Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Mercati: 7 previsioni per iniziare il 2023

Pubblicato 02.01.2023, 13:18
US500
-
LLY
-
MRK
-
SPY
-
TSLA
-
US2YT=X
-
META
-
DE10IT10=RR
-
US2US10=RR
-

La situazione dovrebbe tornare alla normalità questa settimana, con l’arrivo di una serie di dati economici e dei verbali del FOMC di dicembre. Non credo che i verbali del FOMC forniranno alcuno spiraglio di speranza per i tori, in quanto probabilmente sottolineeranno lo stesso tono, se non più falco, rispetto alla conferenza stampa del FOMC.

Il mercato obbligazionario ci ha detto che si aspetta che la Fed sia più aggressiva nel 2023, con tassi in costante aumento dal vertice del FOMC di dicembre. Il cambiamento più significativo nei future sui Fed Funds si è verificato dopo l’estate del 2023, con un aumento significativo dei tassi rispetto al livello precedente alla riunione del FOMC. I verbali della Fed di mercoledì dovrebbero ribadire l’impegno della Fed a portare il tasso overnight al 5,1% e potenzialmente più in alto nel 2023.

Fed Funds Rate Chart

1. Curva dei Treasury

Il rialzo dei future sui Fed Funds di dicembre 2023 ha contribuito a fare salire il tasso dei Treasury a due annui. Lo spread si è costantemente attestato intorno ai 21 punti base dalla fine di novembre. Se dobbiamo credere che questo spread rimanga costante, o addirittura si riduca un po’, e che la Fed riesca a far salire il contratto di dicembre al livello del 5,1% indicato nel SEP di dicembre, è probabile che il Treasury a 2 anni possa salire fino a circa il 4,9% nel 2023 o oltre.

Fed Funds Futures, US 2-Yr Yield Price Chart

Pertanto, i tassi sulla curva dei Treasury sono troppo bassi e probabilmente aumenteranno di altri 50 punti base rispetto al livello attuale nel 2023, continuando a mettere sotto pressione i multipli dei titoli azionari. Pertanto, la lettura dei verbali del FOMC di mercoledì avrà un ruolo importante nel determinare il livello di rialzo dei tassi. Inoltre, anche il report sul lavoro di venerdì sarà fondamentale, soprattutto se si considera che è previsto un aumento del 5% della retribuzione oraria media su base annua.

2. Saldo delle riserve

Lo scorso venerdì abbiamo assistito a un’attività di reverse repo che ha raggiunto un livello record di oltre 2,5 mila miliardi di dollari. Ciò significa che il saldo delle riserve è probabilmente sceso ben al di sotto dei 2.800 miliardi di dollari durante la settimana. Alla data di chiusura di mercoledì, i saldi delle riserve avevano già toccato il minimo da 52 settimane, e l’attività repo di venerdì ha probabilmente spinto i saldi delle riserve decisamente più in basso.

Quando i tassi delle riserve toccano nuovi minimi, vediamo solitamente l’S&P 500 toccare nuovi minimi in concomitanza con i minimi delle riserve. Vedremo cosa accadrà questa settimana.

Reserve Balance with Fed Reserve

3. S&P 500 (SPY)

La configurazione tecnica non sembra favorevole per l’SPDR S&P 500 (NYSE:SPY), con un pattern di consolidamento laterale che assomiglia a un triangolo simmetrico. In genere, si tratta di pattern di continuazione, che suggeriscono che l’S&P 500 possa spingersi più in basso questa settimana.

SPY 1-Hr Chart

Se questa è la struttura corretta, potremmo assistere a un calo fino al gap di 3.580 o potenzialmente a un nuovo minimo assoluto. L’indice potrebbe risalire fino a 3.850 prima di scendere.

SPY 1-Hr Chart

4. Merck (MRK)

Merck & Company (NYSE:MRK) è un titolo eccellente decisamente da seguire, che è salito direttamente negli ultimi due mesi e non sono sicuro di capirne il perché. Ma a questo punto c’è una chiara divergenza ribassista, con un RSI che tende al ribasso. Inoltre, il titolo è molto vicino alla rottura del trend rialzista e, una volta rotto, potrebbe subire un lungo calo fino a 110 dollari.

Merck Daily Chart

5. Eli Lilly

Intanto, Eli Lilly (NYSE:LLY) ha visto un rialzo importante, che potrebbe terminare, come per Merck. Anche Lilly presenta una divergenza ribassista con un RSI che tende al ribasso. Inoltre, Lilly ha interrotto un trend rialzista e ha un potenziale pattern testa e spalle che si sta formando, insieme a un gap da colmare a 310 dollari.

Eli Lilly Daily Chart

Inoltre, gli analisti hanno tagliato le stime sugli utili di Lilly nel 2023 e nel 2024.

Eli Lilly Earnings Estimates Chart

6. Tesla

Tesla (NASDAQ:TSLA) è stata distrutta nelle ultime settimane. Sebbene molti su Twitter sembrino soffrire per i ribassi, non si concentrano sul motivo del calo. Al contrario, guardano al passato, pensando al fantastico 2022 dell’azienda e non alle difficoltà che probabilmente incontrerà. Si parla sempre di cosa si farà dopo, e in questo momento le stime sugli utili 2023 di Tesla sono scese di circa il 10% nelle ultime due settimane, e questo è quanto.

Quando un titolo in crescita ha stime sugli utili in calo, il prezzo del titolo dovrebbe scendere.

Tesla Price Chart

7. Meta (META)

Anche Meta Platforms (NASDAQ:META) potrebbe non aver toccato il fondo perché le stime sugli utili della società continuano a scendere.

Meta EPS Chart

Credo che il 2022 sia stato caratterizzato da una compressione del multiplo PE dovuta all’aumento dei tassi. Credo che il 2023 sarà caratterizzato da un calo degli utili per azione che trascinerà il prezzo verso il basso. Probabilmente nel 2023 dovremo concentrarci molto di più sull’andamento degli utili e delle vendite. Gli analisti dovrebbero anche aggiornare i loro modelli per la stagione degli utili del quarto trimestre che inizierà questa settimana.

Link all’articolo originale

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.