazie a ricavi del primo trimestre che hanno rallentato meno del previsto, dimostrando una resilienza notevole nonostante la debole fiducia dei consumatori nei principali mercati asiatici. Questo risultato ha avuto un effetto positivo anche su Hermes, che ha visto un aumento superiore al 3%. Anche Brunello Cucinelli (BIT:BCU) ha presentato risultati incoraggianti, dissipando le incertezze sul settore del lusso. Adidas, infine, ha segnato un'impennata dell'8%, grazie a risultati eccellenti che hanno portato a un aggiornamento delle previsioni per il futuro.


Gabriel Debach
eToro Italian Market Analyst

Disclaimer: Il contenuto di questa newsletter è di natura informativa ed educativa e non può essere considerata come attività di consulenza finanziaria né come raccomandazione all’investimento.
Performance passate non sono indicative di performance future. Il trading è rischioso e si raccomanda di rischiare solo il capitale che si è disposti a perdere.
Dovresti chiedere consiglio a un consulente finanziario indipendente e debitamente autorizzato e assicurarti di avere la propensione al rischio, l'esperienza e la conoscenza opportune prima di decidere di investire. In nessuna circostanza eToro si assumerà alcuna responsabilità nei confronti di persone fisiche o giuridiche per (a) qualsiasi perdita o danno, interamente o parzialmente causati da, dovuti a, o relativi a qualsiasi transazione legata ai CFD o (b) qualsiasi danno diretto, indiretto, speciale, consequenziale o incidentale.
I mercati delle criptovalute sono servizi non regolamentati e non sono controllati da nessun quadro normativo specifico europeo (incluso il MiFID) o nelle Seychelles. Pertanto, quando utilizzi il nostro Servizio di Trading di Criptovalute non potrai beneficiare delle protezioni disponibili per i clienti che ricevono servizi di investimento regolamentati (a seconda dei casi) dal MiFID, come l'accesso al Cyprus Investor Compensation Fund (ICF)/al Financial Services Compensation Scheme (FSCS) e al Financial Ombudsman Service per la risoluzione delle controversie, né delle protezioni disponibili ai sensi del quadro normativo delle Seychelles.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.