Ultime Notizie
Investing Pro 0
NOVITÀ! Ottieni spunti utili con InvestingPro+ Inizia con 7 giorni GRATIS

Preparatevi al petrolio a 100 dollari nel 2022, come approfittare dei prezzi alti

Da Ross HendricksMaterie prime12.01.2022 13:51
it.investing.com/analysis/preparatevi-al-petrolio-a-100-dollari-nel-2022-come-approfittare-dei-prezzi-alti-200450605
Preparatevi al petrolio a 100 dollari nel 2022, come approfittare dei prezzi alti
Da Ross Hendricks   |  12.01.2022 13:51
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
 
NDX
-0,45%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
US500
-0,18%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
CL
-2,46%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
NG
+6,29%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
US2YT=X
-2,38%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
US10Y...
-2,79%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 

Il mercato azionario oggi rappresenta un bel dilemma per gli investitori.

Con le valutazioni gonfiate vicino ai massimi storici, il mercato azionario statunitense in generale (l’indice S&P 500) offre ritorni futuri bassi o negativi:

SPX Expected 10-Year Returns
SPX Expected 10-Year Returns

Intanto, con l’inflazione ai massimi di 40 anni, detenere contante assicura una perdita del potere di acquisto. Il settore energetico rappresenta un punto luminoso di valore, oltre che protezione dall’inflazione, su un mercato azionario altrimenti sopravvalutato e pericoloso.

E l’opportunità si fa ancor più interessante se si crede alla prospettiva di prezzi più alti per petrolio e gas.

Una rara opportunità di valore sul mercato odierno

Che si tratti di società di esplorazione e produzione (E&P), raffinerie, o operatori midstream, si possono trovare rendimenti di flussi di cassa disponibili a due cifre fra i principali titoli energetici nordamericani. Il grafico seguente mostra la portata dell’enorme disparità di valutazione attuale tra il settore di esplorazione e produzione e l’indice S&P 500:

Come esempio dal mondo midstream, di recente ho pubblicato un’ipotesi rialzista per Enterprise Products Partners (NYSE:EPD).

La scorsa settimana, Enterprise ha annunciato un aumento del 3,3% della sua distribuzione trimestrale. La società ora pagherà 1,86 dollari all’anno agli investitori e va avanti ormai da 24 anni consecutivi con gli aumenti dei dividendi, un trend che secondo me continuerà anche nei prossimi anni.

In breve, l’ipotesi rialzista resta intatta e il mercato comincia ad accorgersene: il titolo EPD è balzato del 10% solo nelle ultime due settimane.

Sul lungo termine, Enterprise resta la mia scelta energetica preferita per “dormire sonni tranquilli”.

Se il petrolio dovesse arrivare a 100 dollari al barile, però, potremmo fare ben più che “dormire sonni tranquilli”. In questo scenario, le società con un’esposizione più diretta al prezzo della materia prima potrebbero offrire molto più rialzo. In particolare, mi riferisco al settore di esplorazione e produzione (E&P).

Ecco come il petrolio potrebbe arrivare a 100 dollari

Partendo dal lato delle scorte nell’equazione, l’esubero globale di greggio creatosi sulla scia dello scoppio del COVID-19 è stato ufficialmente cancellato. Oggi, le scorte petrolifere globali si trovano vicino al fondo del range storico. Guardando al futuro, la U.S. Energy Information Agency (EIA) stima che le scorte globali resteranno sottotono per tutto il 2022:

OECD Crude And Other Liquid Inventories
OECD Crude And Other Liquid Inventories

Sappiamo che la variante Omicron non è riuscita a pesare troppo sulla domanda petrolifera globale. E proprio da Omicron deriva la possibilità di un rialzo.

Omicron potrebbe segnare l’inizio della fine delle restrizioni economiche per il COVID-19

Storicamente, non è insolito che le pandemie virali finiscano quando diventa dominante una forma più lieve del virus. Le evidenze preliminari indicano che Omicron potrebbe essere proprio questo.

Da quanto ho capito, la crescente dominanza di una variante più lieve è esattamente com’è finita la Spagnola. Se Omicron dovesse dare questo risultato, sarebbe ovviamente una grossa sorpresa rialzista per la domanda di greggio nel 2022.

Anche se così non dovesse essere, i dati mostrano che il mondo sta imparando sempre più a convivere con il COVID-19. Ecco perché le stime delle principali agenzie di previsioni, EIA compresa, indicano nuovi massimi storici per la domanda petrolifera globale nel 2022.

Le cose sembrano persino più rialziste dal lato delle scorte nell’equazione.

Scorte petrolifere globali: le prospettive più rialziste in oltre un decennio

La produzione petrolifera richiede capitali. E gli investimenti di capitale per lo sviluppo di combustibili fossili sono pericolosamente bassi da due anni di fila:

World Energy Investment
World Energy Investment

Dopo oltre un decennio di esubero delle scorte petrolifere, il mondo si è abituato al rischio di un eccesso sul mercato del greggio.

Tutti i segnali indicano ulteriori riduzioni del capitale per lo scisto nel 2022, in base ai trend del numero degli impianti di trivellazione attivi ed ai piani di spese in conto capitale delle principali E&P americane.

Ovviamente, la storia di una riduzione del capitale per lo scisto è passata in sordina. Un altro fenomeno di cui si parla poco è una riduzione simile degli investimenti tra i produttori chiave dell’OPEC+, come l’Arabia Saudita. Il grafico seguente mostra che il numero di impianti di trivellazione sauditi si trova al minimo di oltre 13 anni:

Saudi Rig Count 2008-2021
Saudi Rig Count 2008-2021

Intanto, circolano voci che la Russia, il terzo produttore petrolifero mondiale, potrebbe stare non rispettando il limite di produzione, come ha di recente scritto Bloomberg.

Quindi, anche se l’OPEC+ resta sulla strada dell’aumento della produzione, la domanda è: quanta capacità di riserva globale esiste per soddisfare i massimi record della domanda quest’anno e oltre?

Mettiamoci il potenziale di uno sconvolgimento geopolitico in una delle principali regioni di produzione, come i recenti problemi in Kazakistan, e il greggio a 100 dollari potrebbe essere solo l’inizio del prossimo rialzo del prezzo.

Espansioni di fine ciclo favoriscono le materie prime, come il petrolio

La storia dimostra che le materie prime (quelle energetiche in particolare) vedono i ritorni migliori durante le espansioni economiche di fine ciclo.

A supportare l’idea di un’espansione USA di fine ciclo c’è la curva del rendimento dei Treasury. In particolare, lo spread tra i Treasury a 2 e a 10 anni. Questo spread si è invertito (cioè è diventato negativo) prima di ogni grande recessione dal Dopo Guerra. La curva del rendimento in compressione ha cominciato a lanciare segnali di avvertimento nel 2021, anche se c’è ancora un po’ di strada da fare prima di arrivare all’inversione:

Treasury Yield Curve Spread 1999-2022 (est)
Treasury Yield Curve Spread 1999-2022 (est)

Fonte: Ross Report, con dati della Fed di St Louis

Credo che, per il mercato attuale, si possa fare un’analogia con la fase finale della bolla delle Dot Com. Durante il melt-up finale del NASDAQ nel 1999, il greggio era schizzato dai 12 dollari al barile nel gennaio 1999 al massimo di 37 dollari al barile nell’ottobre 2000.

Ed ha continuato a guadagnare terreno per mesi dopo il picco dei prezzi dell’azionario. E, persino quando la bolla delle Dot Com è scoppiata, il greggio si è stabilizzato ad un massimo più basso, prima di vivere una delle più grandi corse rialziste di tutti i tempi negli anni seguenti.

Erano stati gli investimenti insufficienti degli anni Novanta a preparare la strada al “super-ciclo delle materie prime” dei primi anni 2000. Durante la mania delle Dot Com, semplicemente si potevano fare più soldi speculando sui titoli tech di successo. Quindi le materie prime venivano perlopiù ignorate dal mondo degli investimenti.

Vi ricorda qualcosa?

Data la portata della riduzione del capitale energetico oggi, sullo sfondo di una mania per il mercato azionario in generale, l’episodio delle Dot Com offre un buon esempio di cosa aspettarsi quando finirà l’attuale ciclo. In particolare, credo che il settore energetico possa godere di un buon livello di stabilità, anche se il boom del mercato azionario attuale dovesse spegnersi.

ETF rilevanti:

  • United States Oil Fund, LP (NYSE:USO)
  • Energy Select Sector SPDR® Fund (NYSE:XLE)
  • SPDR® S&P Oil & Gas Exploration & Production ETF (NYSE:XOP)

Precisazione: Per saperne di più sulle mie strategie di investimento, cliccate qui.

Preparatevi al petrolio a 100 dollari nel 2022, come approfittare dei prezzi alti
 

Articoli Correlati

Crysalide Trading
PETROLIO SHORT Da Crysalide Trading - 04.12.2022

La mia idea di trading per la settimana a venire si concentra sul Petrolio. Osservando il grafico e il movimento che ne consegue la mia view è only short al momento. Il sottostante...

Marco Celletti
Materie prime e inflazione Da Marco Celletti - 18.11.2022

Parlando d’ inflazione, ci viene subito in mente una delle cause più rilevanti che ha comportato l’attuale congiuntura economica: l’aumento dei costi energetici. Di questo...

Preparatevi al petrolio a 100 dollari nel 2022, come approfittare dei prezzi alti

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email