Sblocca dati premium: Fino al 50% di sconto InvestingProAPPROFITTA DELLO SCONTO

Fed: l’inflazione mette a rischio i tagli dei tassi nel 2024 secondo Schroders

Pubblicato 10.06.2024, 14:40
© Reuters.

Investing.com – Secondo George Brown, senior US economist di Schroders (LON:SDR), con i rischi per l'inflazione “fortemente inclinati verso l'alto, è difficile dire se quest’anno vedremo dei tagli dei tassi da parte della Fed”. Per l’esperto, infatti, se dopo l’ultima frenata l’economia Usa continuerà il suo slancio, a creare problemi potrebbero essere i prezzi, a causa delle diverse incognite che rendono particolarmente accidentato l’ultimo miglio della disinflazione.

Economia Usa ancora forte

“Nonostante la debolezza registrata nella prima parte dell’anno, continuiamo ad aspettarci una crescita del 2,7% per l'economia statunitense nel 2024”, sottolinea Brown. Il rallentamento della crescita dal 3,4% all'1,6% nel primo trimestre per l’economista “è dovuto a un freno di 1,3 punti percentuali delle scorte e alle esportazioni nette”. Tuttavia, prosegue, “I consumi delle famiglie sono rimasti solidi e hanno chiuso il primo trimestre in positivo, il che dovrebbe gettare le basi per una forte espansione nel secondo trimestre, più che compensando la debolezza della spesa pubblica”. Inoltre, “la domanda interna dovrebbe rimanere solida grazie alla combinazione di un consistente aumento dei nuovi posti di lavoro, di una crescita positiva dei salari reali e di una crescente fiducia dei consumatori”. Le industrie orientate all’export, poi, secondo Brown dovrebbero beneficiare della ripresa del ciclo globale dei beni, “anche se è probabile che gli investimenti rimangano contenuti in attesa di chiarezza sul fronte delle elezioni”.

Ed è sulla base di questa analisi che Schroders ha alzato le stime di crescita dall'1,9% al 2,1%. Per quanto riguarda il 2025.

Inflazione in rialzo

Sono invece meno positive le notizie sul fronte dei prezzi, con l’inflazione IPC che ha sorpreso al rialzo nel primo trimestre. La causa principale, spiega Brown, “sono state le anomalie riscontrate nella categoria delle abitazioni (shelter) e la continua ascesa dei premi assicurativi per le auto. Tuttavia, questa sembra essere una deviazione piuttosto che un allontanamento dal trend disinflazionistico. In effetti – ragiona l’analista -, ad aprile abbiamo assistito a un modesto ma ampio allentamento, anche se il perdurare delle tensioni sul mercato del lavoro fa sì che l'IPC potrebbe risultare più rigido o addirittura riaccelerare”.

Intanto, le condizioni del mercato del lavoro continuano ad essere più equilibrate: “il rapporto tra posti di lavoro vacanti e disoccupati, pur rimanendo elevato (1,3), è in calo rispetto all'1,7 di un anno fa. Inoltre, sebbene la crescita dei salari si stia dimostrando vischiosa, le pressioni salariali dovrebbero attenuarsi in presenza di una minor numero di lavoratori che si licenziano, come indica il tasso di abbandono del posto di lavoro, sceso al 2,1%”.

Rischi verso l’alto per i prezzi

Su questa base, Brown si aspetta che l'inflazione torni gradualmente a un ritmo coerente con il target. “Tuttavia – prosegue -, i dati solidi osservati nel primo trimestre ci hanno indotto a prevedere una certa vischiosità residua sia per i servizi nel settore residenziale, sia per quelli “supercore”.

Nel dettaglio gli esperti di Schroders hanno rivisto al rialzo le stime sull'IPC per il 2024, dal 2,7% al 3,1%, mentre hanno lasciato sostanzialmente invariate quelle per il 2025, al 2,2% rispetto al precedente 2,1%

In ogni caso, precisa Brown, “dato che i rischi per l'inflazione rimangono fortemente inclinati verso l'alto, è difficile dire se quest’anno vedremo dei tagli dei tassi da parte della Fed”. Qualsiasi allentamento, per come la vede l’economista, “sarà subordinato alla prova definitiva che l'inflazione stia convergendo verso l'obiettivo. Ciò non solo richiederà un rallentamento dell'inflazione sequenziale, ma dipenderà anche da un miglior bilanciamento delle condizioni del mercato del lavoro”.

Informazioni Pro

Guarda un video in cui il site manager di Investing.com Italia, Francesco Casarella, spiega come trovare azioni a sconto grazie ai filtri di InvestingPro (VAI AL VIDEO).

Leggi i consigli di Investing.com sulle Azioni italiane sottovalutate a giugno.

Segui la panoramica su base mensile dei principali indici azionari, su tutti FTSE Mib, S&P 500 e Nasdaq, con il contributo di Calogero Selvaggio, analista e parte del Team Italia di Investing.com.

Puoi iscriverti gratuitamente al prossimo webinar del 13 giugno "3 indicatori di volatilità da utilizzare nel trading" a QUESTO LINK.

Primo taglio a settembre?

In sostanza, lo scenario di base di Schroders prevede che i progressi su entrambi i fronti siano sufficienti a dare ai policymaker la fiducia necessaria per tagliare i tassi. “Ci aspettiamo che la Fed avvierà il ciclo di riduzione dei tassi a settembre, e non a giugno – precisa Brown -, e quindi che i tagli saranno solo due nel 2024. Per il 2025 invece, il gestore prevede un solo taglio, sulla base dell’aspettativa che l'inflazione a quel punto avrà raggiunto il target e che l'economia sarà in piena occupazione. “C’è comunque il rischio – conclude l’esperto - che i tagli siano più tardivi e meno numerosi, o che non ce ne siano affatto”.

CODICE SCONTO

Approfitta dello⚠️ SCONTO DI GIUGNO ⚠️Clicca qui per effettuare analisi approfondite su oltre 180.000 aziende quotate in tutto il mondo, inizia a investire come un PRO!

Il link calcola e applica direttamente lo sconto pari a un ulteriore 10%. Nel caso in cui la pagina non dovesse caricarsi, inserisci tu il codice proit2024 per attivare l’offerta.

Avrai a disposizione una serie di strumenti esclusivi che ti permetteranno di affrontare al meglio il mercato:

  • ProPicks: portafogli azionari gestiti da un mix di intelligenza artificiale e competenze umane, con performance comprovate.
  • ProTips: informazioni digeribili per semplificare in poche parole masse di dati finanziari complessi
  • Fair Value e Health Score: 2 indicatori sintetici basati su dati finanziari che forniscono una visione immediata del potenziale e del rischio di ciascun titolo.
  • Screener avanzato di titoli: Cerca i titoli migliori in base alle tue aspettative, tenendo conto di centinaia di metriche e indicatori finanziari.
  • Dati finanziari storici per migliaia di titoli: In modo che i professionisti dell'analisi fondamentale possano andare alla ricerca di tutti i dettagli.
  • E molti altri servizi, per non parlare di quelli che abbiamo in programma di aggiungere presto!

Per togliersi ogni pensiero e risparmiare ancora un po’ (costa meno di 55 centesimi al giorno), c’è anche la possibilità di abbonarsi con lo sconto a Pro+ per 2 anni (Clicca qui per approfittare della tariffa speciale Pro+ biennale).

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.