Le cinque cose da seguire sui mercati questa settimana

Pubblicato 10.03.2024, 11:56
© Reuters
NDX
-
US500
-
DJI
-
NVDA
-
LCO
-
CL
-
BTC/USD
-

Investing.com - I dati di febbraio, tra cui i prezzi al consumo e le vendite al dettaglio, offriranno ulteriori spunti sulle prospettive di un potenziale taglio dei tassi della Federal Reserve.  Il Bitcoin tocca i massimi storici, mentre Wall Street potrebbe vivere un’altra settimana all’insegna della volatilità. Ecco gli eventi da seguire questa settimana.

  1. Dati sull’inflazione negli Stati Uniti

Gli investitori guarderanno ai dati sull’inflazione statunitense di martedì per valutare quanto presto la Fed potrebbe iniziare a tagliare i tassi di interesse.

Gli economisti si aspettano che l’indice dei prezzi al consumo di febbraio aumenti 0.4% dopo un aumento più rapido del previsto dello 0,3% a gennaio.

Giovedì il presidente della Fed Jerome Powell ha dichiarato che sarebbe probabilmente opportuno tagliare i tassi “a un certo punto dell’anno”, ma ha chiarito che lui e i suoi colleghi non sono ancora pronti.

Gli osservatori del mercato guarderanno anche ai dati sulle vendite al dettaglio di febbraio, che dovrebbero salire dello 0,8% dopo il calo del mese precedente.

Il calendario economico prevede anche aggiornamenti su produzione industriale, sentimento dei consumatori e i dati settimanali sulle richieste iniziali di disoccupazione.

I funzionari della Fed entreranno nel tradizionale periodo di blackout in vista della riunione della prossima settimana.

  1. Il boom del Bitcoin

Il Bitcoin ha toccato un nuovo massimo storico sopra i 70.000 dollari, spinto dalla domanda degli investitori per i nuovi ETF di bitcoin spot statunitensi lanciati quest’anno e dalle aspettative di un calo dei tassi di interesse globali.

Nelle ultime settimane sono affluiti miliardi di dollari negli ETF, mentre il mercato è stato sostenuto anche in vista di un atteso aggiornamento della piattaforma blockchain ethereum, sede del secondo ether digitale, e di un evento di “dimezzamento” del bitcoin, che rallenta il flusso di conio dei bitcoin, in aprile.

Il precedente boom del bitcoin nel 2021 è stato seguito da un “inverno crittografico”, quando i fallimenti e i crolli delle maggiori società di criptovalute hanno lasciato milioni di investitori a bocca asciutta, spingendo le autorità di regolamentazione a intensificare gli avvertimenti sui rischi.

Ma questo non sembra aver scoraggiato l’arrivo di una nuova ondata di denaro. Gli appassionati di criptovalute affermano che il settore è maturato, ma le banche centrali e le autorità di regolamentazione sono ancora diffidenti. Ora gli investitori si chiedono: quanto può diventare grande e se questa volta sarà diverso?

  1. Prezzi del petrolio

I prezzi del petrolio hanno chiuso in ribasso dell’1% venerdì e sono scesi ancora di più in settimana, poiché i mercati sono rimasti diffidenti nei confronti della debolezza della domanda cinese, anche se il gruppo di produttori OPEC+ ha esteso i tagli all’offerta.

Entrambi i benchmark sono scesi in settimana, con i future Brent in calo dell’1,8% e i future WTI che ha perso il 2,5%.

La scorsa settimana la Cina ha fissato un obiettivo di crescita economica per il 2024 di circa il 5%, che secondo molti analisti è ambizioso senza ulteriori stimoli.

Sul fronte dell’offerta, i membri dell’OPEC+, guidati da Arabia Saudita e Russia, hanno concordato domenica scorsa di estendere i tagli volontari alla produzione di petrolio di 2,2 milioni di barili al giorno fino al secondo trimestre, dando ulteriore sostegno al mercato tra le preoccupazioni per la crescita globale e l’aumento della produzione al di fuori del gruppo.

Gli operatori del settore energetico si sono concentrati anche sulla tempistica dei possibili tagli dei tassi da parte della Fed e della BCE. Una riduzione dei tassi d’interesse potrebbe aumentare la domanda di petrolio stimolando la crescita economica.

  1. Mercato azionario

I tre indici principali di Wall Street hanno chiuso in ribasso venerdì, chiudendo una settimana turbolenta, con il beniamino dell’intelligenza artificiale Nvidia (NASDAQ:NVDA) in retromarcia dopo un recente rally.

Per la settimana S&P 500 ha perso lo 0,26%, mentre Nasdaq è sceso dell’1,17% e Dow Jones Industrial Average dello 0,93%.

Nvidia ha chiuso venerdì con un calo di oltre il 5%, registrando la peggiore performance giornaliera dalla fine di maggio. Le azioni dell’azienda hanno comunque chiuso la settimana con un guadagno di oltre il 6%, nel contesto di un rally che ha aggiunto più di 1.000 miliardi di dollari alla sua capitalizzazione di mercato quest’anno.

Secondo gli analisti, gli investitori stanno bloccando i profitti dopo il recente rialzo dei mercati.

Dato che i prossimi dati sull’inflazione probabilmente non saranno sufficienti a rassicurare la Fed sul fatto che le pressioni sui prezzi si stiano raffreddando abbastanza rapidamente da giustificare una mossa a breve termine, è probabile che gli operatori del mercato rimangano piuttosto cauti.

  1. Dati sull’occupazione nel Regno Unito

Martedì il Regno Unito pubblicherà l’ultimo rapporto sull’occupazione, con gli investitori e la Banca d’Inghilterra che si concentreranno sulla crescita dei salari tra le speculazioni sulla tempistica di un primo taglio dei tassi.

La retribuzione oraria media è scesa al 6,2% a dicembre, il ritmo di crescita più lento da oltre un anno a questa parte, ma non abbastanza da convincere i funzionari della BoE che i tassi di interesse, ai massimi da 16 anni, dovranno scendere prima o poi.

Nel frattempo, la zona euro pubblicherà i dati sulla produzione industriale per gennaio. Il rapporto di dicembre ha mostrato un forte aumento della produzione che ha cancellato un intero anno di cali. Un’altra lettura forte sarebbe un segnale incoraggiante per la crescita del PIL del primo trimestre.

Articolo realizzato con il contributo di Reuters

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.