Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Regno Unito in crisi, investitori abbandonano sterlina e Gilt

Pubblicato 28.09.2022, 11:00
GBP/USD
-
USD/JPY
-
GB10YT=RR
-
IT10YT=RR
-
JP10YT=XX
-
  • La Banca d’Inghilterra non riesce a rassicurare gli investitori con un aumento dei tassi di emergenza
  • I rendimenti dei bond schizzano, si parla di uno storico bearish market
  • Banca del Giappone in controtendenza, ma il calo dello yen richiede un intervento
  • Il Regno Unito è caduto in una vera e propria crisi finanziaria dopo l’annuncio del governo, venerdì, di un taglio delle tasse e di un aumento del debito, mentre la banca centrale procede con la vendita del suo portafoglio di bond governativi.

    La sterlina corre verso la parità col dollaro e i rendimenti dei bond governativi britannici sono alle stelle, la Banca d’Inghilterra lunedì non è riuscita a rassicurare gli investitori con un aumento dei tassi di emergenza, promettendo solo di considerare la questione al prossimo vertice di politica monetaria a novembre.

    Gli investitori globali hanno colpito il governo del Primo Ministro Liz Truss e il suo ministro delle finanze, Kwasi Kwarteng, con un enorme selloff della valuta e dei gilt, il nome con cui sono conosciuti i bond governativi britannici.

    Ricordiamoci che nessuno ha eletto queste persone. In base al sistema parlamentare britannico, il nuovo primo ministro è stato scelto da meno di 200.000 membri del partito Conservatore, dopo le dimissioni del premier Boris Johnson per lo scandalo delle feste tenute durante il lockdown.

    Truss a sua volta ha scelto uno storico di economia, membro del parlamento dal 2010 e del gabinetto di Johnson, per lanciare uno stimolo fiscale proprio quando l’economia del paese, insieme al resto d’Europa, è ad un passo dalla recessione.

    Il Governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey evidentemente non era incline ad aiutare.

    La crisi nel Regno Unito ha eclissato la prevista vittoria di un partito di estrema destra nelle elezioni anticipate di domenica in Italia. Giorgia Meloni, il cui partito, Fratelli d’Italia, affonda le sue radici nel fascismo italiano, è destinata a diventare il primo ministro donna del paese, promettendo di seguire un percorso moderato.

    I rendimenti dei bond governativi italiani a 10 anni sono saliti a quasi il 4,7% sulla scia del voto, da appena il 4,3% di venerdì. Ma il rendimento dei gilt a 10 anni è salito a quasi il 4,3% lunedì, dopo aver segnato oltre 3,8% venerdì, rispetto a meno del 3,4% di giovedì, prima del disastroso “mini-budget” annunciato il giorno dopo.

    La situazione nel Regno Unito, dove si prevedeva già che l’inflazione arrivasse a doppia cifra e ora non farà che peggiorare col tonfo della valuta, fa sembrare meno cupo il quadro nel resto d’Europa.

    La Presidente della Banca Centrale Europe Christine Lagarde, tuttavia, lunedì ha avvertito nuovamente che la banca alzerà i tassi di interesse più volte nei prossimi vertici, per raffreddare la domanda e “proteggere dal rischio di un persistente rialzo delle aspettative sull’inflazione”.

    Bank of America prospetta già che il mondo stia entrando nel suo terzo storico bearish market dei bond, dopo il periodo 1899-1920 e 1946-1981. Un esperto di strategie dei mercati francese stima che i portafogli bond abbiano già perso il 20% del valore dal picco.

    La Banca del Giappone, intanto, si rifiuta di seguire l’esempio delle controparti nella corsa all’aumento dei tassi e il Governatore, Haruhiko Kuroda, la scorsa settimana ha annunciato che si atterrà alla sua politica di mantenere i rendimenti dei bond a breve termine a -0,1% e i rendimenti decennali intorno allo zero. 

    Lo yen giapponese ha perso quasi il 30% del suo valore contro il dollaro da inizio 2021 e continua a scendere. La banca centrale è dovuta intervenire sui mercati monetari la scorsa settimana per la prima volta in oltre due decenni, per frenare il calo della valuta.

    La Fed si attiene al piano di continuare ad alzare aggressivamente i tassi fino a quando l’inflazione non sarà scesa in modo convincente. La nuova Presidente della Fed di Boston, Susan Collins, nel suo primo discorso di lunedì ha dichiarato che ci sono segni che gli aumenti dei prezzi dovuti ai problemi delle filiere cominciano a ridursi, ma che la Fed dovrà continuare col piano per riportare l’inflazione all’obiettivo del 2%.

    Collins è membro votante del Federal Open Market Committee quest’anno. Il suo discorso, piuttosto prudente (ha affermato che ci sono ancora buone probabilità di evitare un atterraggio brusco per l’economia statunitense), tuttavia rispecchia la determinazione della Fed nel piegare l’inflazione.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.