Ricevi uno sconto del 40%

BORSA USA-Nasdaq in ribasso paga crollo Nvidia, Walmart al record storico

Pubblicato 20.02.2024, 17:57
Aggiornato 20.02.2024, 18:00
© Reuters. Dettaglio dell'ingresso della Borsa di New York a Wall Street. REUTERS/Lucas Jackso

(Reuters) - Il Nasdaq scambia in ribasso a Wall Street, con il produttore di chip Nvidia in forte calo nelle prime contrattazioni, mentre le previsioni positive di Walmart, il maggiore rivenditore al dettaglio statunitense, limitano le perdite del Dow Jones.

Alle 16,45 Nvidia crolla del 5,5%, pesando sul Nasdaq.

Segno meno anche per Super Micro Computer che crolla dell'11,7%, dopo aver chiuso in ribasso del 20% venerdì. Gli investitori hanno smesso di scommettere sul titolo come grande beneficiario della forte domanda di tecnologia di intelligenza artificiale.

L'indice Dow Jones è praticamente piatto, con un frazionale negativo di 0,006%, a 38.625,58, l'S&P 500 cala dello 0,59%, a 4.975,48, e il Nasdaq Composite perde 1,24%, a 15.578,90.

Walmart tocca un massimo storico con un rialzo del 4,1% dopo aver previsto vendite per l'anno fiscale 2025 ampiamente superiori alle aspettative di Wall Street e ha aumentato il suo dividendo annuale del 9%.

Il produttore di smart Tv Vizio strappa e balza del 14,6% dopo che Walmart ha detto di voler acquistare la società per 2,3 miliardi di dollari.

Il settore retail scende invece dello 0,46%.

Home Depot scambia in ribasso allo 0,6% dopo aver previsto vendite per il 2024 inferiori alle stime di Wall Street, segnalando che quest'anno la domanda di prodotti per la casa rimarrà debole.

Discover Financial Services (NYSE:DFS) registra un balzo del 12,7% in quanto la banca consumer Capital One, finanziata da Warren Buffett, ha intenzione di acquisire l'istituto di credito statunitense in un'operazione da 35,3 miliardi di dollari.

© Reuters. Dettaglio dell'ingresso della Borsa di New York a Wall Street. REUTERS/Lucas Jackso

Intel (NASDAQ:INTC) avanza dello 0,7% in seguito alla notizia di venerdì secondo cui l'amministrazione Biden sarebbe in trattative per concedere più di 10 miliardi di dollari in sussidi all'azienda di semiconduttori.

GlobalFoundries (NASDAQ:GFS) è in rialzo dell'1,4% dopo che ieri il governo statunitense ha concesso 1,5 miliardi di dollari al produttore di chip per sovvenzionare la produzione di semiconduttori.

(Tradotto da Laura Contemori, editing Stefano Bernabei)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.