Sblocca dati premium: Fino al 50% di sconto InvestingProAPPROFITTA DELLO SCONTO

Il capitalismo è superato?

Pubblicato 01.03.2023, 13:15
US500
-

Nell’economia di oggi, il capitalismo è vivo e vegeto. La ragione per cui lo sappiamo è dovuta sia all’impennata dell’inflazione che alla redditività delle imprese dal 2020. Se il “capitalismo” fosse superato, poiché l’economia è stata inondata da 5.000 miliardi di dollari di stimoli fiscali, l’inflazione non ne sarebbe risultata. Per intenderci:

“La seguente illustrazione economica mostra ciò che viene insegnato in ogni classe di ‘Econ 101’. Non sorprende che l’inflazione sia la conseguenza di una restrizione dell’offerta e di un aumento della domanda grazie agli assegni di stimolo”.

Con la chiusura dell’economia e un’impennata inorganica della domanda dovuta al “denaro gratuito”, i prezzi di vendita di un’offerta limitata di beni sono aumentati. La funzione economica di base della domanda e dell’offerta dimostra che il capitalismo funziona correttamente. Inoltre, come dimostrato, i profitti delle aziende sono aumentati con un costo del lavoro notevolmente ridotto a causa della chiusura e dei prezzi più alti dovuti alla domanda stimolata artificialmente.

Supply-Demand Chart

“In particolare, questo non ha nulla a che fare con le grandi aziende che si approfittano dei consumatori. È solo la conseguenza economica di troppi soldi a caccia di pochi beni”. - RIA

NIPA Corporate Profits

Infine, se “il capitalismo fosse superato”, come molti suggeriscono, i prezzi del mercato azionario non avrebbero inseguito l’aumento dei profitti aziendali. In un contesto di mercato capitalistico, gli investitori dovrebbero attribuire una valutazione più elevata alle società con utili in crescita. È proprio quello che abbiamo visto nel 2020 e nel 2021, quando gli investitori hanno iniziato a pagare troppo per gli utili attuali. Come sempre, l’ “avidità” è un sottoprodotto del capitalismo.

Cumulative Change: Profits vs Market

Tuttavia, anche i profitti delle aziende devono diminuire se il capitalismo non è stato superato.

Cosa farete ora per me?

Rivediamo come abbiamo ottenuto la massiccia impennata dei profitti aziendali.

  1. La chiusura dell’economia ha portato a una massiccia impennata di disoccupazione.
  2. Iniziare a inviare 5.000 miliardi di dollari di stimolo monetario direttamente alle famiglie.
  3. Chiedere alla Federal Reserve di tagliare i tassi di interesse a zero.
  4. Iniziare il programma di Quantitative Easing più aggressivo della storia.
  5. Mettere in atto una moratoria su vari obblighi di debito, dando alle famiglie più risparmi discrezionali da spendere.

Non sorprende che, con i costi della manodopera fortemente ridotti e le famiglie piene di contanti da spendere e nient’altro da fare, in combinazione con una carenza di scorte per soddisfare la domanda, il risultato sia stato un forte aumento della redditività. I dati di Sondaggio NFIB sulle piccole imprese confermano che, con il continuo aumento del costo del lavoro, i profitti delle imprese diminuiranno.

NIPA Profit Margins vs NFIB Compensation Plans

Quindi, supponiamo che la combinazione di un’economia ferma, assenza di offerta e massicci cicli di stimoli fiscali ci abbia portato qui. Quale sarà il catalizzatore per sostenere gli utili record in futuro?

Nei prossimi anni, l’ambiente appare nettamente diverso rispetto al passato.

  1. L’economia sta tornando a una crescita lenta, con il rischio di recessione.
  2. L’inflazione è in calo, il che significa un minore potere di determinazione dei prezzi per le aziende.
  3. Non ci sono stimoli artificiali a sostegno della domanda.
  4. Negli ultimi due anni, il traino dei consumi ora peserà sulla domanda futura.
  5. I tassi di interesse sono sostanzialmente più alti, con un impatto sui consumi.
  6. I consumatori hanno ridotto drasticamente i risparmi e aumentato l’indebitamento.
  7. Le precedenti siccità di scorte sono ora eccedenze.

Se siete d’accordo con questa premessa, dovete convenire che “il capitalismo NON è stato superato”. Pertanto, i profitti aziendali, e di conseguenza gli utili, devono tornare indietro per adattarsi a una crescita economica più lenta. L’attuale deviazione quasi record degli utili societari dal trend di crescita esponenziale di lungo periodo rimane attualmente problematica per gli investitori rialzisti.

Earnings Deviation From Growth Trend

Il capitalism resta distaccato

È certamente comprensibile il motivo per cui le persone pensano che il capitalismo sia stato superato. Si sentono trattati ingiustamente come fornitori di manodopera e fornitori di capitale. Il grafico sottostante dei profitti e dei salari rende l’idea.

Wages to Profits Ratio

Tuttavia, la definizione stessa di capitalismo è quella del grafico:

“Il capitalismo è un sistema economico in cui individui o imprese private possiedono beni capitali. Allo stesso tempo, i proprietari delle imprese (capitalisti) impiegano lavoratori (manodopera) che ricevono solo salari; la manodopera non possiede i mezzi di produzione, ma li utilizza solo per conto dei proprietari del capitale”. - Investopedia

In altre parole, se vi sentite penalizzati dall’economia attuale, avete tre possibilità:

  1. Fare l’operaio, oppure
  2. Diventare un fornitore di mezzi di produzione, oppure
  3. Investire in società pubbliche attraverso il mercato azionario

Il problema è che la redditività delle aziende e il mercato rimangono distaccati dall’economia sottostante a causa dei massicci interventi dell’ultimo decennio. Ciò rende più problematici i rendimenti a termine della fornitura di mezzi di produzione e degli investimenti sul mercato.

Storicamente, tali deviazioni non sono positive per gli investitori eccessivamente “rialzisti”. La correlazione è più evidente se si guarda al mercato rispetto al rapporto tra profitti aziendali e PIL. Perché i profitti? Perché ai fini fiscali le società dichiarano i “profitti”, che sono molto meno soggetti a manipolazione rispetto agli “utili”.

Con correlazioni del 90%, la relazione tra crescita economica, utili e profitti societari dovrebbe essere evidente. Di conseguenza, non è da escludere un’eventuale inversione di tendenza di entrambe le serie. Attualmente, l’indice S&P 500 è scambiato ben al di sopra del trend storico degli utili. Con il calo degli utili societari, anche le attuali stime sugli utili diminuiranno.

Real Price vs Real Earnings

No, il capitalismo non è superato. Tuttavia, il distacco del mercato azionario dalla redditività sottostante garantisce agli investitori scarsi risultati futuri. Ma, come sempre, Wall Street è sempre in ritardo rispetto alla realtà economica.

È il caso, in particolare, dell’impennata delle azioni a fronte di un’economia in indebolimento, di una liquidità globale ridotta e di un’inflazione in aumento. Mentre gli investitori si aggrappano alla “speranza” che la Fed abbia tutto sotto controllo, c’è più di una ragionevole possibilità che non sia così.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.