Sblocca dati premium: Fino al 50% di sconto InvestingProAPPROFITTA DELLO SCONTO

JPM: aumento tassi Fed di 25 pb è l'opzione "più reale". Goldman vede uno stop

Pubblicato 22.03.2023, 13:56
© Reuters.
JPM
-

Di Senad Karaahmetovic

La decisione sui tassi della Federal Reserve statunitense è prevista per oggi alle 19:00 CET. Lo strumento Fed Rate Monitor di Investing.com vede il 90% di probabilità che la Fed aumenti i tassi di 25 punti base.

Un dato, questo, in linea con le aspettative di JPMorgan Chase (NYSE:JPM) i cui analisti hanno notato che "la maggior parte delle conversazioni con i clienti negli ultimi giorni ha riguardato la decisione odierna della Fed".

"25 punti base sembrano il risultato più probabile e migliore", hanno scritto gli analisti nel briefing mattutino, aggiungendo che questo sembra "il percorso più sicuro per la Fed date le aspettative del mercato".

Una pausa, infatti, potrebbe essere vista "come la convinzione della Fed che il contagio finanziario sia un problema più grande di quanto si pensasse inizialmente".

Al contrario, un rialzo di 0,5 punti percentuali sarebbe "uno shock per i mercati", dato che Powell ha preferito prendere esattamente ciò che il mercato ha prezzato", hanno osservato gli analisti.

"Dato il funzionamento relativamente regolare dei mercati dei finanziamenti a breve termine, perché rischiare di sconvolgerli quando qualsiasi azione della Fed verrebbe vista come un ulteriore QE, potenzialmente in grado di scongelare le condizioni finanziarie", chiedono da JPM.

Un rialzo di 25 punti percentuali consente alla Fed di "continuare la lotta all'inflazione separando i vari strumenti a sua disposizione", rispondono dalla banca. 

Sebbene un rialzo dei tassi di 25 punti percentuali sembri l'ipotesi più reale per la giornata di oggi, secondo JPMorgan "la domanda più grande che rimane è il rialzo di oggi rappresenti la fine del ciclo di rialzi".

La posizione di JPM si scontra la view di Goldman Sachs (NYSE:GS), secondo il quale la Fed farà una pausa nell'aumento dei tassi a causa delle stress del sistema bancario, dato che i mercati non sembrano del tutto convinti che gli sforzi fatti per sostenere le banche medio piccole siano sufficienti.

Secondo Goldman il problema dell'inflazione appare oggi "meno urgente rispetto all'estate scorsa", visto che le aspettative di inflazione a breve termine sono "diminuite drasticamente" e quelle a lungo termine "sono rimaste ancorate".

Inoltre, il legame tra un singolo rialzo dei tassi di 25 pb e l'inflazione futura "è molto tenue", con la Fed che può tornare in pista rapidamente se necessario, e lo stress bancario potrebbe avere "effetti disinflazionistici".

In merito al dot plot, Goldman Sachs si aspetta che la proiezione mediana per il 2023 aumenti "di 25 pb fino a un picco del 5,375% e che rimanga su un percorso leggermente più lungo con 75 pb (rispetto ai 100 pb di dicembre) di tagli nel 2024 al 4,625%".

Leggi anche: 

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.