Ricevi uno sconto del 40%
🚨 Mercati volatili? Trovare le gemme nascoste per ottenere una seria sovraperformanceTrova subito azioni

Consumi elettrici gennaio +2,1% su anno - Terna

Pubblicato 21.02.2024, 13:35
Aggiornato 21.02.2024, 13:36
© Reuters. Il logo di Terna a Roma. REUTERS/Tony Gentile

MILANO (Reuters) - I consumi di energia elettrica in Italia a gennaio sono saliti del 2,1% rispetto allo stesso mese del 2023 per un fabbisogno di 26,7 miliardi di kWh.

Lo comunica Terna (BIT:TRN), la società che gestisce la rete elettrica di trasmissione nazionale.

Tale variazione è stata raggiunta con un giorno lavorativo di più e una temperatura media mensile uguale a quella di gennaio 2023, anche se superiore di circa 1,2 C° alla media degli ultimi dieci anni.

Su base destagionalizzata e corretta dagli effetti di calendario e temperatura la crescita è dell'1,4%.

In rialzo i consumi industriali delle imprese cosiddette 'energivore' presi in esami dall'indice Imci elaborato da Terna, salito del 3,5% su anno.

In termini congiunturali la domanda elettrica, rettificata per effetti calendario e temperatura, è in leggero aumento dello 0,3%.

La domanda di energia elettrica italiana è stata soddisfatta per il 79,1% dalla produzione nazionale e per la rimanente parte dal saldo dell’energia scambiata con l’estero.

Il valore del saldo estero mensile è salito del 18% a 5,6 TWh, raggiungendo il massimo dal 2016, confermano "il ruolo sempre più strategico delle interconnessioni con l'estero sia per la sicurezza sia per l'economia del sistema", sottolinea Terna,

Le fonti rinnovabili hanno coperto il 33,7% della domanda elettrica, da 27,7% di un anno prima. In crescita la fonte

idrica (+47,7%), eolica (+22,8%) e fotovoltaica (+25,5%), mentre è stabile quella geotermica.

Terna per la prima volta pubblica l'indice mensile Imser (Indice Mensile dei Servizi), che monitorare circa l'80% dell'intero settore dei servizi in Italia. L'ultimo dato disponibile di tale indicatore relativo a novembre (ha un ritardo di due mesi rispetto all'indice Imcei) 2023, ha registrato un +4,7% rispetto a novembre 2022.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

(Andrea Mandalà, editing Francesca Piscioneri)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.