Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

Tassi Bce: ecco perché i salari continueranno a crescere allontanando i tagli

Pubblicato 20.02.2024, 15:11
Aggiornato 20.02.2024, 15:11
© Reuters

Investing.com – La crescita salariale negoziata nell'area euro mostra una aumento dei salari persistente al di sopra dell'inflazione target del primo semestre 2024.

L'indice dei salari negoziati nell'area dell'euro della Bce è aumentato su base annua del 4,5% nel quarto trimestre 2023. È vero che il dato è in calo rispetto al 4,7% del terzo trimestre 2023, tuttavia, nel conto mancano dati importanti provenienti dalla Germania che rischiano di rimandare il primo taglio dei tassi a giugno se non oltre.

Il pagamento una tantum alla p.a. tedesca è rimasto escluso

Secondo Tomasz Wieladek, chief european economist di T. Rowe Price, la crescita salariale dell’Eurozona sarebbe stata più alta “se nel calcolo fossero stati inclusi tutti gli aumenti una tantum in Germania. Ieri, l'indice della Bundesbank è aumentato del 3,3% a dicembre e del 3,6% nel quarto trimestre 2023, su base annua. Ma la Bundesbank ha dichiarato che il pagamento una tantum di 1.800 euro in alcune parti del settore pubblico sarà conteggiato solo nel primo trimestre 2024, mentre l'accordo salariale prevedeva che sarebbe stato pagato a dicembre”.

Poiché l'accordo salariale è stato stipulato a metà dicembre, i tempi per il pagamento nel corso del mese erano stretti, soprattutto a causa del blocco delle spese d'emergenza del governo tedesco. “Questo – spiega Wieladek - ha ridotto in modo significativo i salari negoziati nell'area euro nel quarto trimestre 2023 e li farà aumentare nuovamente nel primo trimestre 2024. È, quindi, plausibile che i salari negoziati aumentino nuovamente su base annua nel primo trimestre 2024”.

Crescita dei salari ancora al di sopra del target

Questi dati rendono difficile la politica della Bce. “Al 4,5%, la crescita dei salari negoziati è ancora significativamente al di sopra dell'intervallo 3-3,5% necessario per raggiungere l'obiettivo di inflazione del 2% della Bce”, precisa l’economista. Di conseguenza, il Consiglio direttivo “aspetterà sicuramente almeno fino a giugno per avviare un ciclo di tagli, dato che a quel punto saranno disponibili i dati sui salari negoziati per il primo trimestre 2024”.

Rischio ulteriore rinvio con i salari del primo trimestre

Tuttavia, per Wieladek esiste un rischio significativo di un ulteriore aumento della crescita dei salari negoziati nel primo trimestre 2024. In questo scenario, anche un taglio a giugno potrebbe diventare difficile da realizzare.

“A meno che il Consiglio direttivo non si senta sicuro che la crescita dei salari negoziati continuerà a decelerare, è probabile che aspetti fino a quando i dati sui salari negoziati non si comporteranno come previsto. Dopo tutto – conclude l’analista -, a differenza dei cicli precedenti, l'economia reale non sta crollando, spingendo la Bce a un ciclo di tagli. Se la lettura dei salari negoziati per il primo trimestre del 2024 dovesse sfidare la narrativa di una frenata della crescita dei salari, il Consiglio direttivo potrebbe aspettare oltre giugno per avviare il ciclo di tagli”.

In sostanza, per l’esperto i dati di oggi, in particolare il fatto che i salari negoziati in Germania aumenteranno in modo significativo a causa del pagamento una tantum nel primo trimestre 2024, rendono un ulteriore rinvio dei tagli dei tassi Bce più probabile di prima.

***

Come lettori dei nostri articoli, potete approfittare della nostra piattaforma di strategia borsistica e di analisi fondamentale InvestingPro a un prezzo ridotto, con un ulteriore sconto del 10% sul piano annuale.

Potrete scoprire quali azioni acquistare e quali vendere per sovraperformare il mercato e incrementare i vostri investimenti, grazie a una serie di strumenti esclusivi:

  • ProPicks: portafogli azionari gestiti da una fusione di intelligenza artificiale e competenze umane, con performance comprovate.
  • ProTips: informazioni digeribili per semplificare in poche parole masse di dati finanziari complessi
  • Fair Value e Health Score: 2 indicatori sintetici basati su dati finanziari che forniscono una visione immediata del potenziale e del rischio di ciascun titolo.
  • Screener avanzato di titoli: Cerca i titoli migliori in base alle vostre aspettative, tenendo conto di centinaia di metriche e indicatori finanziari.
  • Dati finanziari storici per migliaia di titoli: In modo che i professionisti dell'analisi fondamentale possano scavare da soli in tutti i dettagli.
  • E molti altri servizi, per non parlare di quelli che abbiamo in programma di aggiungere presto!

Non affrontate più il mercato da soli: unitevi alle migliaia di utenti di InvestingPro per prendere le decisioni giuste sul mercato azionario e far decollare il vostro portafoglio, qualunque sia il vostro profilo o le vostre aspettative.

Cliccate qui per abbonarvi con un Super sconto valido per abbonamenti Pro+ annuale!

Informazioni Pro

Ecco i nostri consigli sulle Azioni italiane sottovalutate a Febbraio 2024.

Puoi iscriverti gratuitamente al prossimo webinar del 28 febbraio "Le possibili applicazioni delle medie mobili e come sfruttarle" a QUESTO LINK.

Inoltre, scopri come Battere S&P 500 con azioni selezionate dall’Intelligenza Artificiale grazie al nostro ultimo strumento ProPicks.

Ultimi commenti

l'Italia è pronta per l'inflazione a 0, ma i tassi sono riferiti all'inflazione tedesca
Inflazione è a 0 appunto
In Olanda come in altre nazioni europee hanno alzato gli stipendi, in Italia non si riesce ad approvare nemmeno il salario minimo. Se slitta la diminuzione dei tassi e’ per favorire le banche dagli utili record.
la contrattazione colettiva (che già prevede un contratto minimo nazionale) supera il 94% delle copertura lavorativa nazionale (l'europa sostiene di introdurre un salario minimo obbligatorio solo qualora la copertura sia inferiore all'80%).
In italia da 30 anni CIGL CISL E UIL hanno PERMESSO E CONTRIBUITO ALL EROSIONE REDDITUALE DEL 5% degli stipendi!! OGGI GRAZIE A LORO SI PRENDE M E N O DI 30 anni fa !!! Polco il loro d sono da gambizzare
certo che scrivere con tanta insistenza su tagli tassi addirittura oltre giugno mi sa tanto di prese di posizioni precostituite per non dire altro e daiii santa pace ma che bisogna vedere a gente in piazza
Ricordiamoci che questa europa l’hanno creata i compagni Sinistrati! NON DIMENTICHIAMOCELO MAI
molto semplice....i salari aumentano per stare dietro ai folli aumenti creati da strategie distruttive così da continuare a compensare il caro vita per decimare i capitali fermi nelle banche....in poche parole se la vita costerà il triplo i capitali varranno tre volte meno ..... questo serve per impoverire velocemente così da costringere la massa a richiedere sostegno sociale.... obbiettivo arrivare a distruggere la classe medio benestante per così poter riscattare sempre più persone.... insomma una nuova forma di schiavo....
SVEGLIA
.... Germania
In Italia ci sono diversi CCNL scaduti e alcuni sono gia stati rinnovati conngli aumenti. Gli aumenti arriveranno anche in Italia visto che i sindacati e le associazioni di categoria stanno lavorando per accordarsi sugli aumenti. Quindi se l’economia non è un’opinione ne consegue che ad aumento salariale corrisponda inflazione. È piuttosto semplice da comprendere….. ah già ma voi siete quelli che cliccate compra e vendi… che ne sapete dei contratti in discussione per il rinnovo e gli aumenti?
si...e comunque, purtroppo, mediamente in Italia, purtroppo, molto contenuti rispetto all' andamento dell'inflazione!!!
ci prendono anche in giro, aumenti di salari che barzelletta
Ma quali aumenti di stipendio! Ma dove!
quel fenomeno della presidente della BCE itassi non li abbassa neanche se gli puntano un kalashnikov alla sua testa vuota
Ogni scusa è buona per rinviare riduzione tassi.. Sembrava che a primavera fosse previsto il primo taglio e come sempre previsione disattesa.. Forse per il terzo trimestre ci penseranno, nel frattempo ci sorbiremo un altro anno di tassi come il 2023...ultimi aumento di stipendio avuto nel 2019, contratto di categoria strascaduto, carrello spesa energia aumentato del 30/40%...
Salgono in Europa ma non in Italia 🇮🇹...paese ormai del Nord Africa
concordo in pieno!!!
Quindi bisogna letteralmente morire per Maastricht
La Germania è in recessione, dubito che i loro salari possano ancora crescere in futuro.
In Germania "una tantum 1800€"  In Italia "Tantum lo prendiamo nel solito posto"..
E ci mancherebbe anche che non crescano i salari dopo la consistente perdita di potere d'acquisto degli ultimi due anni...
il potere reale dei salariati è sempre più basso.
condivido i commenti. poi..mi salari crescono, ma dove, in Italia?😭🤣🤣 mi viene da ridere . una battuta comica, anzi tragicomica
E dovr stsnno continusndo a crescere? Con i tassi alti se nn crescono i salari glieli paghi tu le rate del mutuo?? Una bufala per nn calare i tassi ! Cambia mestiere!
il tasso variabile glielo aveva ordinato ed imposto il dottore?
riassunto: i poveri devono restare poveri. e tanti
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.