Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

Borsa Milano piatta in avvio, calo prezzo greggio pesa su Eni e Saipem, balza Amplifon

Pubblicato 08.01.2024, 09:46
Aggiornato 08.01.2024, 10:01
© Reuters. La sede della Borsa di Milano.  REUTERS/Alessandro Garofalo

MILANO (Reuters) - Piazza Affari inizia la settimana con gli indici quasi invariati. Sul mercato prevale al momento un clima attendista alla luce anche della festività del mercato nipponico e degli importanti dati sull'inflazione questa settimana, con i CPI degli Stati Uniti e della Cina, oltre che di Tokyo.

L'indice dei prezzi al consumo core del Giappone è atteso domani, venerdì sarà la volta di quello cinese, ma prima, giovedì, sarà l'inflazione Usa a tenere banco, con gli investitori che contano su un aumento di quella core dello 0,2% su base mensile e un calo del ritmo annuale al 3,8%, un livello che non si vedeva dalla metà del 2021.

A pesare sull'andamento dei mercati anche le crescenti tensioni geopolitiche dopo che gli attacchi al trasporto nel Mar Rosso stanno facendo aumentare i costi di spedizione in Europa, mentre il conflitto israeliano contro Hamas minaccia di espandersi anche in Libano.

Intorno alle 9,30 il Ftse Mib è in frazionale calo dello 0,04%.

Spunti su Amplifon (BIT:AMPF) che balza del 2,5%, premiato dalla decisione di Morgan Stanley (NYSE:MS) di alzare il rating a 'overweight' da 'equal weight', con target price a 35 euro da 30 euro.

© Reuters. La sede della Borsa di Milano.  REUTERS/Alessandro Garofalo

Per contro il calo del prezzo del greggio di oltre l'1%, a seguito del drastico taglio ai prezzi da parte del principale esportatore, l'Arabia Saudita, pesa su Eni (BIT:ENI) che arretra dell'1,4%. Vendute anche Saipem (BIT:SPMI) in calo dell'1% circa e Tenaris (BIT:TENR) in flessione dello 0,45%.

I dati sulla raccolta di dicembre fanno bene ad Anima (BIT:ANIM) in crescita dell'1,2%. Stesso effetto anche per Banca Mediolanum (BIT:BMED) a +0,9%.

(Giancarlo Navach, editing Claudia Cristoferi)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.