📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

Non solo Fiat: le altre società italiane nel paradiso fiscale Olanda

Pubblicato 18.05.2020, 16:29
TLIT
-
STLAM
-
ENEI
-
ENI
-
MFEB
-
SPMI
-
LUX
-
KC
-
EXOR
-
CPRI
-
CEMI
-
RACE
-

In questi giorni sta facendo discutere la notizia di un possibile prestito a garanzia statale che Fiat sta trattando con il Governo italiano, con il raggiungimento dell'accordo che “riconoscerebbe il ruolo del settore automobilistico nazionale, di cui FCA, insieme ai fornitori e ai partner è il fulcro, nella ripartenza del sistema industriale italiano”, secondo le parole dello stesso gruppo.

Fiat, secondo quanto spiegano dalla società, resterebbe uno dei simboli italiani nel settore, nonostante la sua ormai caratteristica di multinazionale, vista la fusione con Chrysler di qualche anno fa (2014), e la prossima operazione con i francesi di PSA.

Secondo il suo statuto, articolo 2.3, Fiat Chrysler Automobiles (MI:FCHA) ha sede sociale ad Amsterdam, in Olanda, e rappresenta una delle tante società della pattuglia delle italiane che ha scelto il paese dei tulipani quale base fiscale e sociale.

La sede fiscale Fiat, inoltre, è in Gran Bretagna col fine di pagare meno tasse, mentre la scelta olandese riguarda il suo diritto societario, estremamente semplificato rispetto a quello di altre nazioni come l'Italia. Ad esempio, è possibile costituire una holding senza alcuna necessità di assumere dipendenti.

Olanda paradiso fiscale non riconosciuto

Tra i simboli dell'italianità nel mondo ma che hanno scelto di 'fuggire' all'estero, con l'Olanda meta preferita, ci sono Ferrari (MI:RACE), Mediaset (MI:MS), Eni (MI:ENI), Enel (MI:ENEI), Saipem (MI:SPMI), Telecom Italia (MI:TLIT), Illy Caffè, Luxottica (MI:LUX), Cementir Holding (MI:CEMI) (gruppo Caltagirone), Exor (MI:EXOR), Campari (MI:CPRI) nei prossimi mesi, mentre Ferrero ha sede in Lussemburgo.

L'Olanda non rientra nell'elenco dei paradisi fiscali europei ma ogni anno toglie agli altri paesi dell'Unione europea 72 miliardi di profitti: 10 miliardi restano al fisco olandese e il resto alle società multinazionali, secondo stime dell'economista Gabriel Zucman.

Per quanto riguarda l'Italia, ogni anno spariscono profitti per 20 miliardi di euro, sottraendo al fisco italiano 1 miliardo di euro, secondo quanto scrive l'Espresso.

A far scegliere l'Olanda sono soprattutto i prelievi relativi ai dividendi, ai guadagni da cessioni di partecipazioni, interessi incassati da prestiti infragruppo e royalties. Pertanto, le multinazionali stabiliscono nel paese le loro holding e costruiscono strutture di gruppo artificiose per far affluire denaro sotto queste forme.

Per fare un confronto, la ritenuta ordinaria dell'Italia sui dividendi in uscita è pari al 26%, mentre ne sono esenti le società in holding in Olanda. Stesso discorso per le Royalties in uscita (Italia 30% sul 75% delle royalties, esente in Olanda) e per gli interessi in uscita (Italia 26%, esenzione per l'Olanda).

“Destano preoccupazione gli accordi fiscali riservati che i Paesi Bassi, come anche altri Paesi Ue, hanno siglato e continuano a siglare con le imprese multinazionali che verosimilmente permettono di ridurre in modo consistente il livello effettivo di tassazione delle corporation”, spiega Misha Maslennikov, consulente di Oxfam Italia in tema di fisco.

“L’Olanda”, continua Maslennikov, “ha inoltre in essere un ampio network di convenzioni fiscali con altri Paesi che hanno natura particolarmente restrittiva, permettendo un abbattimento significativo delle aliquote sulle ritenute alla fonte per diverse fattispecie di reddito d’impresa che fluiscono verso Amsterdam”.

Si tratta di scelte fatte nella legalità più totale e conosciute da tutti, politici compresi. “L’Olanda è anche tra i Paesi che si avvantaggiano molto del contributo delle imprese italiane”, spiegava il Premier Giuseppe Conte, “perché molte grandi imprese che pure hanno i principali stabilimenti in Italia e ricavano i maggiori profitti nel nostro Paese poi beneficiano della legislazione fiscale olandese, molto più conveniente”

Queste società si sono trasferite tutte a quattro chilometri dal centro di Amsterdam, a Prins Bernhardplein 200, dove ha sede Intertrust, azienda specializzata nella creazione e domiciliazione di società di ogni genere.

Intertrust, infatti, cura gli affari di oltre 2.800 aziende europee e mondiali, con un flusso di denaro che si aggira attorno ai 5.000 miliardi di euro ogni anno.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.