🎁 💸 Regalo! Copia nella tua watchlist il successo di Warren Buffett che ha guadagnato +49,1% Copia Portafoglio

L'Italia e la procedura di infrazione UE sul debito: il conto da pagare

Pubblicato 14.11.2018, 13:18
© Reuters.  L’Italia e la procedura di infrazione della UE sul debito: ecco il conto da pagare

Il rischio per l’Italia nel caso in cui l’Unione europea dovesse decidere di attivare la procedura di infrazione per debito eccessivo (Edp) appare salato.

Il nostro paese, infatti, rischia una multa che può arrivare fino a 9 miliardi di euro, il congelamento dei fondi strutturali (73,67 miliardi) e lo stop al programma di acquisti (QE) della Banca centrale europea.

La multa

Le sanzioni economiche in caso di mancato rispetto delle regole di stabilità dei bilanci degli stati appartenenti alla Ue sono calcolate in base a vari elementi: l’importanza delle norme non rispettate e gli effetti della violazione degli interessi generali, il periodo in cui il diritto dell’Unione Europea non è stato applicato e la capacità del Paese di pagare.

Il limite delle sanzioni economiche è rappresentato dallo 0,9%, partendo da una minima dello 0,2%. Nel caso dell’Italia, questa percentuale arriva fino ai 9 miliardi di euro.

I fondi strutturali

Lo stop ai fondi strutturali è un rischio che può costare ancora di più. L’italia, infatti, è tra i membri comunitari che ricevono maggiori fondi europei e nel periodo 2014-2020 e il nostro paese può contare su 73,67 miliardi, arrivati tramite i cinque fondi strutturali europei: Fondo agricolo per lo sviluppo rurale, per la coesione, per lo sviluppo regionale, per la pesca e fondo sociale.

Il programma di acquisti della Banca Centrale europea

Il rischio per l’Italia è quello di non poter più accedere al programma di acquisto dei titoli di Stato della Bce. Inoltre, l’Europa potrebbe scegliere di obbligare il nostro paese a fornire ulteriori informazioni prima di emettere titoli di Stato. Ulteriore rischio è rappresentato dalla richiesta di rimborso dei prestiti da parte della Bce.

Qualora il Governo non dovesse modificare la Manovra economica e la Commissione europea dovesse decidere di proseguire con la procedura, si tratterebbe della prima volta nella storia della UE

In questi anni, l’Italia non ha mai rispettato la regola del debito, ma riusciva a sventare la procedura di infrazione perchè si conformava agli obiettivi di medio termine fissati dai parametri europei.

Questa volta, però, il Governo sembra voler proseguire con le sue scelte. Il vice Premier Matteo Salvini, infatti, ha già minacciato: “A Bruxelles continuano a mandare le letterine, ma se proveranno a mettere sanzioni contro il popolo italiano, hanno capito male".

La risposta dell’Unione europea, però, potrebbe non essere morbida e nel caso in cui dovesse decidere di andare avanti su questa strada troverebbe l’appoggio dell’Austria.

"L’Italia rischia di diventare un successore del modello greco”, ha detto Hortwig Loeger, ministro delle finanze austriaco, aggiungendo che se il Governo italiano “non riverà la propria manovra, Vienna è pronta a chiedere e sostenere la procedura della Commissione europea”.

Il prossimo appuntamento ci sarà il 21 novembre, quando la Commissione darà le proprie opinioni sui documenti programmatici di bilancio, compreso quello italiano che verrà valutato nel quadro del semestre europeo.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.