⌛ Persi i guadagni 13% di ProPicks a maggio? Abbonati ora, prendi i titoli di giugno scelti dall'AI.Sblocca azioni

Kazakistan chiede oltre 150 mld dlr in arbitrato su Kashagan contro major petrolio - Bloomberg

Pubblicato 17.04.2024, 13:49
© Reuters. La luna piena sorge sullo sfondo di una piattaforma petrolifera nel giacimento offshore di Kashagan, nel Mar Caspio, nel Kazakistan occidentale, il 21 agosto 2013. REUTERS/Stringer
ENI
-
XOM
-
ENI
-

(Reuters) - Il Kazakistan ha aumentato le richieste a più di 150 miliardi di dollari nell'arbitrato contro le major petrolifere internazionali che hanno sviluppato il giacimento del Kashagan.

Lo scrive Bloomberg News, citando persone vicine alla vicenda.

L'anno scorso il ministro dell'Energia del Kazakistan aveva detto di voler aprire una procedura di arbitrato per 16,5 miliardi di dollari contro il consorzio nell'ambito di una disputa sui costi del progetto e di non avere in programma di raggiungere un eventuale accordo extragiudiziale.

Secondo quanto afferma Bloomberg, la cifra è aumentata dopo che il governo kazako ha aggiunto una richiesta per 138 miliardi di dollari, "che riflette il calcolo del valore della produzione di petrolio promessa al governo ma non consegnata dalle società che gestiscono il giacimento".

La causa mette in luce i rischi per le compagnie straniere che operano nello Stato dell'ex Unione Sovietica ed è una delle tante battaglie giudiziarie tra le major internazionali e il governo.

Il giacimento offshore del Kashagan, una delle più grandi scoperte degli ultimi decenni, è gestito da Eni (BIT:ENI), Shell, TotalEnergies, ExxonMobil (NYSE:XOM), KazMunayGas, Inpex e Cnpc.

Il consorzio da loro costituito, chiamato North Caspian Operating Company (Ncoc), ha investito circa 50 miliardi di dollari nel progetto.

Bloomberg scrive che Ncoc ha detto di avere un certo numero di controversie riguardanti l'applicazione di alcune disposizioni dell'accordo di condivisione della produzione del Kashagan che sono soggette ad arbitrato.

"Le compagnie contraenti ritengono di aver agito in conformità" con il contratto, ha fatto sapere il consorzio.

Al momento Ncoc non ha risposto a una richiesta di commento da parte di Reuters. Nessun commento da un portavoce di Shell.

© Reuters. La luna piena sorge sullo sfondo di una piattaforma petrolifera nel giacimento offshore di Kashagan, nel Mar Caspio, nel Kazakistan occidentale, il 21 agosto 2013. REUTERS/Stringer

Un portavoce di Eni ha confermato che le autorità kazake hanno avviato una procedura di arbitrato contro i partner del consorzio, aggiungendo che i termini dell'arbitrato sono riservati.

"Mentre esaminiamo le complesse accuse, non riteniamo (come commento generale) che le basi delle richieste o gli importi specifici dei risarcimenti richiesti siano ragionevolmente fondati o credibili", ha detto Eni.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Claudia Cristoferi)

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.