Scadenza delle opzioni e guadagni al centro della scena: I titoli statunitensi riusciranno a superare l'ostacolo?

Pubblicato 17.07.2023, 10:55
US500
-
QQQ
-
NVDA
-
TSLA
-
META
-
TSM
-

I titoli hanno chiuso la settimana in rialzo dopo il rapporto CPI, che ha mostrato un andamento più morbido del previsto IPC core. Ancora una volta, come ho notato più volte, la fantasia sull'inflazione del mercato azionario diventerà più difficile da qui in poi. I parametri di confronto più facili sono ormai alle spalle e per vedere il tasso d'inflazione nominale terminare l'anno intorno al 3%, i prezzi dovranno rimanere piatti per tutto l'anno.

Forse questo accadrà, e i prezzi degli affitti rallenteranno abbastanza da spingere il CPI lateralmente per il resto dell'anno. Affinché il CPI finisca al di sotto del 3%, è necessario che l'indice scenda completamente e, sebbene ciò possa accadere, le probabilità che ciò accada mi sembrano scarse, a meno che gli Stati Uniti non entrino in recessione o non registrino un rallentamento significativo.

US CPI Monthly Data

Non credo che una recessione nel 2023 sia probabile, dato che la crescita nominale è ancora elevata. A meno che la crescita nominale PIL non cada a picco nei prossimi sei mesi, credo che il caso migliore sia che stiamo entrando nella parte ostinata del processo di inflazione, il che significa che vedremo pochi o nessun progresso per il saldo dell'anno. Quindi, ancora una volta, ritengo che il periodo di disinflazione sia finito e che le speranze di un taglio dei tassi da parte della Fed allo 0% stiano per svanire lentamente dal mercato azionario.

Quindi, eccoci qui; mi sembra chiaro che la maggior parte delle persone vive ancora in un mondo in cui pensa che i tassi siano allo zero per cento e che la Fed stia conducendo il QE. Purtroppo i tassi sono ora al 5% e il bilancio della Fed si sta riducendo. Le dinamiche degli ultimi tre anni non esistono più e questo limiterà il grado di allentamento delle condizioni finanziarie. L'aspetto curioso del ciclo di rialzo dei tassi della Fed, che credo pochi comprendano, è che più l'inflazione scende, più la politica diventa restrittiva senza che la Fed aumenti i tassi.

La politica monetaria reale, il tasso dei Fed Funds meno Core PCE, deve ancora raggiungere i livelli del 2018. Quindi, sappiate che l'effetto restrittivo della politica monetaria deve ancora essere completamente percepito, anche dopo l'ultimo rialzo dei tassi.

Food and Energy YoY NSA Daily Data

In base al SEP della Fed, il tasso reale dei Fed Funds dovrebbe essere dell'1,7% entro la fine dell'anno, ovvero il tasso dei Fed Funds del 5,6% meno il tasso PCE core del 3,9% previsto, e dovrebbe salire al 2% nel 2024, quando il PCE core scenderà al 2,6% e i tassi dei Fed Funds al 4,6%. L'ironia della sorte è che il mercato pensa che la Fed taglierà i tassi nel 2024, ma in realtà la Fed, tagliando i tassi più lentamente rispetto al calo del tasso di inflazione previsto, sta inasprendo la politica monetaria.

Real GDP Valuation

Questo renderà difficile un ulteriore allentamento delle condizioni finanziarie nella seconda metà dell'anno. Questo è importante perché, come ho spiegato nell'articolo di questa settimana, ho notato che, in base alle mie ricerche, sembra che l'allentamento delle condizioni finanziarie abbia creato l'opportunità di far attecchire sul mercato azionario un'operazione di dispersione della volatilità a breve termine, che sta creando questo rally artificiale.

Come ho sottolineato questa settimana, S&P 500 è ora ipercomprato sia sulla base dell'RSI che delle bande di Bollinger. Storicamente, quando questo accade, porta a un pullback o a un periodo di consolidamento laterale.

S&P 500 Daily Chart

Inoltre, in assenza di un rialzo della call wall questa settimana, un periodo di consolidamento ha senso. Dopo tutto, questa è la scadenza delle opzioni e il muro di call sull'S&P 500 per la scadenza di venerdì è a 4.500 e, a meno che questo muro di call non salga, sarà difficile muoversi in modo significativo oltre 4.500.

Friday Expiration Calls

Lo stesso vale per l'ETF Invesco QQQ Trust (NASDAQ:QQQ), che ha visto il suo prezzo superare la banda di Bollinger superiore mentre il suo RSI è salito sopra 70. Inoltre, questo suggerirebbe che l'indice è destinato a consolidare lateralmente o a indietreggiare un po'.

QQQ Daily Chart

La call wall del QQQ si trova a 380 dollari e, a meno che questa call wall non salga, indicherebbe che questo ETF probabilmente si muoverà lateralmente o al ribasso questa settimana.

QQQ Chart

Questa condizione di ipercomprato è presente anche in Meta Platforms (NASDAQ:META) e suggerisce che il titolo è destinato a un pullback o a un consolidamento laterale.

Meta Inc Daily Chart

Anche Tesla (NASDAQ:TSLA) comunicherà i risultati questa settimana e non seguo questa società così da vicino come quando la possedevo tra il 2014 e l'inizio del 2022. Tuttavia, so che il taglio dei prezzi e la vendita di un maggior numero di auto probabilmente significa che l'azienda sta sacrificando un po' di quel margine lordo del settore automobilistico che tanto sta a cuore agli investitori.

Il titolo si è distaccato dalle sue stime di guadagno, e o ha correttamente previsto un aumento delle stime di guadagno per il 2024, oppure ha superato se stesso. Le persone faranno sempre questi stupidi commenti sul fatto che i fondamentali non contano.

Tuttavia, nel grafico sottostante si può notare che gran parte del successo del titolo è stato guidato dall'aumento delle stime sugli utili, mentre il suo declino è dovuto al calo delle stime sugli utili. Quindi sì, l'andamento e la direzione dei fondamentali contano molto. La riduzione dei margini dovrebbe tradursi in una riduzione degli utili. Per questo motivo, questa settimana è bene tenere d'occhio i risultati; se i margini sono deboli e le stime sugli utili vengono ulteriormente tagliate, il titolo farà fatica a mantenere il suo slancio positivo.

BEst Standard EPS

Inoltre, il call wall per Tesla questa settimana sembra essere a 300 dollari, quindi, sulla base di ciò, il rialzo a seguito di questi risultati è limitato.

Tesla Chart

Ritengo che Taiwan Semiconductor Manufacturing (NYSE:TSM) possa essere il comunicato stampa più importante della settimana, dal momento che questi produttori producono la maggior parte del materiale per Nvidia (NASDAQ:NVDA). Le stime degli analisti sugli utili di TSM non sono molto rosee e non hanno visto alcun miglioramento per il 2024, quindi o le cose al di fuori di Nvidia vanno male, e anche tutto il successo dell'intelligenza artificiale di Nvidia non ha fatto molto per migliorare le cose per TSM, oppure Nvidia potrebbe finire per non rispettare le sue indicazioni. Ehi, possono sempre dare la colpa ai problemi della catena di approvvigionamento se non rispettano le previsioni.

È chiaro che le azioni di TSM hanno ricevuto una grande spinta da tutto il clamore dell'IA, ma per qualche motivo ho dei dubbi. Se TSM non fornisce una guidance da urlo e le stime sugli utili non salgono, cosa significa per Nvidia?

BEst Standard Revenue 2023

Tesla Reports: What to Expect?

Il video YouTube gratuito di questa settimana:

Articolo originale

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.