Ricevi uno sconto del 40%
🚀 La nostra AI ha scelto 6 titoli che sono balzati del 25% nel 1° trimestre. Quali titoli saliranno nel 2° trimestre?Sblocca l'elenco completo

Fornitore Apple TSMC dice come evitare nuova crisi chip

Pubblicato 23.05.2021, 10:24
Aggiornato 23.05.2021, 08:35
Fornitore Apple TSMC dice come evitare nuova crisi chip

Taiwan Semiconductor Manufacturing Co (NYSE:TSM) ha affermato che l'industria automobilistica ha bisogno di modernizzare le sue pratiche "just-in-time" per la supply chain, al fine di evitare in futuro un’altra crisi dei semiconduttori simile a quella attuale, secondo quanto riportato venerdì da Reuters.

Cosa è successo: il report afferma che, durante la costante carenza di chip a livello globale, il maggior produttore di chip al mondo ha incrementato in modo significativo la produzione del 2021 di un componente cruciale dei semiconduttori per automobili.

TSMC è riuscita infatti ad aumentare del 60% la produzione degli MCU (microcontrollori) rispetto al livello del 2020, un dato che se paragonato ai livelli pre-pandemia rappresenta un aumento del 30% rispetto al 2019, prosegue il report.

Nel primo trimestre le vendite dei chip per auto di TSMC sono balzate del 31% rispetto al trimestre precedente, pari al 4% delle vendite complessive.

TSMC è una tra le voci in crescita che sostengono sia ora che il settore modernizzi il modello di supply chain automobilistica ‘just-in-time’ adottato per la prima volta decenni fa da Toyota Motor Corp (NYSE:TM) e che è poi diventato uno standard di settore.

Applied Materials Inc (NASDAQ:NASDAQ:AMAT), azienda produttrice di apparecchiature per chip, giovedì ha avvertito che le attuali carenze di capacità riflettono il fatto che la pratica altamente efficiente del just-in-time utilizzata per ovviare alla scarsa disponibilità potrebbe non essere efficace in futuro.

Perché è importante: la carenza globale di chip ha costretto le case automobilistiche di tutto il mondo a fermare le linee di produzione e ora la crisi sta influenzando anche l'elettronica di consumo, coinvolgendo anche Apple Inc (NASDAQ:NASDAQ:AAPL), un cliente chiave per la taiwanese TSMC.

Il presidente Joe Biden aveva chiesto al Congresso un finanziamento da 50 miliardi di dollari per sostenere la produzione e la ricerca dei semiconduttori negli Stati Uniti. Gina Raimondo, segretaria al Commercio degli USA, giovedì ha tenuto alcune riunioni con le aziende leader del settore per discutere della crisi dei chip, affermando che gli Stati Uniti possono contribuire a rafforzare la trasparenza in questo mercato.

Movimento dei prezzi: giovedì le azioni TSM hanno chiuso in aumento dello 0,78% a 1.130,28 dollari.

Leggi il prossimo: Ecco come Hyundai ha evitato la carenza di chip

Foto di iphonedigital su Flickr

Leggi l’articolo anche in Benzinga Italia

Ultimi commenti

Non saprei
Palle *******universali
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.