Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Indicatore di Buffet al 170%: azionario a rischio di ulteriore correzione?

Pubblicato 16.08.2023, 11:04
US500
-
DXY
-
FOUR
-
  • Secondo l’indicatore preferito da Warren Buffett, i titoli azionari al momento sono sopravvalutati.
  • Un valore superiore al 100% indica sopravvalutazione, e si trova al 170%.
  • Significa che l’attuale correzione continuerà ancora?
  • Warren Buffett sta lanciando un avvertimento: i titoli azionari sembrano stare entrando in una fase di sopravvalutazione, come mostra il suo indicatore preferito. Nel 2001, in un articolo su Fortune, Buffett asseriva che questo particolare indicatore riesce ad essere il più preciso barometro delle valutazioni di mercato in qualunque momento.

    Buffett ha introdotto questo indicatore quasi due decenni fa, sottolineando l’importanza del rapporto tra la capitalizzazione complessiva del mercato azionario e il prodotto interno lordo (PIL) della nazione come prova del nove definitiva per capire se il mercato tenda verso il costoso o l’economico, il sopravvalutato o il sottovalutato.

    In parole povere, confronta la capitalizzazione di mercato aggregata dei titoli quotati in borsa con gli ultimi dati trimestrali sul prodotto interno lordo degli Stati Uniti.

    Quando questo dato supera la soglia del 100%, avverte che i titoli stanno entrando nel reame della sopravvalutazione. Al momento, questo indicatore è schizzato notevolmente, raggiungendo un elevato livello del 170%.

    Tuttavia, è importante notare che, per quanto valido, non è infallibile, soprattutto per due motivi:

    1. Basa la sua valutazione sul confronto tra il PIL del trimestre precedente e l’attuale valore del mercato azionario.
    2. Il PIL non tiene conto degli utili esteri, anche se le compagnie statunitensi includono operazioni internazionali.

    Legame tra EPS e performance del mercato azionario

    Nonostante le compagnie dell’S&P 500 abbiano superato le previsioni sugli utili trimestrali, è emerso un trend curioso: la solita armonia tra utili e movimento del mercato azionario sembra saltata.

    Un’analisi approfondita condotta da FactSet svela che ben il 79% delle compagnie dell’S&P 500 hanno battuto le stime sugli utili. Sebbene questa statistica batta la media decennale, la reazione del mercato azionario ha preso una svolta inaspettata.

    Sorprendentemente, i titoli che sono riusciti a battere le stime sugli EPS hanno visto un calo dello 0,5% in media nella seduta di scambi successiva. E questo in netto contrasto con la norma degli ultimi cinque anni, durante i quali questi titoli avevano visto un’ascesa dell’1%.

    Sentiment degli investitori (AAII)

    • Il sentiment bullish (le aspettative che i titoli azionari saliranno nei prossimi sei mesi) è sceso di 4,3 punti percentuali al 44,7% ma è rimasto sopra la media storica del 37,5%. Si tratta del più lungo periodo sopra la media dalle 13 settimane comprese tra febbraio e maggio 2021.
    • Il sentiment bearish (le aspettative che i titoli azionari scenderanno nei prossimi sei mesi) si trova al 25,5% ed è rimasto sotto la media storica del 31%.

    Il progetto mBridge costituisce una sfida per il dollaro USA?

    La spinta dello yuan digitale per sfidare la supremazia del dollaro sta prendendo slancio tramite il progetto mBridge, una nuova piattaforma pensata per espandere l’influenza della moneta digitale cinese.

    Questo prototipo digitale, studiato per facilitare i trasferimenti globali di denaro senza dipendere dagli istituti finanziari statunitensi, sta avanzando ad un ritmo rapido. Al punto che alcuni osservatori in Europa e USA ora lo considerano uno sfidante nascente delle transazioni denominate in dollari nel panorama finanziario globale.

    L’iniziativa mBridge, che coinvolge Cina, Tailandia, Hong Kong ed Emirati Arabi Uniti, ha il potenziale di facilitare l’aggiramento di sanzioni, tasse e norme per l’anti-riciclaggio di denaro.

    Mentre il progetto va avanti, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) cerca di impedirne l’evoluzione da una soluzione tecnica ad uno strumento geopolitico.

    Shift4 Payments: vale la pena comprare?

    Shift4 Payments Daily Chart

    Shift4 Payments (NYSE:FOUR) è una compagnia di elaborazione pagamenti che si trova negli Stati Uniti fondata nel 1999 e con sede ad Allentown, Pennsylvania.

    Ecco perché bisogna tenerla d’occhio:

    • Forte performance trimestrale: Gli ultimi risultati trimestrali della compagnia, pubblicati il 3 agosto, sono stati altamente promettenti. Gli EPS hanno superato le aspettative del mercato di ben il 36%, così come il fatturato.
    • Risultati all’orizzonte: Segnate sul calendario il 7 novembre, giorno in cui arriveranno i prossimi risultati della compagnia. Le aspettative sono alte per un altro dato positivo, sia in termini di ricavi che di utili per azione.
    • Prospettive positive per utili e ricavi: Le stime sugli utili per azione e il fatturato per il 2023 e il 2024 sembrano ottimistiche.
    • Potenziale di mercato: Gli analisti vedono del potenziale nella compagnia, stimando un valore compreso tra 80 ed 83 dollari.
    • Livelli di supporto vicini: La compagnia attualmente oscilla vicino ai suoi due livelli di supporto critici di 58,81 e 56,31 dollari e potrebbe rimbalzare.

    Il Tesoro USA detiene una partecipazione stabile in Yellow, ora in bancarotta

    Yellow Weekly Chart

    Yellow ha presentato istanza di bancarotta il 6 agosto. Tuttavia, un aspetto meno noto è la composizione dei suoi azionisti e i profili di rilievo che possiedono le azioni della compagnia.

    Potrebbe sorprendere scoprire che il Tesoro USA si piazza al secondo posto come principale azionista.

    Ecco il podio:

    1. MFN Partners Management: In testa, con ben il 42,5%.
    2. Tesoro USA: Al secondo posto, con il 30,6%.
    3. Vanguard: Con una partecipazione del 5,1%.

    ***

    Nota: L’autore non possiede nessuno degli asset menzionati.

    Find All the Info you Need on InvestingPro!

    Nota: Questo articolo ha scopo puramente informativo; non costituisce una sollecitazione, un’offerta, un consiglio, una consulenza o una raccomandazione di investimento e non è inteso a incentivare in alcun modo l’acquisto di asset. Ricordiamo che tutti gli asset vengono considerati da prospettive differenti e sono estremamente rischiosi; dunque la decisione di investimento e il relativo rischio sono responsabilità dell’investitore.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.