Ultime Notizie
Chiusura
Investing Pro 0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Fai l’upgrade ora

La Fed potrebbe portare l’economia USA in recessione

it.investing.com/analysis/la-fed-potrebbe-portare-leconomia-usa-in-recessione-200450665
La Fed potrebbe portare l’economia USA in recessione
Da Michael Kramer   |  14.01.2022 14:02
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Questo articolo è stato scritto in esclusiva per Investing.com

I tassi di inflazione a dicembre non hanno dato segno di rallentamento, con l’indice sui prezzi al consumo (IPC) su del 7% su base annua e l’indice sui prezzi alla produzione (IPP) a +9,7%. Il rimbalzo, sia dell’indice IPC che dell’IPP, è stata una sorpresa, soprattutto dopo un report manifatturiero dell’ISM ed un indice sui prezzi pagati più deboli del previsto ed il forte calo dei prezzi di petrolio e benzina a novembre.

I trend storicamente hanno favorito un alleviamento della pressione inflazionaria grazie a questi fattori, ma ora il greggio è di nuovo in salita ed altre materie prime come il rame ricominciano a salire, mentre il dollaro ne indebolisce qualcuna. Il grande rischio per questa economia è che l’inflazione continui a salire, finendo per portare l’economia statunitense in recessione.

Tassi di inflazione alti

Sebbene dei tassi di inflazione alti non sempre abbiano portato ad una recessione negli Stati Uniti, dalla fine degli anni Quaranta quasi tutte le impennate dell’indice sui prezzi al consumo su base annua sono state associate ad una recessione importante. Anche se stavolta potrebbe essere diverso, le probabilità sembrano suggerire che non sarà così.

CPI Y/Y Change
CPI Y/Y Change

Inasprimento della politica monetaria

Anche se la Fed ora sta lavorando duramente per far scendere i tassi di inflazione, potrebbe essere troppo poco e troppo tardi. La Fed sta tentando di inasprire la politica monetaria, il che ucciderà il lato della domanda dell’economia, quando si stima già che l’economia statunitense vedrà un rallentamento del tasso di crescita. Un recente sondaggio di Reuters mostra che la crescita del PIL nel 2022 dovrebbe rallentare al 3,9% dalla stima del 5,6% e poi ancora al 2,5% nel 2023. Non ci vorrebbe molto perché la Fed inasprisca eccessivamente e causi una contrazione.

CPI Y/Y Change
CPI Y/Y Change

Ed è proprio quello che è successo in passato. Storicamente, un’inflazione più alta ha spinto la Fed ad incrementare aggressivamente il tasso dei fondi federali nei cicli precedenti, a partire dagli anni Settanta. Ogni volta, la combinazione del tasso dei fondi federali più alti e dell’alto tasso di inflazione ha fatto cadere in recessione l’economia statunitense. Stavolta sembra che succederà lo stesso, in quanto la Fed punta ad alzare i tassi nel 2022 e i mercati cominciano ad aspettarsi ben quattro aumenti.

Gli stipendi non riescono a tenere il passo

Un altro motivo di preoccupazione sono i compensi reali. Recenti dati mostrano che, rivisti sull’inflazione, i compensi sono scesi del 2,3% a dicembre rispetto ad un anno fa, segnale che i guadagni dei consumatori non stanno tenendo il passo con il cambiamento delle dinamiche di inflazione dell’economia. I compensi sono in calo se rivisti sull’inflazione dal maggio 2021.

Change In Adjusted Wages
Change In Adjusted Wages

Nonostante l’inflazione alta e la minaccia che la Fed alzi i tassi e riduca il bilancio, i rendimenti non stanno salendo, soprattutto nella parte lunga della curva. I decennali sono ancora scambiati intorno all’1,75%. I bond a 2 anni sono scambiati a 90 punti base. Questo comporta un appiattimento della curva e suggerisce che il mercato dei bond fatica a credere che la Fed sarà aggressiva con l’aumento dei tassi come dice.

Questo può solo significare che il mercato dei bond non pensa che la Fed arriverà ad alzare i tassi quanto dice, perché il mercato dei bond si aspetta un considerevole rallentamento economico in arrivo. Sebbene la curva del rendimento non stia ancora dando segnali di recessione, lo spread tra i bond a 30 e a 5 anni è scambiato ad appena 55 punti base, appiattendosi drasticamente da maggio. Al momento, un’inversione non sembra fuori questione.

Ciò peserebbe sui mercati azionari, con i titoli che hanno alte valutazioni che non mettono pienamente in conto le probabilità di una Fed aggressiva e contano su una crescita degli utili dell’8% nei prossimi dodici mesi. Ma, se i compensi non tengono il passo con l’inflazione in aumento, ciò potrebbe pesare sugli utili delle aziende, rallentando la crescita e comportando contrazioni dei multipli, innescando ulteriori ribassi del valore delle azioni.

Sembra che la storia stia per ripetersi, di nuovo.

La Fed potrebbe portare l’economia USA in recessione
 

Articoli Correlati

La Fed potrebbe portare l’economia USA in recessione

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (18)
Pierpaolo Solinas
Pierpaolo Solinas 16.01.2022 19:34
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
sei troppo pessimista caro il mio Leopardi
Abdu Ullah
Abdu Ullah 14.01.2022 23:20
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Non ci sarà recessione, sarebbe davvero assurdo
Gas Gas
Gas Gas 14.01.2022 23:12
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Ancora non siamo arrivati ai massimi per l’inflazione
Filippo Prete
Filippo Prete 14.01.2022 21:56
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Pronti ad implodere?
Lorenzo Ferrari
Lorenzo Ferrari 14.01.2022 21:56
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Si Comincia tu ... 🤣
Frank Nabbo
Frank Nabbo 14.01.2022 21:51
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Io ne resto fuori per ora, dal mercato. Troppe cose non dette dalle Banche e dati che dicono altro
Andrea Demaio
Andrea Demaio 14.01.2022 21:38
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Non era meglio togliere liquidità gia da inizio 2021?
Emanuele Paris
Bigmème 14.01.2022 16:51
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Questione prezzi oil: non bastano poche sedute ed un calo misurato per incidere sulla dinamica dei prezzi; difatti oggi il petrolio è tornato ad 82 dollari. In assoluto non si può pretendere di riassorbire un inflazione di questa portata in pochi mesi, cosi come pare creda il mercato, semplicemente adottando una politica monetaria neutrale; la spirale inflazionistica è appena all'inizio, se non si disinnesca di prorarrà per tutta la filiera. Quando una politica monetaria porti in recessione l'economia dipende da molti fattori, che si possono riassumere semplicemente in questo: la dimamicità del sistema economico, e la capacità di assorbire e ripartire l'inflazione. Qualcuno dovrà pagarne il prezzo, e se il sistema economico è debitamente dinamico, c'è buona possibilità che il prezzo verrà equamente ripartito. Concordo sul fatto che comunque sarà troppo tardi, e questo ritardo mi insospettisce molto: alla FED non sono tonti, perchè stanno ancora aspettando?
Marco Salmo
Marco Salmo 14.01.2022 16:51
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Le decisioni della Fed a me preoccupano, ma anche il loro aspettare
Emanuele Paris
Bigmème 14.01.2022 16:51
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Marco Salmo  spero, sono certo abbiano i loro buoni motivi.. ma certo il gioco viene di molto rischioso!
Emanuele Paris
Bigmème 14.01.2022 16:41
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
l'inflazione non può rallentare visto che ad oggi FED e BCE stanno ancora pompando liquidità nel sistema; i problemi sono due: fermare la spirale inflazionistica che ricordo è un fenomeno autocorrelato in ragione esponenziale, e poi riassorbire quella liquidità, perchè si capisce bene che anche se la FED e la BCE tornassero ad avere una posizione neutrale, quella liquidità rimarrebbe intatta. Per drenarla si dovrebbe o agire dal leto dell'offerta, una componente da sempre molto poco dinamica nel breve periodo, oppure raffeddare la domanda, che certamente è molto più dinamica: ma guardando la curva dei tassi mi pare di capire che il mercato si aspetti un miracolo, visto che a 10 anni, ma anche a 5 anni il mercato sconti tassi tendenzialmente al 2%. La spiegazione a tutto questo? La Fed sta ancora comprando t-bond nella disperanza speranza di poter ancora pilotare i tassi, ma di margine ve n'è rimasto ben poco: il gioco è molto pericoloso.
Giam Ros
Giam Ros 14.01.2022 16:41
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Etf legati all inflazione possono aiutare, secondo lei, a combattere la volatilità della parte azionaria di un ptf totalmente azionario?
Emanuele Paris
Bigmème 14.01.2022 16:41
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Giam Ros  mah, io personalmente ho cavalcato alcune storie interessanti, vedi AirFrance e Lufthansa, cosi come Autogrill, ma ho operato sempre con stoploss molto precisi sopra il prezzo di carico. Se si opera bene con lo stoploss, si riesce a beccare il prezzo minimo con ottima possibilità; messo cosi il rischio è nullo e difatti su Autogrill ho perso un ottimo guadagno. Quando si opera sulla parte alta della curva, credo venga importante prima di tutto non rimetterci, e non stare a bagno su di un titolo; poi si vede quello che si riesce a prendere. Personalmente sono entrato in 3 fondi d'investimento inflation, certamente dovrebbero performare in modo discreto. Ti consiglio anche di dare un occhiata agli high yield in dollari, ma quelli li devi andare a prendere con un fondo e ben gestito. Io sto performando bene, ma ti consiglio quelli non hedgiati, altrimenti ti predi il rialzo del dollaro.
Matteo Razzi
Matteo Razzi 14.01.2022 16:41
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Fed Bce non possono fermare liquidità all’improvviso, e penso che non abbiano intenzione di farlo
Emanuele Paris
Bigmème 14.01.2022 16:41
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Matteo Razzi  con tutte le misure che hanno a disposizione possono quello che vogliono; il volere poi è altra cosa. Posso anche non volere oggi, ma tanto il problema rimane; se non vogliono oggi dovranno stringere di più nel futuro, non si scappa. Sempre che non vogliano supportare un inflazione più alta di quanto dichiarato. Ma occhio che le determinati inflattive sopra il 4% sono molto difficile da contenere, non per nulla tutte le banche che adottano l'inflation targeting ed anche quelle ibride come la Fed hanno come riferimento di lungo periodo il 2%. Caro Matteo come la mette la mette male. Intanto gli intermediari mi pare cominciano ad avere il fiato grosso. Vedremo.
Fabio Borsato
Fabio Borsato 14.01.2022 16:33
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
sta attenta la Fed alza i tassi d'interesse in modo graduale e verifica i risultati.
Davide Golia
Davide Golia 14.01.2022 16:33
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Quindi potrebbe anche far retro?
Max Massimo
Max Massimo 14.01.2022 16:19
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
ormai la frittata è fatta, qualsiasi politica porterà a dei problemi all'economia, se non togli soldi dal mercato, l'inflazione non scende, se tiri troppo la cinghia crei problemi alla ripresa economica dopo il tonfo del 2020. Insomma, le situazione non è facile da gestire, si vuole tollerare un inflazione al 7%, e parlo anche degli esperti di mercato, che ritengono sia provvisoria e quindi si risolverà tutto senza problemi. Qualsiasi scostamento elevato, di qualsiasi dato economico comporta fratture importanti, quindi questa inflazione genererà problemi importanti nei prossimi mesi, così come ha generato fratture importanti nel sistema il crollo del 2020 del PIL dei paesi. il 2022 non so se sia così roseo come parecchi lo dipingono, forse i nodi ancora devono arrivare la pettine.
Emanuele Paris
Bigmème 14.01.2022 16:19
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
già, la coperta è sempre più corta, ma ho come l'impressione la FED e BCE siano in imbarazzo, dopo le loro posizioni "transitorie"; mi pare stiano aspettando un miracolo?!
Luigi Ali
Luigi Ali 14.01.2022 16:19
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Emanuele Paris verissimo, mettiamoci anche il debito che stanno creando
Emanuele Paris
Bigmème 14.01.2022 16:19
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
Luigi Ali  beh il debito privato ma sopratutto pubblico è ai massimi storici; gli USA  sono ormai a quasi 29000 miliardi di dollari di debito pubblico. Dagli USA c'è da aspettarsi di tutto, pensa se veramente decidessero di fare default... In europa prima o poi tornerà la questione del debito sovrano italiano... insomma io ho chiuso tutte le posizioni.. vedremo come si evolve la situazione
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Le nostre Apps
Scarica l'AppApp store
Investing.com
© 2007-2022 Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
  • Iscriviti GRATIS e ricevi:
  • Allerte in tempo reale
  • Portafoglio avanzato
  • Grafici personalizzati
  • App completamente sincronizzata
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email