Ricevi uno sconto del 40%
🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

S&P 500: drawdown storici, conosci davvero quello che stai comprando?

Pubblicato 09.03.2023, 08:25
US500
-

Sempre più insistentemente si sta tornando a parlare di crolli, dovuti a diversi motivi potenziali tra cui un ritorno dell’inflazione, la Fed che alza più del previsto i tassi, grafici che sembrano essere simili a periodi come il 2001 o il 2008, guerre e così via.

Ricordiamo che nel 2022, il mercato azionario (inteso sempre come S&P 500) ha avuto un calo del 27.5% circa dai massimi (vedi sotto).

Fonte:Investing.com

Tanto, poco? Vedendo così potrebbe sembrare un calo importante, ma ad esempio andando solo un pà più indietro, nel periodo covid, il Drawdown (anche se più rapido e meno duraturo) era stato di un 35% circa.

Ma come sempre dobbiamo confrontarci con la storia e la statistica, per dare sostanza e qualche numero ai nostri ragionamenti (e quindi alle nostre strategie ed operatività sui mercati).

Fonte: Peter Mallouk

Come possiamo notare dalla tabella sopra, i Drawdown nell’S&P 500 a cui possiamo assistere nel corso di un singolo anno, sono di varia entità e più sono maggiori, meno sono frequenti.

Per esempio, cali in stile crisi subrime superiori al 50%, si verificano mediamente una volta ogni 47 anni, mentre cali nell’ordine del 40% una volta ogni 16 anni.

Questo è il primo dato che ci portiamo a casa quindi, e lo dico perché spesso gli investitori non conoscendo questi dati, sono convinti che ogni ribasso debba per forza essere un -40 o -50%, e finchè non succede allora non investono…ma se poi (come statisticamente ora sappiamo) il calo si ferma ad un -10,15 o 20% e poi il mercato riparte?

Il secondo fatto che invece dobbiamo avere ben chiaro in base a quanto visto sopra, è che i cali di mercato, some ho ripetuto spesso, sono frequenti (anche se di piccole entità) perché parte intrinseca della natura stessa del mercato azionario.

Se non avessimo questi cali, non potremmo avere i rendimenti che storicamente sono stati ottenuti da questa tipologia di investimenti.

E quando i mercati calano del 10% ad esempio, che può sembrare un calo importante, in realtà è qualcosa che accade mediamente ogni anno e mezzo.

Capire questi due importanti concetti, può aiutarci a gestire meglio le fasi di mercato complicate come quella che stiamo vivendo, sempre focalizzati sui nostri obiettivi. Lo so che questi concetti ripetuti spesso possono sembrare noiosi, ma così deve essere, lo faccio nel vostro interesse, prima o poi spero sarà tutto più chiaro. Io non cerco consensi, cerco di aiutarvi a mantenere la barra dritta.

Vi ricordo che per valutare bene un’azione partendo dai fondamentali, potete iscrivervi gratuitamente al prossimo webinar di oggi, che trovate a QUESTO LINK.

Alla prossima!

"Quest'articolo è stato scritto a titolo esclusivamente informativo; non costituisce sollecitazione, offerta, consigli, consulenza o raccomandazione all'investimento in quanto tale non vuole incentivare in nessun modo l'acquisto di assets. Ricordo che qualsiasi tipo di assets, viene valutato da più punti di vista ed è altamente rischioso e pertanto, ogni decisione di investimento e il relativo rischio rimangono a carico dell'investitore"

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.