Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

Il ribasso delle obbligazioni è un'opportunità di acquisto

Pubblicato 24.08.2023, 08:46
Aggiornato 09.07.2023, 12:31

"Cina, Giappone, inflazione, deficit e QT, ohimè!". - Il canto dei trader obbligazionari che guardano i rendimenti salire.

Nonostante i rendimenti più alti degli ultimi 15 anni, alcuni trader obbligazionari ribassisti pensano che possano salire ancora. Nella loro mente, Cina, Giappone, deficit fiscali in crescita, inflazione e QT rappresentano venti di coda per un aumento dei rendimenti.

Abbiamo scritto diversi articoli in cui spieghiamo perché i trend di crescita economica consolidati nel lungo periodo e la bassa inflazione associata, uniti a una leva finanziaria elevata e in aumento, garantiscono tassi di interesse più bassi. Questo articolo difende la nostra tesi e ci aiuta ad apprezzare meglio le preoccupazioni ribassiste che gravano sui trader obbligazionari.

Come afferma la citazione di Peter Atwater, la "spiegazione più semplice" è di solito la più popolare, ma questo non la rende corretta. Le preoccupazioni di cui discutiamo fanno notizia e possono temporaneamente influenzare i rendimenti obbligazionari, ma sono degne di rendimenti molto più elevati?

Peter Atwater Quote Bonds

La nostra tesi rialzista sulle obbligazioni

Abbiamo scritto ampiamente sulla nostra tesi rialzista per le obbligazioni. Prima di passare in rassegna le recenti preoccupazioni dei trader obbligazionari ribassisti, riportiamo i link e le citazioni dei nostri articoli più recenti sulle obbligazioni.

Azioni e obbligazioni: Dove allocare le risorse per i prossimi 10 anni?:

La storia, il rigore analitico e la logica sostengono che gli investitori buy-and-hold di lungo periodo dovrebbero spostare la loro allocazione dalle azioni alle obbligazioni.

Il governo non può permettersi un livello più alto ancora a lungo, molto più a lungo:

Se non siete d'accordo con le nostre motivazioni economiche a favore di una riduzione dei tassi, questa analisi potrebbe convincervi che la Fed e il governo non hanno altra scelta se non quella di ridurre i tassi d'interesse.

Perché si dovrebbe prendere in considerazione l'acquisto di buoni del Tesoro adesso:

In altre parole, l'asset class più odiata del 2022 potrebbe avere una performance migliore rispetto alle azioni in caso di recessione. Quindi, sì, i privati hanno un'opportunità di valore significativa nell'acquistare titoli di Stato oggi.

La Cina

Circolano voci che la Cina venderà titoli del Tesoro americano per sostenere la propria valuta. La Cina è il secondo maggior detentore straniero di Treasury.

La Cina potrebbe vendere alcuni dei suoi titoli del Tesoro? Sì, i titoli statunitensi in loro possesso sono soggetti a continue fluttuazioni. Tuttavia, un'azione del genere potrebbe fare più male che bene alla Cina.

Major Foreign Holders Of US Bonds

Il yuan si trova ora ai minimi del 2007.(Il grafico mostra quanto costa uno yuan per acquistare un dollaro. Pertanto, la recente tendenza al rialzo rappresenta una svalutazione dello yuan).

A differenza dell'impennata economica statunitense post-pandemia, la recente riapertura della Cina ha fatto ben poco per rivitalizzare la crescita. A metà agosto, la Cina ha inaspettatamente tagliato i tassi di interesse per stimolare l'attività. L'economia cinese in difficoltà e le azioni per contrastarla hanno indebolito ulteriormente lo yuan.

USD/CNY Price Chart

La Cina rischia un'ulteriore svalutazione della moneta se stimola l'attività economica con una riduzione dei tassi e della spesa fiscale. Uno yuan debole rispetto al dollaro è positivo per la Cina in quanto promuove le esportazioni.

Tuttavia, incentiva anche i deflussi di capitale, esercitando ulteriori pressioni sullo yuan. Se invece la Cina decide di sostenere lo yuan, probabilmente dovrà vendere titoli del Tesoro. Ciò potrebbe rivelarsi dannoso se i rendimenti delle obbligazioni statunitensi aumentassero, favorendo ulteriormente i deflussi di capitale.

La manipolazione valutaria non sarebbe probabilmente prolungata né comporterebbe una vendita eccessiva di titoli del Tesoro. Inoltre, probabilmente venderanno titoli a breve termine per limitare le perdite di realizzo sulle loro obbligazioni a lungo termine. Inoltre, i titoli del Tesoro costituiscono un quarto delle loro riserve estere, il che significa che hanno altri asset in dollari da vendere oltre ai Treasury.

In conclusione: Anche se la Cina vendesse obbligazioni, l'effetto sarebbe temporaneo e probabilmente venderebbe titoli a breve termine che hanno un impatto minimo sui rendimenti a lungo termine. Se invece si concentra sull'economia, uno yuan più debole stimolerà l'economia cinese e aumenterà i flussi di capitale dalla Cina, il che potrebbe sostenere le obbligazioni statunitensi a margine.

Il Giappone

La Bank of Japan (BOJ) ha recentemente modificato il modo in cui gestisce i rendimenti, noto come controllo della curva dei rendimenti (YCC). Ora condurrà operazioni di mercato "flessibili". La BOJ aveva fissato un tetto massimo ai rendimenti di ten-year allo 0,5%. Di conseguenza, interveniva sui mercati quando i rendimenti raggiungevano lo 0,50% per garantire che non salissero oltre lo 0,5%.

La nuova politica aumenta il tetto all'1,0%, ma consente di gestire i mercati in modo che i rendimenti non salgano immediatamente all'1,0%. Dato l'elevato indebitamento del Giappone, l'inflazione in aumento, i dati demografici negativi e le tendenze di crescita economica trascurabili, il Giappone rischia una catastrofe economica se perde il controllo dei rendimenti.

Negli ultimi oltre 20 anni, la BOJ ha utilizzato enormi quantità di liquidità per mantenere i tassi di interesse estremamente bassi. I bassi rendimenti giapponesi e gli scarsi rendimenti del mercato azionario hanno incentivato molti privati e fondi pensione giapponesi ad acquistare asset statunitensi.

Molti di questi investitori hanno acquistato obbligazioni del Tesoro americano. Inoltre, la debolezza dello yen e i tassi bassi hanno permesso agli hedge fund di prendere in prestito yen, convertirli in dollari e acquistare attività statunitensi in un'operazione di carry trade. Una parte di questi capitali provenienti dal Giappone è finita sui mercati del Tesoro americano.

In conclusione: L'aumento dei rendimenti in Giappone potrebbe indurre alcuni investitori giapponesi a vendere obbligazioni statunitensi e ad acquistare obbligazioni giapponesi. Tuttavia, anche all'1%, il rendimento è ancora tristemente inferiore a quello dei titoli statunitensi, pari al 4-5%. Inoltre, lo yen si è indebolito.

Un indebolimento di yen incentiva gli investitori giapponesi a mantenere il denaro in dollari. Infine, il carry trade è spesso di natura a breve termine. I tassi di prestito a breve termine in Giappone sono ancora vicini allo zero per cento. A meno che questo non cambi, è probabile che la maggior parte dei carry trade persista.

Conclusione

La Cina e il Giappone potrebbero provocare temporanei sconvolgimenti nei mercati obbligazionari. Tuttavia, sottolineiamo che tali eventi saranno probabilmente di breve durata, con effetti a lungo termine insignificanti.

Inoltre, se le loro azioni dovessero creare problemi di liquidità o un'impennata dei rendimenti obbligazionari, la Fed e il Tesoro potrebbero intervenire per minimizzare il loro effetto sui mercati obbligazionari.

Siamo fermamente convinti che i rendimenti obbligazionari scenderanno nel medio termine. È molto improbabile che le azioni di politica monetaria o valutaria intraprese dalla Cina o dal Giappone per stabilizzare la loro economia o i loro mercati possano modificare la nostra opinione.

Il prossimo articolo si concentrerà sui fattori interni che fanno sperare i trader obbligazionari ribassisti in un aumento dei rendimenti.

Ultimi commenti

Sì inevitabile, tassi scenderanno
Analisi interessante. Grazie!
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.