😎 Saldi d’estate esclusivi - Fino al 50% di sconto sugli stock picks di InvestingProAPPROFITTA DELLO SCONTO

Bloccare ora i profitti di questi titoli IA può essere una mossa intelligente

Pubblicato 10.07.2024, 12:19
GS
-
TLIT
-
NVDA
-
MS
-
AVAV
-
SOUN
-

Sono in arrivo diversi segnali per bloccare i profitti azionari generati dall’IA. Jim Covello di Goldman Sachs (NYSE:GS), responsabile della ricerca azionaria globale, ha sottolineato che il rapporto costi-benefici dell’IA è decisamente sbilanciato, per usare un eufemismo.

“La tecnologia dell’IA è eccezionalmente costosa e per giustificare tali costi deve essere in grado di risolvere problemi complessi, cosa che non è stata progettata per fare”, ha scritto Jim Covello nella newsletter di ricerca 129 di Goldman Sachs.

Altri collaboratori hanno adottato un approccio più ottimistico, ma anche Daron Acemoglu, professore del MIT, ritiene improbabile che le applicazioni di IA trasformative si realizzino a breve. Inoltre, Michael Wilson, chief investment officer di Morgan Stanley (NYSE:MS), ha osservato che è probabile un calo del 10% del mercato da qui alle elezioni di novembre.

“Non a causa delle elezioni, ma perché è probabile che prevalga l’incertezza”, ha dichiarato Michael Wilson a Bloomberg TV.

Pur avendo fatto alcune previsioni ribassiste che non si sono concretizzate, Wilson ha valutato correttamente le correzioni del mercato azionario nel 2021 e nel 2022. Una nota dell’8 luglio degli analisti di Citigroup ha amplificato questo sentimento negativo, invitando a “continuare a suggerire agli investitori di prendere profitto sui migliori titoli IA”.

A prescindere dal loro potenziale di accuratezza, gli investitori stanno prendendo nota di queste previsioni. Allo stesso tempo, i dati economici del governo continuano a suscitare sfiducia. Dopo le numerose revisioni dei rapporti sull’occupazione nel 2023, questa tendenza alla falsificazione è proseguita nel 2024, con quattro mesi su cinque rivisti al ribasso, mostrando la più debole crescita trimestrale dei salari dal 2021.

L’insieme di questi segnali fa pensare a una raccolta di profitti in coda a un’impennata dell’IA.

AeroVironment Inc.

Con una performance annua del 72%, il titolo AeroVironment Inc. (NASDAQ:AVAV) ha registrato un forte calo negli ultimi 30 giorni, con un pullback del 16%, che probabilmente continuerà. Pur essendo principalmente un appaltatore della difesa per i sistemi aerei senza pilota (UAS), l’azienda ha iniziato a integrare l’apprendimento automatico con i suoi software Autonomy Retrofit (ARK) e AVACORE.

Per potenziare ulteriormente le capacità autonome, nel 2021 AeroVironment ha acquistato Intelligent Systems Group (ISG) per le sue competenze di computer vision. Date le tensioni geopolitiche e l’ovvia tendenza degli UAV a sostituire i veicoli con equipaggio, il titolo AVAV ha guadagnato il 166% da gennaio 2020.

Tuttavia, nonostante abbia battuto le aspettative di fatturato per il quarto trimestre fiscale del 2024, l’azienda ha registrato un calo del 57% dell’utile per azione, unitamente a un calo di 24 milioni di dollari del portafoglio ordini rispetto al trimestre dell’anno precedente.

Infine, è estremamente improbabile che le tensioni tra Cina e Stati Uniti su Taiwan, che rappresenterebbero il principale punto di domanda per i servizi di AeroVironment, si surriscaldino. Tuttavia, dato che i fondamentali di AeroVironment rimangono solidi, il titolo dovrebbe essere considerato “da comprare più tardi”.

SoundHound AI

Dall’inizio dell’anno, questa popolare piattaforma di intelligenza artificiale vocale ha guadagnato il 95% del valore. Negli ultimi tre mesi, tuttavia, SoundHound AI Inc (NASDAQ:SOUN) è scesa del 18%. In uno scenario di ribasso del mercato più ampio, un titolo da pochi centesimi come SOUN è particolarmente vulnerabile. Dopo tutto, il suo bacino di liquidità è molto meno ampio di quello dei titoli blue-chip consolidati.

Questo è uno dei motivi per cui i dirigenti della società hanno preso profitto a marzo. Nel primo trimestre di maggio, SoundHound ha registrato una crescita dei fatturati del 73% rispetto all’anno precedente, raggiungendo 11,6 milioni di dollari, ma con una perdita netta di 33 milioni di dollari, in netto aumento rispetto alla perdita netta di 27,4 milioni di dollari del trimestre precedente.

Al prezzo attuale di 4,20 dollari, il titolo SOUN è superiore alla media delle 52 settimane di 3,28 dollari per azione e ben al di sopra del minimo delle 52 settimane di 1,49 dollari, il che lo rende un solido candidato per il blocco degli utili.

Nvidia

NVIDIA Corporation (NASDAQ:NVDA) è la scelta più ovvia per i realizzare profitti in quanto è diventata il principale beneficiario della narrativa sull’intelligenza artificiale. In un anno, il titolo NVDA si è apprezzato del 211%. Negli ultimi tre mesi, le azioni NVDA hanno guadagnato il 50%, grazie allo split azionario 10 a 1 che ha reso l’esposizione del produttore di chip più accessibile dal punto di vista psicologico.

Raramente si è visto nel mercato azionario che la capitalizzazione di mercato di 3,24 dollari di Nvidia ha rapidamente oscurato il PIL di grandi nazioni, come il Messico o la Russia. Da questo punto di vista, è lecito dubitare del valore equo di Nvidia, soprattutto dopo la corsa all’insider selling.

Tuttavia, resta vero che l’agilità di Nvidia nel conquistare il mercato dell’addestramento dell’IA, insieme al software completo per i carichi di lavoro dell’IA, rende convincente il fatto che l’azienda rimanga la forza dominante in questo settore.

Con un prezzo attuale di 131 dollari, il titolo NVDA è vicino al massimo storico di 135,58 dollari raggiunto il 18 giugno e quasi doppio rispetto alla media delle 52 settimane di 67,90 dollari per azione. Si tratta di numerosi incentivi per registrare profitti, indipendentemente dai solidi fondamentali di Nvidia.

***

Né l’autore, Tim (BIT:TLIT) Fries, né questo sito web, The Tokenist, forniscono consulenza finanziaria. Vi invitiamo a consultare la nostra politica del sito web prima di prendere decisioni finanziarie.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.