🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Apple torna sotto i 2.000 mld di market cap, analisti tagliano rating e EPS

Pubblicato 04.01.2023, 08:50
Aggiornato 04.01.2023, 09:02
© Reuters.
NDX
-
BNPP
-
AAPL
-
601138
-

Investing.com - Dopo aver perso quasi il 4% nella prima seduta del 2023, Apple (NASDAQ:AAPL) è scivolata sotto i 2.000 miliardi di dollari di capitalizzazione per la prima volta dal 2021, e gli analisti non sono ottimisti a riguardo.

BNP Paribas (EPA:BNPP) ha declassato Apple (NASDAQ:AAPL) a Neutral dal precedente Outperform con un obiettivo di prezzo rivisto a 140 dollari per azione da 180 dollari, a causa, si legge in una nota della banca, "della riduzione delle stime per iPhone e Mac dovute delle interruzioni di produzione nello stabilimento di Foxconn (SS:601138) in Cina".

Anche se l'agenzia Reuters ha fatto sapere che la produzione di Foxconn nello stabilimento dove pochi settimana fa sono scoppiate le rivolta contro le restrizioni Covid è tornata al 90% della sua piena capacità, dalla banca francese fanno sapere gli stop alla produzione si faranno comunque sentire sui numeri del 2023.

Gli analisti, infatti, prevedono consegne di iPhone per 224 milioni di unità nel 2023, con la riduzione delle stime che "riflette i problemi della catena di fornitura di Foxconn e una posizione più cauta sulla spesa dei consumatori per i dispositivi di fascia alta".

Anche le previsioni su iPad/Mac sono state ridotte, con BNP che si stima un calo rispettivamente del 7% e del 9% su base annua delle consegne.

Inoltre, BNP Paribas ha tagliato le stime di EPS per l'esercizio 23-25 di circa il 6%, portandole ora al 5%-6% al di sotto del consenso.

"Il consenso ha iniziato a tagliare le stime e crediamo che questa situazione continuerà a pesare sulle azioni", hanno scritto gli analisti in una nota per i clienti, precisando che sulla base di queste revisioni Apple è scambiata "a una valutazione premium difficile da giustificare".

"Vediamo poche ragioni per cui Apple dovrebbe essere scambiata a un prezzo superiore rispetto ai competitor (ora a PE di 22x per il 2023). I nuovi prodotti hardware come AR/VFR e Apple Car potrebbero non arrivare prima del 2024-26, non vediamo alcun catalizzatore positivo per il titolo e riteniamo che le azioni abbiano un prezzo equo", concludono gli analisti.

Nel 2022, il titolo della società di Cupertino ha perso il 27%. 

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.