Ricevi uno sconto del 40%

Wall Street, future positivi; Nvidia avverte del rallentamento delle vendite cinesi

Pubblicato 22.11.2023, 12:46
Aggiornato 22.11.2023, 12:45
© Reuters.

Investing.com - I future azionari statunitensi sono in leggero rialzo questo mercoledì, rimbalzando dopo i verbali relativamente interventisti della Federal Reserve e l’avvertimento di un rallentamento delle vendite in Cina da parte di Nvidia.

Al momento della scrittura, il contratto dei future Dow sale di 13 punti, pari allo 0,1%, i future S&P 500 vanno su di 10 punti, o dello 0,2%, e i future Nasdaq 100 sono in salita di 52 punti, o dello 0,3%.

I principali indici di Wall Street hanno chiuso in ribasso ieri, con l’S&P 500 sceso dello 0,2% e il Nasdaq Composite in calo dello 0,6%, e il Dow Jones Industrial Average sceso dello 0,2%.

I verbali della Fed pesano sul sentiment

Ieri sono stati pubblicati i verbali della riunione di novembre della Fed, da cui è emerso che i funzionari hanno deciso di adottare un approccio cauto nei confronti dei rialzi dei tassi di interesse statunitensi in futuro.

Sebbene i funzionari della Fed abbiano anche indicato che aumenteranno i tassi di interesse solo se i progressi nel controllo dell’inflazione dovessero vacillare, questo approccio prudente ha pesato sull’entusiasmo per la tempistica dell’arrivo dei tagli ai tassi.

Poiché domani si celebrerà la festa del Ringraziamento, i dati settimanali sulle richieste di sussidio di disoccupazione sono anticipati di un giorno e si aggiungono ai dati sui beni durevoli per il mese di ottobre e alle ultime letture sulla fiducia dei consumatori, tutti attesi per questo mercoledì.

Nvidia avverte dell’indebolimento delle vendite in Cina

La grande notizia nel mondo aziendale è stata la pubblicazione degli ultimi risultati trimestrali del leader dei chip per l’intelligenza artificiale Nvidia (NASDAQ:NVDA), dopo la chiusura di ieri.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

Il gigante tecnologico ha continuato a raccogliere i frutti del boom della domanda di prodotti alimentati dall’intelligenza artificiale, battendo tutte le previsioni.

Tuttavia, l’azienda ha anche avvertito che le vendite nel suo mercato chiave cinese “diminuiranno in modo significativo” nel trimestre in corso a causa della mossa del mese scorso del governo Biden di estendere la portata delle sue sanzioni sulle esportazioni di chip AI all’avanguardia verso il paese.

Inoltre, Sam Altman tornerà al timone di OpenAI pochi giorni dopo essere stato licenziato come amministratore delegato del famoso gruppo di intelligenza artificiale generativa.

Il principale comunicato sugli utili della giornata è quello di Deere & Company (NYSE:DE): il più grande produttore di attrezzature agricole al mondo prevede un utile 2024 inferiore alle aspettative, a causa degli elevati costi di finanziamento e dei budget ridotti che hanno intaccato la domanda di attrezzature agricole.

Petrolio in calo per il forte aumento delle scorte statunitensi

I prezzi del petrolio scendono questo mercoledì, in scia ai dati del settore che hanno evidenziato un notevole aumento delle scorte statunitensi, ma è probabile che le perdite siano limitate dalla vicinanza della riunione dell’OPEC+ del fine settimana.

Al momento della scrittura, i future del greggio USA vanno giù dell’1,2% a 76,82 dollari al barile, mentre il contratto del Brent scende dell’1,2% a 81,46 dollari al barile.

L’American Petroleum Institute ha stimato che le scorte statunitensi sono cresciute di oltre 9 milioni di barili nella settimana terminata il 17 novembre, molto più delle aspettative di un aumento di 1,5 milioni di barili.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

Se confermato dai dati ufficiali nel corso della seduta, si tratterebbe della quarta settimana consecutiva di aumento delle scorte statunitensi, a indicare che le forniture di petrolio sono rimaste robuste.

L’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio e i suoi alleati, gruppo noto come OPEC+, si riuniscono il 26 novembre e le notizie suggeriscono che l’Arabia Saudita e la Russia - due dei principali produttori del gruppo - starebbero valutando tagli delle forniture maggiori per sostenere i prezzi del petrolio.

Inoltre, i future dell’oro salgono dello 0,1% a 2.003,75 dollari l’oncia, mentre il cambio EUR/USD registra un calo dello 0,1% a 1,0899.

(Articolo realizzato con il contributo di Oliver Gray).

Ultimi commenti

👍
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.