Ricevi uno sconto del 40%

Russia fa marcia indietro nell'accordo sul grano, prezzi derivati in forte calo

Pubblicato 02.11.2022, 13:00
Aggiornato 02.11.2022, 12:49
© Reuters.

Di Geoffrey Smith

Investing.com - I contratti del grano sulle diverse Borse sono diminuiti di quasi il 6% dopo che la Russia ha dichiarato che rientrerà nell'accordo sponsorizzato dalle Nazioni Unite che garantisce le spedizioni di grano fuori dai porti ucraini, una precipitosa inversione di rotta rispetto alla sospensione dell'accordo avvenuta nel fine settimana.

Il Ministero della Difesa russo ha dichiarato di aver ricevuto garanzie dall'Ucraina che non utilizzerà il "corridoio sicuro" percorso dai cargo, designato dalle Nazioni Unite, per eventuali futuri attacchi alle navi russe.

"La Federazione Russa considera adeguate le garanzie ricevute al momento", ha dichiarato il Ministero della Difesa in un comunicato.

L'accordo sulla garanzia di un passaggio sicuro per le esportazioni di due dei più importanti produttori di grano al mondo è stato determinante per far scendere i prezzi del grano e del mais dopo l'impennata in risposta all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia a febbraio.

Secondo le stime di Oleksandr Kubrakov, ministro delle Infrastrutture ucraino, il Paese ha potuto esportare oltre 10 milioni di tonnellate di prodotti alimentari nei tre mesi successivi all'accordo firmato all'inizio dell'estate, la maggior parte dei quali è stata destinata ai Paesi più poveri dell'Africa e dell'Asia, particolarmente colpiti dall'impennata iniziale dei prezzi.

La Russia si è ritirata dall'accordo domenica dopo che l'Ucraina ha utilizzato droni marini per attaccare la flotta russa del Mar Nero nel porto di Sebastopoli, in Crimea.

L'Ucraina avrebbe utilizzato il cosiddetto "corridoio del grano" per avvicinare i propri mezzi agli obiettivi militari. Kiev ha confermato di aver danneggiato la nuova ammiraglia della Flotta del Mar Nero, la fregata Admiral Makarov, nell'attacco, mentre la Russia ha riconosciuto solo danni minori ad un dragamine e su navi commerciali non specificate.

La minaccia di nuovi attacchi alle navi ucraine ha fatto balzare i prezzi fino al 9% lunedì, prima che Mosca cominciasse a fare marcia indietro, affermando per prima cosa di volere solo garanzie sull'utilizzo del corridoio per scopi pacifici.

"Non si può facilmente attaccare una nave commerciale quando l'Africa e l'Asia la osservano da vicino", ha twittato Evghenia Sleptsova, analista di Oxford Economics.

"Le esportazioni di grano e prodotti alimentari dall'#Ucraina️ devono continuare". Amir Abdulla, coordinatore delle Nazioni Unite dell'Iniziativa per il grano del Mar Nero", ha scritto su Twitter, aggiungendo che i movimenti delle navi riprenderanno giovedì mentre non previste partenze per la giornata odierna.

Al momento, il grano per la consegna a dicembre è in calo del 5,7% a 850,50 dollari al bushel, appena al di sopra del livello precedente l'attacco a Sebastopoli. I Corn futures soni in calo del 2,1%, mentre i i contratti sulla soia sono in ribasso dello 0,7%.

Leggi anche: Russia si ritira dall'accordo sul grano e riaccende la crisi alimentare globale

Ultimi commenti

Am an independent person I started my first investment plan with just a $2,500 and now earning weekly income of $10,000 in cryptocurrency exchange with my personal 🄱🅁🄾🄺🄴🅁 Mrs Mérit_Bonniè_fx òn 🅘🅝🅢🅣🅐📝🅖🅡🅐🅜
putin pensava di devastare l'economia europea con il ricatto del gas ma il prezzo sta diminuendo quotidianamente e si prevede un aumento al massimo del 5% sulle bollette, pensava di fare la stessa cosa col grano ma deve aver capito che gli si sarebbe ritorta contro. nessuno ancora gli ha spiegato che un paese con un pil miserevole (inferiore a quello della Spagna) non può pensare di danneggiare una potenza economica come l'Europa. gli è rimasta la minaccia atomica!!! ma questa è un'altra storia
“Ennesimo aumento di massimo..” derivato dal prezzo di amsterdam. I contratti delle compagnie energetiche sono variati? Perché altrimenti di quali “extraprofitti” si parla?
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.