Ultime Notizie
0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Ulteriori informazioni

Le borse precipitano, di nuovo. Oro in rialzo. WTI sotto pressione

it.investing.com/analysis/le-borse-precipitano-di-nuovo-oro-in-rialzo-wti-sotto-pressione-200435853
Le borse precipitano, di nuovo. Oro in rialzo. WTI sotto pressione
Da Ipek Ozkardeskaya   |  06.03.2020 16:13
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Questa settimana i mercati azionari si sono mossi all’insegna di brusche oscillazioni al rialzo e al ribasso, muovendosi in modo totalmente casuale e rifiutando furiosamente tutte le forme di supporto da governi e banche centrali.

A questo punto nessuno può davvero spiegare perché i mercati si stiano comportando così e quale potrebbe essere la mossa successiva. L’unica cosa che possiamo dire è che la volatilità elevata è un male, che essa sia positiva o negativa.

Gli indici azionari USA continuano a determinare il sentiment globale. Giovedì Dow (-3,58%), S&P500 (-3,39%) e Nasdaq (-3,10%) sono precipitati di nuovo, facendo sprofondare le borse asiatiche venerdì. Il Nikkei è scivolato del 2,72%, mentre ASX 200 e CSI 300 hanno ceduto rispettivamente il 2,81% e l’1,62%.

Anche FTSE (-1,95%) e DAX (-2,20%) si preparano a perdite pesanti in avvio di seduta.

Le vendite hanno un nome: coronavirus, di nuovo. Le infezioni registrate sono quasi 100.000 e ancora nessuna notizia positiva su un vaccino. Nel frattempo, il virus continua a mietere vittime, con i primi decessi annunciati nel Regno Unito e in Svizzera, e a paralizzare la vita altrove. In Italia, scuole e uffici sono chiusi e alle persone si chiede di lavorare da casa.

Annullamenti di vacanze in massa, un significativo calo dei viaggi in generale e l’apprensione dovuta all’inceppamento delle catene di fornitura e alle voci secondo cui la Cina potrebbe mentire sulla ripresa delle attività spiegano perché questa volta la questione va oltre il controllo di governi e banchieri centrali.

I capitali verso i beni sicuri si riversano su oro, yen e franco svizzero.

L’oro si sta preparando alla settimana migliore dal 2016. Il metallo prezioso viene scambiato a $1680 all’oncia e il rafforzamento del momentum positivo potrebbe incoraggiare un ulteriore rialzo verso la soglia a $1700. L’oro, tuttavia, non è prova di virus. Stanno aumentando i lunghi speculativi sull’oro e la scorsa settimana abbiamo visto che la correlazione negativa fra oro e asset rischiosi potrebbe interrompersi improvvisamente, nel momento in cui chi detiene i lunghi speculativi ritenesse che è ora di incassare i profitti.

Il greggio WTI rimane nelle mani degli orsi, anche dopo la decisione dell’OPEC di tagliare la produzione di altri 1,5 milioni di barili al giorno. L’accordo, però, è vincolato all’approvazione della Russia. Tutti gli occhi ora sono puntati sulla decisione finale che arriverà dall’odierna riunione del gruppo OPEC+. La notizia di un possibile taglio del valore di 1,5 milioni di barili al giorno non ha innescato un movimento al rialzo nei prezzi del petrolio; ciò è dovuto sicuramente al fatto che gli investitori sono scettici sulla reazione russa alla proposta. Nessun investitore vuole giocare alla roulette russa in un contesto di mercato così volubile, soprattutto visto che le probabilità che la Russia ponga il veto a nuovi tagli sono relativamente elevate. In tal caso, il prezzo al barile potrebbe precipitare verso i $40. Se, invece, la Russia accettasse l’accordo, l’intervento dell’OPEC+, che va oltre le stime degli analisti, potrebbe far salire il WTI verso i $50 al barile.

Sui mercati valutari, il dollaro USA continua a sanguinare. Il dato sugli ordinativi alle fabbriche, pubblicato ieri, ha mostrato una contrazione dello 0,5% a febbraio, più del -0,2% previsto dagli analisti e a fronte del +1,9% del mese precedente. Nel quarto trimestre, la produttività del lavoro nelle aziende non agricole è cresciuta dell’1,2% a/a, meno dell’1,4% stimato dagli analisti, e nello stesso periodo la produttività del manifatturiero è diminuita dello 0,8%. La produttività complessiva è cresciuta al ritmo maggiore dal 2010, compensando un po’ lo shock da coronavirus sulla produzione, ma gli investitori non erano dell’umore giusto per trovare un aspetto positivo.

Il dato sulle buste paga non agricole in uscita oggi frenerà le vendite sul dollaro USA oppure continuerà a indebolire il biglietto verde. Gli analisti prevedono 175.000 nuovi posti di lavoro nel settore non agricolo a febbraio, meno delle 225.000 del mese precedente. Un dato debole dovrebbe rafforzare le colombe della Federal Reserve (Fed) e pesare sul dollaro USA. Invece una lettura sopra le 200.000 unità per il secondo mese consecutivo dovrebbe inviare un segnale rassicurante agli investitori e innestare una ripresa dei rendimenti USA, ma potrebbe non riuscire a invertire la solida flessione che tiene conto di un ulteriore e più marcato taglio del tasso dalla Fed già questo mese.

Il rendimento dei decennali USA è precipitato allo 0,83%. Ora l’attività nei mercati dei titoli sovrani USA suggerisce una probabilità dell’84% di un altro taglio di 50 punti base alla riunione del FOMC del 15-16 marzo, e una probabilità del 16% di una sforbiciata da 75 punti base.

Le borse precipitano, di nuovo. Oro in rialzo. WTI sotto pressione
 

Articoli Correlati

Le borse precipitano, di nuovo. Oro in rialzo. WTI sotto pressione

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email