Ricevi uno sconto del 40%

Il rally continua a salire nel Q1, quasi per tutti tranne che per …

Pubblicato 02.04.2024, 09:08
Aggiornato 09.07.2023, 12:31

Il rally degli asset globali si è sviluppato ulteriormente a marzo, in quasi tutte le principali asset class. Quasi tutte…  ad eccezione delle obbligazioni dei mercati emergenti. Per il resto, il mese scorso è stato caratterizzato da una serie di rialzi, basati su un insieme di ETF.

Il Global Real Estate ex-US (VNQI) è in cima alla lunga lista dei vincitori di marzo, con un aumento del 4,7%. Il forte progresso segna un rimbalzo per l’ETF di Vanguard dopo due cali mensili.

Anche le materie prime (GSG) e le azioni dei mercati sviluppati ex-USA (VEA) e dell’America (VTI) hanno registrato forti guadagni a marzo. L’unico ribasso è stato quello delle obbligazioni emesse dai governi dei mercati emergenti (EMLC), che hanno perso lo 0,7%, la terza perdita mensile consecutiva per il fondo.

I risultati da inizio anno riflettono invece un profilo misto per gli asset globali. Le materie prime (GSG) e le azioni statunitensi (VTI) hanno registrato forti guadagni fino ad ora nel 2024, ma c’è molto inchiostro rosso per l’anno, guidato da un calo del 4,0% dei titoli di Stato legati all’inflazione ex-USA (WIP).

GMI-Total Returns Table

TIl Global Market Index (GMI) ha prolungato la sua striscia vincente per il quinto mese consecutivo a marzo, salendo del 2,8%. Il GMI è un benchmark non gestito (mantenuto da CapitalSpectator.com) che contiene tutte le principali classi di asset (eccetto la liquidità) in pesi a valore di mercato tramite ETF e rappresenta un benchmark competitivo per i portafogli multi-asset class. Ad oggi, il GMI si sta dimostrando un’impresa ardua da battere e sta attualmente sovraperformando tutto tranne le materie prime (GSG) e le azioni statunitensi (VTI).

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .

Anche la performance a un anno di GMI è forte, e ha superato il 22% fino alla fine di marzo. Le azioni statunitensi (VTI) sono ancora più brillanti, con un aumento di quasi il 34% nell’ultimo anno. Nel frattempo, il mercato obbligazionario statunitense (BND) continua a mantenere un modesto rialzo del 2,4% negli ultimi 12 mesi.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.