Ultime Notizie
Investing Pro 0
SCONTO Cyber Monday: Fino al 54% in meno su InvestingPro+ RICHIEDI L’OFFERTA

Apprezzamento dello yen e RBNZ: cosa dobbiamo aspettarci

Da Kathy LienValute08.08.2018 22:26
it.investing.com/analysis/apprezzamento-dello-yen-e-rbnz-cosa-dobbiamo-aspettarci-200222070
Apprezzamento dello yen e RBNZ: cosa dobbiamo aspettarci
Da Kathy Lien   |  08.08.2018 22:26
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 
 
EUR/USD
+0,48%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
GBP/USD
+0,46%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
USD/JPY
-0,26%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
AUD/USD
+0,83%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
EUR/GBP
+0,03%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 
USD/CAD
-0,46%
Aggiungi/Rimuovi dal Portafoglio
Aggiungi alla watchlist
Aggiungi Posizioni

Posizione aggiunta con successo a:

Nomina il tuo portafoglio holding
 

Analisi realizzata alla chiusura del mercato statunitense a cura di Kathy Lien, Direttrice di FX Strategy per BK Asset Management.

In questi giorni l’andamento del mercato forex sembra diretto da ciò che succede in Asia.

Martedì sera lo yen giapponese è schizzato contro le principali valute ed ha mantenuto l’andamento positivo durante le sedute di scambi di Londra e New York.

Gli investitori acquistano yen in quanto la Banca del Giappone potrebbe essere più propensa ad inasprire la politica monetaria rispetto di quanto ci si aspetti.

I verbali dell’ultimo vertice della BoJ, che sono stati rilasciati martedì sera, mostrano che uno dei membri avrebbe dichiarato che è necessario un range più ambio per il rendimento a lungo termine, un’affermazione rialzista che ha causato l’impennata di mercoledì.

Ora, ci chiediamo se le opinioni di un policy maker possano avere un impatto duraturo sul cambio USD/JPY; la risposta è da ricercare nei rendimento e nello yuan. Il rendimento dei JGB a 10 anni è sceso mercoledì, ma la curva di rendimento sta aumentando la pendenza, riportando la domanda in Giappone.

Se il rendimento dei tassi a breve o lungo termine dovesse continuare a salire, anche lo yen dovrebbe farlo, ma se la curva dovesse indebolirsi, lo yen potrebbe ricominciare a scendere.

Nonostante lo yen non abbia risentito del crollo dello yuan registrato martedì, è importante tenere d’occhio la valuta e i mercati cinesi, in quanto delle variazioni importanti avranno un impatto diretto sul cambio USD/JPY.

Nel breve termine il cambio sta leggermente scendendo, ma c’è un forte supporto tra 110,60 e 110,80.

Giovedì finalmente vedremo dei dati USA importanti, tra cui i prezzi alla produzione. Il dollaro più forte ed il calo dei prezzi del petrolio potrebbero aver influito sulla crescita dell’IPP, e se così fosse, il cambio USD/JPY potrebbe testare il livello di supporto.

Concentriamoci ora sull’annuncio di politica monetaria della Reserve Bank of New Zealand.

Nonostante il dollaro neozelandese sia salito sensibilmente prima della decisione sul tasso, in una visione più ampia, il cambio NZD/USD è vicino al minimo di 2 anni ed il cambio AUD/NZD è vicino al massimo di 7 mesi.

Crediamo che la RBNZ lasci aperta la possibilità di ulteriori allentamenti.

Durante il vertice di giugno la banca ha lasciato i tassi invariati, dicendosi pronta a gestire una variazione dei tassi in entrambe le direzioni.

Anche il linguaggio utilizzato nella dichiarazone suggerisce la possibilità di un intervento sui tassi. Il fatto che il cambio NZD/USD sia crollato al minimo di 2 anni dopo l’annuncio riflette la paura che la prossima mossa possa essere un taglio dei tassi.

Purtroppo, l’economia neozelandese da allora è peggiorata. Le spese tramite carta sono aumentate ma la fiducia di consumatori e imprese è in calo.

La crescita del settore dei servizi e di quello manifatturiero è significativamente diminuita, mentre il surplus commerciale è andato in deficit.

L’inflazione è aumentata ma i prezzi dei latticini sono in calo.

L’unico aspetto positivo è la debolezza del dollaro neozelandese.

Questo rende i prodotti caseari neozelandesi più attraenti sul mercato globale e più accessibili agli importatori cinesi che combattono con l’indebolimento dello yuan.

Detto ciò, l’andamento di prezzi dei prodotti caseari e i problemi della Cina danno pochi motivi per cui essere ottimisti.

Avendo cambiato registro nell’ultima dichiarazione, la RBNZ vuole che i mercati credano che sia possibile tornare ad un allentamento.

NZD Data Points
NZD Data Points

Sia il dollaro australiano che quello neozelandese non hanno risentito dei dati cinesi misti sulla bilancia commerciale.

Nonostante il surplus commerciale del paese sia sceso, le importazioni e le esportazioni hanno registrato forti aumenti.

Si discute molto di ulteriori dazi, ma al momento il dollaro australiano sta gestendo tranquillamente il rischio.

Le dichiarazioni del Governatore della RBA Lowe sono state ottimiste.

Sebbene abbia dichiarato che un’escalation della guerra commerciale possa danneggiare l’economia globale, a suo avviso, l’economia continuerà a mantenere l’andamento attuale.

Lowe è fiducioso verso un ritorno dell’inflazione al 2,5%, e crede che il prossimo movimento dei tassi sarà al rialzo. Considerato ciò, ha chiarito che non ci sono attualmente le condizioni per una variazione della politica e ciò significa che la RBA manterrà la sua posizione neutrale per adesso.

Per quanto riguarda il cambio USD/CAD, il livello di 1,31 è stato superato.

I dati canadesi sono stati deludenti, con le concessioni edilizie in calo del 2,3%; nonostante non si tratti del dato economico canadese più importante, ha funto da catalizzatore che ha fatto salire il cambio USD/CAD al massimo di 1,3120.

Tuttavia c’è molta resistenza a 1,31 e viste le aspettative dei mercati verso un aumento dei tassi di interesse quest’anno da parte della Banca del Canada, l’impennata ha velocemente coinvolto i venditori.

Se i prezzi del petrolio continueranno a scendere, sarà difficile salire per il dollaro canadese.

Il petrolio è crollato del 4% intraday al minimo di 7 settimane, dopo un calo inferiore al previsto delle scorte di greggio.

Inoltre, la Cina ha minacciato di applicare dazi del 25% sulle importazioni dagli USA di prodotti petroliferi tra il diesel.

Sale così ulteriormente la pressione sul settore energetico USA, dopo i dazi sul greggio USA e sulle importazioni di gas naturale liquefatto.

L’euro ha chiuso la giornata invariato, mentre la sterlina è scesa contro il dollaro per il settimo giorno consecutivo di scambi.

Questo andamento divergente, ha portato il cambio EUR/GBP al massimo da ottobre 2017.

Non ci sono state delle notizie che hanno influito specificatamente sulla sterlina, ma non c’è dubbio che i timori per la Brexit stiano aumentando.

Come affermato dal nostro collega Boris Schlossberg, il cambio “è scambiato sullo slancio in quanto la mancanza di notizie ha portato gli short a testare il minimo del supporto a lungo termine, ma il trading sulla coppia è fortemente suscettibile agli aggiornamenti delle notizie; qualsiasi accenno ad un accordo potrebbe portare velocemente il cambio sopra il livello di 1,3000, con una serie di short covernig pazzesche”. Non essendo previsti dati britannici per giovedì, l’andamento della valuta sarà dettato dal momento.

Apprezzamento dello yen e RBNZ: cosa dobbiamo aspettarci
 

Articoli Correlati

Andrea Guzzonato
Il declino delle valute reali   Da Andrea Guzzonato - 14.11.2022 1

I governi moderni hanno ormai distrutto il significato di denaro.La rimozione del Gold Standard ha consentito loro di gonfiare la quantità di valuta e credito, per trasferire a se...

Apprezzamento dello yen e RBNZ: cosa dobbiamo aspettarci

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email