I ritorni dall’inizio dell’anno per le principali asset class sono in calo

Pubblicato 31.10.2023, 12:51
VTI
-
US10YT=X
-
JNK
-
VNQ
-
VNQI
-

La settimana scorsa i mercati hanno avuto una parziale tregua, ma il profilo del trend è ancora complessivamente negativo, in base a un’ampia misurazione delle principali classi di asset attraverso una serie di ETF.

L’Indice dei Mercati Globali (GMI) è sceso ancora nella settimana di trading fino a venerdì 27 ottobre, segnando il quinto calo settimanale negli ultimi sei.

Su base annua, il GMI sta ancora registrando un modesto guadagno del 3,4%, ma la discesa dai massimi estivi sembra essere in corso mentre il 2023 si avvicina agli ultimi due mesi dell’anno.

Il GMI è un benchmark non gestito che detiene tutte le principali classi di asset (ad eccezione della liquidità) tramite ETF e rappresenta una misura competitiva per le strategie di portafoglio multi-asset class.

Le azioni statunitensi (VTI) continuano a guidare le performance del 2023, anche se in misura minore rispetto ai mesi precedenti.

Le azioni americane sono attualmente in rialzo del 7,5% fino alla chiusura di venerdì. Il secondo miglior performer: le obbligazioni spazzatura statunitensi (JNK) con un guadagno del 3,4%.

GMI-ETFs-YTD Returns

Gli immobili commerciali statunitensi ed esteri (VNQ e VNQI) continuano a segnare le perdite più consistenti quest’anno per le principali asset class, con cali superiori al -10% nel 2023.

Due fattori di rischio chiave continuano a pesare sul sentiment degli investitori: il potenziale di una guerra in Medio Oriente e l’inasprimento passivo della politica della Fed negli ultimi mesi attraverso l’aumento dei rendimenti del Tesoro.

Bloomberg riporta stamattina che “i mercati mediorientali valutano bassa la probabilità di una guerra regionale più ampia”, ma l’espansione dell’offensiva di terra di Israele a Gaza oggi potrebbe cambiare il calcolo.

“C’è un rischio reale di escalation”, afferma Sanam Vakil, direttore del programma Medio Oriente e Nord Africa presso Chatham House, un think tank con sede a Londra, in un’intervista rilasciata domenica.

Nel frattempo, se la Federal Reserve manterrà il suo tasso obiettivo all’attuale intervallo 5,25%-5,50%, ciò si tradurrà in un tasso reale positivo.

Il parametro preferito dalla Fed per misurare la pressione sui prezzi, l’inflazione PCE core, è sceso ancora il mese scorso, scendendo al 3,7% su base annua fino a settembre.

Il rendimento dei Treasury decennali, invece, è aumentato di recente e venerdì ha chiuso al 4,84%, vicino ai massimi di 16 anni e ben al di sopra del tasso di inflazione core.

Supponendo che l’inflazione continui a scendere, si avrà un inasprimento passivo a meno che la banca centrale non tagli i tassi, una probabilità bassa, in base ai future sui Fed funds. L’annuncio della Fed di questa settimana (1 novembre) dovrebbe lasciare i tassi invariati.

“Il fatto che il mercato obbligazionario stia fornendo la stretta voluta dalla Fed significa che la Fed può essere un po’ più cauta”, afferma Shamik Dhar, capo economista di BNY Mellon Investment Management.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.