Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

Flusso cedolare del 16,44% con un certificato su tre big cap italiane

Pubblicato 28.02.2024, 06:00
Aggiornato 26.04.2022, 10:40

Il certificato di BNP Paribas con ISIN XS2074182002 su Stellantis (BIT:STLAM), Unicredit (BIT:CRDI) e Telecom Italia (BIT:TLIT) prevede l’erogazione di una cedola mensile del 1,37% per un flusso cedolare annuo del 16,44%, a condizione che nessuno dei tre sottostanti perda più del 40% dai valori iniziali, condizione valida anche per il rimborso del nominale alla scadenza.

Emesso il 22 febbraio, il certificato è acquistabile sotto pari a 99,70€ con il worst of Telecom Italia sotto strike solamente dello 0,77%, mentre Stellantis segna -0,23% ed Unicredit +0,94%.

Il certificato presenta, come la maggior parte dei cash collect attualmente quotati, l’effetto memoria sulle cedole, come fattore di ulteriore protezione. Tale effetto si attiva se ad una delle date di osservazione trimestrali uno o più sottostanti scendono al di sotto del livello barriera, ovvero in questo caso perdono più del 40% dai prezzi attuali. La cedola non verrebbe erogata, essendo per l’appunto al di sotto del livello barriera, ma non sarebbe persa, bensì accantonata “in memoria” e pagata successivamente alla prima osservazione utile nella quale tutti i sottostanti abbiano recuperato almeno il livello barriera.

LA SITUAZIONE DEL MERCATO
Continua il buon momento del FTSE MIB, che dopo aver superato i 30.000 punti ha consolidato al rialzo la posizione toccando il massimo relativo a 32.711 punti settimana scorsa. Lo slancio sembra però essersi esaurito e negli ultimi giorni il listino si è mosso all’interno di un range di circa 200 punti, meno del 1%. In tale contesto l’investimento in certificati risulta particolarmente interessante in quanto va a coniugare l’ottenimento di un flusso cedolare periodico con la protezione in caso di ribassi moderati del mercato. Investendo direttamente sui sottostanti sarei esposto al rischio di subire delle perdite in caso di ribasso dei titoli, mentre con l’acquisto di un certificato posso ottenere dei rendimento anche in fasi di lateralità o addirittura di ribasso, nei limiti del 40% in questo caso.

Il basket del certificato è composto da tre dei principali titoli del nostro listino, ovvero Stellantis, Unicredit e Telecom Italia.

STELLANTIS
Nel corso del 2023 il titolo Stellantis è passata da poco più di 13€ fino a quasi 22€, salvo poi correggere leggermente e chiudere l’anno intorno ai 21€ per azione. L’inizio del 2024 sembrava lasciar spazio ad un rallentamento dopo la forte salita, con il prezzo tornato vicino ai 19€ a fine gennaio. Ma il mese di febbraio ha visto una nuova accelerazione rialzista, grazie ad un’ottima trimestrale, con un fatturato sopra le attese ma soprattutto un EPS a 1,48€ contro 1,34€ attesi.
Il titolo continua ad essere impostato al rialzo e sia i target price che i modelli di investimento di InvestingPro vedono una fair value al di sopra del valore attuale, rispettivamente a 26,46€ e 32,40€. Lo strike del certificato è posto a 24,23€ mentre la barriera il 40% più in basso, e precisamente a 14,538€, sui minimi relativi di giugno dai quali è partito il trend rialzista attuale.

Andamento Stellantis; fonte Investing.com

UNICREDIT
Continua a macinare trimestrali da record anche Unicredit, con un EPS del 45% superiore alle attese e fatturato trimestrale a quasi 6 miliardi. L’utile nel 2023 è salito del 53,8%, arrivando a 8,6 miliardi, rispetto ai 5,6 miliardi del 2022. Ne beneficia la quotazione che ha visto il titolo riportarsi sopra ai 30€, valore che non vedeva dal lontano 2015. Ma l’ascesa potrebbe non fermarsi qui, con diverse banche d’affari che hanno alzato i loro target price spingendosi fino a 47€, con un valore medio di 36,21€. Lo strike del certificato a 30,46€ è praticamente sui prezzi attuali, mentre la barriera a 18,27€.

Andamento Unicredit; fonte Investing.com

TELECOM ITALIA
Dei titoli del basket, sicuramente il meno in forma è Telecom Italia, anche se nelle ultime trimestrali il fatturato è tornato a crescere in modo abbastanza costante. Il tema della rete unica rimane centrale nelle discussioni politiche ed un’eventuale conclusione dell’iter potrebbe dare un forte impulso rialzista. In generale il settore delle telecomunicazioni rimane molto appetibile per il 2024. Nei due anni precedenti infatti l’inflazione ha eroso i margini delle aziende che stanno ora trasferendo sui clienti finali tali maggiorazioni, andando a recuperare margini. A prescindere da questo, e analizzando solo la struttura del certificato, il livello barriera si trova a 0,1708€ esattamente sul minimo toccato a fine 2022, mentre il prezzo di strike a 0,2847€ è leggermente sopra al prezzo attuale.

Andamento Telecom Italia; fonte Investing.com

PROTEZIONE E RENDIMENTO
Tutti e tre i sottostanti presentano livelli barriera e quindi di protezione molto profondi e questo è il fattore più importante in un certificato in quanto ci fa capire fino a dove il nostro capitale nominale e il flusso cedolare sono garantiti dall’emittente. Fino a che nessuno dei sottostanti scende sotto a tali livelli, infatti, il certificato paga una cedola mensile del 1,37% con un flusso cedolare annuo del 16,44%. Come già anticipato le cedole prevedono l’effetto memoria, quindi nel caso in cui uno dei tre titoli si trovi al di sotto del -40% alla data di osservazione, la cedola non viene pagata ma accantonata in memoria. Sarà sufficiente che entro la scadenza (anche eventualmente il giorno stesso della scadenza) il titolo worst of risalga al di sopra di tale livello per vedere erogate tutte le cedole precedentemente accantonate.

DURATA E POSSIBILE SCADENZA ANTICIPATA
La scadenza naturale del certificato è prevista per il 3 marzo 2027, con una durata di tre anni, ma da agosto 2024, precisamente dall’osservazione del 22 agosto, è prevista la possibilità di richiamo anticipato da parte dell’emittente, a sua discrezione, essendo un prodotto callable. Dato l’acquisto ad oggi sotto la pari, a 99,70€, in caso di richiamo anticipato alla prima data utile si avrebbe comunque un rendimento di oltre l’8,5% in meno di sei mesi, dato da 8,22€ di cedole (6 cedole del 1,37%) più 0,30€ di capital gain sul nominale. Quindi anche in caso di richiamo anticipato, uno scenario estremamente positivo.

SCENARI A SCADENZA
La possibilità di richiamo anticipato da parte dell’emittente sarà poi prevista ad ogni osservazione mensile e qualora non avvenisse prima della naturale scadenza, a marzo 2027 si avranno due scenari:
- il rimborso al nominale di 100€ a certificato qualora nessuno dei sottostanti si trovi in quel momento in ribasso di oltre il 40% dai prezzi iniziali. Si avrà in questo caso quindi un rimborso superiore al prezzo di acquisto con un capital gain di 0,30€ sul valore nominale, cui aggiungere l’erogazione di 36 cedole mensili del 1,37% per un totale del 49,32% in tre anni. Va sempre ricordato che i certificati generano redditi diversi e in caso di minusvalenze presenti in portafoglio queste cedole permetterebbero di andarle a compensare, ottenendo quindi l’esenzione dal pagamento del capital gain fino alla completa copertura delle minus pregresse.
- il rimborso in misura proporzionale rispetto alla performance negativa del worst of qualora almeno uno dei tre titoli si trovi sotto alla barriera di protezione. Se ad esempio Unicredit dovesse scendere del 47% rispetto ai prezzi di strike, il certificato rimborserebbe 53€ su un nominale di 100€, anche se a tale valore andrebbero comunque sommate le cedole incassate nel corso della vita del prodotto.

RIEPILOGO
Nonostante la forte salita, il nostro indice sembra avere la forza di proseguire il trend e sopratutto di consolidare la sua posizione sopra al livello chiave dei 30.000 punti. Il basket vede due delle aziende più toniche del FTSE MIB, ovvero Unicredit e Stellantis, e Telecom, che negli ultimi anni ha dimostrato diverse difficoltà. La combinazione di questi tre titoli permette la costruzione del XS2074182002, che nonostante un basket composto da soli tre titoli, offre un flusso cedolare davvero importante, pari al 1,37% mensile (16,44% annuo), a condizione che nessuno dei tre sottostanti perda oltre il 40% dai prezzi attuali.

Va infine specificato che investire in certificati espone al rischio di fallimento dell’emittente e al rischio di azzeramento del sottostante, casi che possono provocare la perdita dell’intero investimento. In questo caso l’emittente è BNP Paribas che presenta un rating Aa3 (Moody’s), sinonimo di solidità dell'emittente. Il basket è composto da tre delle principali aziende del nostro paese, motivo per cui il rischio azzeramento del sottostante è limitato.

Se ritieni interessanti e utili le mie analisi e valutazioni, e vuoi essere aggiornato in tempo reale sulle mie pubblicazioni, clicca sul pulsante SEGUI dal mio profilo.

DISCLAIMER
“La presente pubblicazione è stata redatta in completa autonomia e riflette quindi esclusivamente le opinioni e le valutazioni dell’autore. Quest'articolo è stato scritto a titolo esclusivamente informativo; non costituisce sollecitazione, offerta, consiglio, consulenza o raccomandazione all'investimento e in quanto tale non vuole incentivare in nessun modo l'acquisto di assets. Le informazioni e le opinioni contenute nella presente pubblicazione sono state ottenute o estrapolate da fonti ritenute affidabili dall’autore; tuttavia, l’autore non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, adeguatezza o completezza. L’emittente e le società ad esso collegate non si assumono alcuna responsabilità per il relativo contenuto. Gli scenari, i dati e le performance passate, i prezzi stimati, gli esempi dei potenziali ricavi o le valutazioni hanno valore meramente illustrativo/informativo, senza alcuna garanzia che tali scenari o ricavi potenziali possano verificarsi o essere conseguiti. In ogni caso, l’autore non è responsabile per qualsiasi perdita o danno, diretto o indiretto, che possa derivare dall’utilizzo dei contenuti della presente pubblicazione.”

Ultimi commenti

Buongiorno, sui rimborsi anticipati non c’è nessuna barriera quindi x averlo occorre che tutti e 3 i sottostanti abbiano un prezzo maggiore o uguale a quello di strike. Ma il rimborso a scadenza invece ha la barriera del 60% vero?… Qualcuno mi conferma che è cosi? Grazie
Sì confermo, a scadenza c'è la barriera del 60%. Quindi se uno dei 3 titoli perde più del 40% verrà rimborsata tale performance, come spiegato alla fine dell'articolo con l'esempio di Unicredit.
Buongiorno, una domanda. Questo certificato, a scadenza, come si comporta? Se nessuna delle tre le azioni scende sotto la barriera, viene restituito il valore nominale di 100 euro? Se invece almeno una scende sotto la barriera? Grazie
le banche sono ai loro massimi e potrebbero anche perderlo il 40% da qui ai prox anni stellantis magari no
Se le banche oerdono il 40% succede qualcosa di più che il taglio dei tassi e in tali condizioni la gente non compra la macchina nuova
Per quanto si deve tenere il certificato per poterlo vendere senza penali (se ci sono)?
Non ci sono penali di uscita e non si paga niente ad uscire
 esatto, confermo. Sempre liberamente vendibile al prezzo di mercato
E hai la dispinibilita sul conto dopo due giorni laborativi !
Bell’articolo
💯 pavan
Grazie mille
Buongiorno mi unisco alla domanda precedente: posso vendere il certificato prima della scadenza? a che prezzo? grazie per l'articolo
Si è quotato e l'emittente fa obbligatoriamente da market maker quindi si può vendere in ogni momento. Il prezzo di mercato al momento della vendita dipenderà dall'andamento dei sottostanti, se dovessero scendere, scenderà anche il prezzo, anche se in misura meno che proporzionale inizialmente.
posso vendere il certificato prima della scadenza? a che prezzo? grazie per l'articolo
personalmente ritengo unicredit la più probabile a scendere sotto il valore limite
Si è quotato e l'emittente fa obbligatoriamente da market maker quindi si può vendere in ogni momento. Il prezzo di mercato al momento della vendita dipenderà dall'andamento dei sottostanti, se dovessero scendere, scenderà anche il prezzo, anche se in misura meno che proporzionale inizialmente. Ovviamente c'è una componente di rischio, altrimenti non renderebbe il 16%, ma non definirei "probabile" il fatto che Unicredit possa perdere il 40%.
Peccato che con questo cod isin il sito unicredit non lo trovi
Se intende nel sito unicredit è normale, essendo un prodotto di BNP Paribas lo trova nel sito di BNP Paribas. Se invece intendeva nell'home banking può essere che la banca non l'abbia ancora censito, essendo stato emesso settimana scorsa.
Cosa succede se vendo il Certificato prima della scadenza naturale?
Incasserà le cedole fino al momento della vendita che avverrà al prezzo di mercato. L'emittente è sempre obbligato al riacquisto al prezzo di mercato, che dipenderà dall'andamento dei titoli.
Perfetto, chiarissimo, la ringrazio.
Io ho puntato su questo CH1314029567 e mi sta regalando ottime soddisfazioni con una cedola del 18
LiAuto/Nio è un basket decisamente più rischioso rispetto a questo
se i 3 titoli sottostanti sono sopra lo strike a settembre 2024 viene liquidato il certificato??
No, non necessariamente. Dipenderà dalla volontà dell'emittente. Non c'è l'opzione autocall, ovvero il richiamo automatica, ma è un prodotto callable, ovvero sarà l'emittente che da settembre deciderà ad ogni osservazione se richiamare o meno. Ovviamente nel caso in cui avvenga, il richiamo sarà sempre al nominale.
Credo che lo "richiameranno" quando arriveranno diversi tagli dei tassi da parte della BCE...
Perche?
Su investing non lo trovo, cercando per ISIN. Nemmeno dall'home banking lo vedo. E' acquistabile solo dall'istituto BNP Paribas?
Potrebbe essere dovuto al fatto che è di recente emissione. E' comunque acquistabile da tutti i conto titoli essendo quotato
No è acquistabile da qualsiasi conto titoli essendo quotato su Borsa italiana. Potrebbe non essere ancora censito essendo di recente emissione. Eventualmente sul sito dell'emittente trova tutte le informazioni sul prodotto
I certificates vengono collocati dalle bance su base mensile. Bisogna verificare in quale giorno è partita la sottoscrizione e quando viene chiusa e solo dopo la chiusura ci vogliono almeno cinque giorni lavorativi prima di trovarlo sui mercati con codice Isin
Sembra molto interessante
il certificato in questione costa all'acquisto 370 euro su 10.000 + il 4,15% annuo
Il certificato viene acquistato al nominale, rimborsato al nominale e paga il flusso cedolare previsto. Il KIID è un ottimo strumento per analizzare i fondi, ma non ha alcun senso nei certificati. I costi di strutturazione del prodotto sono già compresi nella struttura stessa. E' un titolo quotato, non c'è alcun costo di acquisto e alcun costo di gestione
Interessante!
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.