Ricevi uno sconto del 40%

Siamo all’inizio di una correzione?

Pubblicato 03.04.2024, 08:52
Aggiornato 09.07.2023, 12:32

Prima di intraprendere qualcosa rifletti attentamente e dopo avere riflettuto agisci subito” (Sallustio)



Siamo all’inizio di una correzione? Il secondo trimestre 2024 inizia con il segno meno. Wall Street ha chiuso per la seconda seduta consecutiva in ribasso sui timori di un ulteriore allungamento della politica monetaria restrittiva. Se la Fed stima 3 tagli entro fine anno (secondo i dot plot) il mercato inizia a prezzare un numero inferiore, c’è addirittura la probabilità che la politica monetaria non venga toccata. Ragione per cui si riaccende il mercato monetario con il T-Bond, a 10 anni che punta verso il 4,5% di rendimento (ieri al 4,3%), ai massimi da 4 mesi. Per alcuni operatori la discesa, per ora, è ordinata, ovvero colpisce solo i settori che hanno corso di più. La flessione delle Borse (consideriamo l’MSCI World, o l’S&P 500) potrebbe quindi arrivare massimo al 5%. Una correzione sarebbe invece nell’ordine del 20%. Tra i segnali di allarme il petrolio, che tratta sui massimi da ottobre a causa delle tensioni geopolitiche con l’escalation in Russia e Medio Oriente, e l’oro, sui massimi storici, ovvero la caccia ai porti sicuri nella prospettiva di un ritorno della volatilità. Se il futuro dipende quindi dalla politica monetaria molta attenzione all’agenda macroeconomica di oggi che prevede un discorso di Jerome Powell: è stato proprio un suo intervento venerdì scorso a spingere verso il basso i listini statunitensi nelle prime sedute del mese di aprile.



L’Italia isola felice?


Anche se Piazza Affari ha concluso la prima seduta del secondo trimestre 2024 in rosso, il Paese non sembra essere in una posizione di debolezza rispetto alle altre Piazze Finanziarie. Anzi, il PMI manifatturiero italiano ha mostrato un dato in salita nel mese di marzo. Un rialzo solo marginale, ma che per la prima volta in un anno ha superato la soglia di 50. Il segnale che la nostra economia si comporta meglio delle altre nazioni dell’eurozona. Sicuramente di Germania e Francia, che hanno un PMI inferiore a 50 punti. Ma essendo le nazioni europee fortemente integrate dal punto di vista commerciale, non si tratta comunque di una buona notizia nemmeno per l’Italia. La domanda estera debole non potrà che penalizzare il Made in Italy. Entro il 10 di aprile sarà inoltre presentato il DEF, ovvero il documento di economia e finanza del Governo italiano. Secondo le prime anticipazioni per il 2024 viene ipotizzata una crescita dell’1% del Pil, mentre il deficit dovrebbe posizionarsi al 4,3%, sempre del Pil. Valori in peggioramento rispetto alle stime prevedenti, ma comunque non allarmanti. Si tratta però di previsioni ottimistiche rispetto al consensus, e ad esempio a quelle dell’ufficio parlamentare di bilancio che vede il Pil in aumento dello 0,8% nel 2024. Il tutto sulla base di condizioni macro molto favorevoli, ovvero riduzione dei tassi nel 2024, attuazione del PNRR e ripresa del commercio internazionale. Uno scenario forse troppo ottimistico ed infatti sempre ieri sia lo spread che il rendimento del BTP a 10 anni sono tornati a salire rapidamente.

Annuncio di terzi. Non è un'offerta o una raccomandazione di Investing.com. Consultare l'informativa qui o rimuovere gli annunci .



Tesla (NASDAQ:TSLA) crash?


Le consegne di vetture Tesla nel primo trimestre 2024 sono state ben sotto le attese, mentre in assoluto hanno raggiunto 387mila unità, ovvero un calo dell’8% su base annua (e +20% sul trimestre precedente). Si è trattato inoltre della prima contrazione dal secondo semestre 2020 quando il mondo era in piena pandemia, il secondo della storia del gruppo e il peggiore in assoluto. Altro dato allarmante è che si è ampliata ai massimi storici la differenza tra consegne effettuate ed auto prodotte, ovvero le scorte stanno aumentando. Un trimestre che è stato definito addirittura disastroso dagli analisti, nonostante Tesla si sia ripresa il titolo di primo produttore al mondo di auto elettriche. La concorrente cinese BYD (partecipata da Warren Buffet) ha infatti subito un calo 40% delle consegne su base trimestrale, anche se in aumento del 13,4% su base annua. Sorride invece Xiaomi (HK:1810), +16% ieri in Borsa sui massimi storici, dopo l’annuncio del lancio del suo primo veicolo elettrico commerciale, che costa meno della Tesla più venduta in Cina (anche se servono 6 mesi per ottenerla). In generale, il problema di Tesla sembra essere strategico, nel senso che non mancano nuovi modelli e l’unico modo per difendere la quota di mercato è abbassare i prezzi. Ma questa potrebbe rivelarsi una spirale mortale in grado di spingere ancora più verso il basso il valore della società.

Ultimi commenti

Concordo sulle sue analisi, e aggiungo che ora bisogno investire su beni scarsi btc,oro.Le valute fiat perderanno valore non hanno un collaterale e futers etf sono solo carta.Prepariamoci a una economia di Guerra.
è un anno che prevedete il mercato in calo. fortunatamente non vi ho dato retta e ho proseguito a comprare e vendere. Certo prima o poi ci azzecherete
bravo Giuseppe
non avete sentito il botto in Giappone, è scoppiata la bolla. BOOM
questa è una domanda che noi facciamo a te, che scrivi e si dice che sei un esperto?
non sa cosa scrivere,
Correzione del 20% dal mio punto di vista è crollo puro o no?
Perché lo poniamo sempre come domanda? Facciamo invece un’affermazione o una negazione…
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.