Weekly Comic: Le cose sembrano andare (un po’) meglio in Europa

Pubblicato 27.01.2023, 03:26
© Investing.com
EUR/USD
-
EUR/GBP
-
US500
-
STOXX50
-
JPM
-
BASFN
-
SPGI
-
CL
-
NG
-
STOXX
-
TFAc1
-

Di Geoffrey Smith

Investing.com - All’improvviso, le cose stanno migliorando in Europa. Beh, almeno in senso relativo.

Innanzitutto, le buone notizie. Il disastro energetico che ha minacciato di colpire l’Europa 11 mesi fa, quando la Russia ha invaso l’Ucraina, non si è materializzato, grazie a una combinazione di determinazione politica, necessità economica e pura fortuna.

L’impennata dei prezzi e il crollo della fiducia hanno portato l’industria dell’Eurozona e del Regno Unito a ridurre drasticamente l’uso di gas naturale, la domanda delle fabbriche è scesa del 25% a dicembre in Italia e del 32% in Germania, secondo le stime del think tank Bruegel con sede a Bruxelles. Un periodo prolungato di clima più caldo del solito ha ridotto la domanda delle famiglie in tutto il continente, anche se a costo di rovinare la stagione sciistica.

L’Europa ha ormai superato la metà di quella che l’industria del gas considera la stagione del riscaldamento, e i suoi impianti di stoccaggio sono ancora - sorprendentemente - pieni al 74,8%, al di sopra della fascia più alta degli ultimi anni. I future di riferimento per il gas naturale nell’Europa nord-occidentale sono crollati questa settimana ai minimi dal settembre 2021, mentre gli operatori e le autorità di regolamentazione hanno cancellato il rischio di una crisi del gas.

Tutto ciò si riflette nell’indice dei responsabili degli acquisti (non perfetto) S&P Global per la zona euro, che questa settimana, per la prima volta da luglio, si è spinto al di sopra della soglia di 50 che di solito indica la crescita.

È vero che la Banca Centrale Europea aveva già anticipato molto di questo a dicembre, quando ha alzato le sue previsioni di crescita per quest’anno a un (ancora anemico) 0,5%. Gli analisti di JPMorgan ora stimano che possa arrivare all’1,0%, non molto al di sotto di quello che gli analisti considerano il suo potenziale a medio termine.

L’economia sta ricevendo un’importante spinta da fonti importanti: Secondo le stime della BCE, i governi dell’Eurozona hanno implementato misure di sostegno equivalenti all’1,6% del PIL della zona euro nei loro bilanci per il prossimo anno, soprattutto sotto forma di sussidi energetici. Inoltre, la riapertura della Cina ravviverà la domanda di beni d’esportazione della zona euro e, salvo disastri, cancellerà le ultime difficoltà della catena di approvvigionamento che hanno afflitto l’industria europea negli ultimi tre anni.

Ma se tutto ciò sembra troppo bello per essere vero, beh, probabilmente lo è.

Partiamo con i prezzi del gas. A 55 euro (1 euro = 1,087 dollari) per megawattora, è ancora più del triplo della media degli anni precedenti l’attuale crisi. Questo prezzo si traduce in oltre 17,5 dollari per milione di Btu - più di sei volte quello che l’industria statunitense paga all’Henry Hub.

La capacità dell’industria europea di rimanere competitiva a questi livelli deve essere messa in serio dubbio. A novembre, la produzione del settore in Germania è scesa del 12,9% rispetto all’anno precedente e BASF (ETR:BASFN), la più grande azienda chimica del Paese che incarna la dipendenza della Germania dal gas russo a basso costo, ha già avvertito di dover ridurre drasticamente le attività nel suo Paese.

Poi c’è la natura del sostegno fiscale. Di fronte all’emergenza dello scorso anno, i governi dell’Eurozona hanno preso in prestito dagli anni futuri per attenuare il previsto calo della produzione dovuto alla guerra. Sebbene questo sia un obiettivo perfettamente legittimo, significa che l’Eurozona può aspettarsi che la politica fiscale agisca come un freno alla produzione a partire dal 2024.

E poi c’è il rallentamento degli Stati Uniti e del Regno Unito, che insieme hanno assorbito quasi il triplo delle esportazioni dell’Eurozona rispetto alla Cina nell’ultimo anno prima della pandemia. Un’economia britannica che si trova in difficoltà dopo la Brexit non potrà assorbire lo stesso livello di merci dell’Eurozona. 

L’Europa non ha nemmeno finito di tagliarsi fuori dall’energia russa a basso costo. Sebbene abbia ridotto quasi a zero le importazioni di carbone, greggio e gas naturale, deve ancora compiere il passo finale di vietare le importazioni di prodotti raffinati russi, in particolare il diesel. Sebbene alcuni analisti ritengano che il mercato del petrolio sia in grado di contenere l’eventuale shock dei prezzi derivante da questa mossa, che entrerà in vigore la prossima settimana, nessuno si aspetta che questa renda meno costoso in Europa il carburante indispensabile per gran parte dell’industria pesante e dei trasporti.

E questo ci riporta alla guerra in Ucraina. Resta il fatto che il conflitto ha costretto l’Europa a incorporare ogni sorta di costi più elevati nella sua economia. Da questa settimana, con gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali che hanno concordato un importante cambiamento di politica per includere le armi pesanti nei loro prossimi pacchetti di aiuti, la prospettiva che la guerra e le relative dislocazioni economiche si trascinino più a lungo è probabilmente aumentata (così come, probabilmente, il rischio che venga conclusa troppo rapidamente da un attacco nucleare russo).

Tutto ciò significa che la Banca Centrale Europea dovrà tenere fede alle sue minacce di continuare a inasprire la politica monetaria, per evitare che il genio dell’inflazione fugga. La riunione della BCE di dicembre si è distinta per un chiaro cambiamento nella retorica della banca sulle pressioni inflazionistiche in corso e sui rischi di “effetti secondari”, in cui i consumatori cercano di recuperare il potere d’acquisto perduto con aumenti di stipendio più consistenti, provocando un nuovo ciclo di inflazione. Persino il capo economista della BCE, Philip Lane, ha avvertito da allora che la BCE dovrà stare all’erta per anni piuttosto che per mesi sulle conseguenze dell’impennata inflazionistica dell’anno scorso.

Quindi, doppio applauso per la zona euro: il peggio è stato probabilmente evitato, ma lo scenario più probabile non è ancora molto entusiasmante.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.