Ricevi uno sconto del 40%
🚀 La nostra AI ha scelto 6 titoli che sono balzati del 25% nel 1° trimestre. Quali titoli saliranno nel 2° trimestre?Sblocca l'elenco completo

Dry January: quali sono i Paesi europei che hanno ridotto il consumo di alcol?

Pubblicato 17.01.2024, 11:25
Aggiornato 17.01.2024, 11:35
© Reuters.  Dry January: quali sono i Paesi europei che hanno ridotto il consumo di alcol?

"Nessun livello di consumo di alcol è sicuro per la nostra salute": a dirlo è l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). Tuttavia la quantità di alcol consumata in Europa (e nel mondo) è ancora significativa. Il rischio di sviluppare uun tumore aumenta notevolmente quando si consuma più alcol. Le autorità sanitarie invitano le persone a smettere di bere alcolici o almeno a ridurli.

Ma prendiamo in considerazione questi appelli? Alcune persone smettono di bere alcolici nel mese di gennaio: un'abitudine conosciuta come "dry January" ("gennaio a secco"). I dati indicano un calo del consumo di alcol in Europa, che però sta rallentando dagli anni 2000.

Come è cambiato il consumo di alcol in Europa negli ultimi decenni? Quali sono i Paesi con il più alto tasso di diminuzione e aumento del consumo di alcol? Il consumo complessivo di alcol è definito come le vendite annuali di alcol puro in litri per persona di 15 anni e oltre. Le bevande alcoliche sono convertite in alcol puro. I dati non includono il consumo di alcol non registrato, come la produzione domestica o illegale.

Nell'Unione europea si registra una graduale diminuzione del consumo di alcol: il consumo complessivo di alcol per persona di età pari o superiore a 15 anni è diminuito di 2,9 litri negli ultimi quattro decenni, passando da 12,7 litri nel 1980 a 9,8 litri nel 2020, il che corrisponde a una diminuzione del 23%.

Il consumo ha registrato un calo significativo tra il 1980 (12,7 litri) e il 2000 (10,5 litri). La quantità e il tasso di diminuzione sono rallentati nei due decenni successivi. Nell'Ue è diminuito di 0,5 litri tra il 2010 e il 2010.

Il consumo di alcol nella Regione europea dell'Oms, che comprende 53 Paesi, tra cui la Russia e i Paesi limitrofi, è sceso da 12 litri nel 2000 a 9,5 litri nel 2020, con una diminuzione di 2,5 litri (21%).

Nonostante questo calo la Regione europea dell'Oms ha ancora il più alto livello di consumo di alcol per persona al mondo.

Ogni anno ogni persona di 15 anni o più nella Regione consuma in media 9,5 litri di alcol puro. Ciò equivale a 190 litri di birra, 80 litri di vino o 24 litri di alcolici. Nel 2020 il consumo annuale di alcol variava da 1,2 litri in Turchia a 12,1 litri in Lettonia tra 36 Paesi europei, tra cui quelli dell'Ue, il Regno Unito, l'Associazione europea di libero scambio (Efta) e i Paesi candidati all'ingresso nella Ue.

In media i cittadini dell'Ue hanno consumato 9,8 litri di alcol. La Germania (10,6 litri) ha registrato il consumo di alcolo maggiore tra i "quattro grandi" dell'Ue in termini di economia e popolazione, seguita da Francia (10,4 litri), Spagna (7,8 litri) e Italia (7,7 litri). Nel Regno Unito il consumo è stato di 9,7 litri.

Osservando i cambiamenti a livello nazionale tra il 2010 e il 2020 il consumo di alcol è diminuito in 25 Paesi, mentre è aumentato in 11 Paesi. Alcuni hanno registrato lievi variazioni, ma la maggior parte dei Paesi ha mostrato cambiamenti notevoli in questo periodo.

Il consumo è diminuito di oltre un litro in 14 Paesi

Il consumo di alcol è diminuito di oltre un litro in 14 Paesi, mentre al contrario è aumentato in 5 Paesi in questo periodo. L'Irlanda e la Lituania hanno registrato il calo maggiore. In entrambi i Paesi il consumo è diminuito di 2,1 litri, in Spagna e Grecia di 2 litri.

Anche Paesi Bassi, Francia, Cipro e Finlandia hanno registrato cali superiori a 1,5 litri, mentre in Serbia, Belgio, Croazia, Danimarca, Svizzera e Germania la diminuzione è stata compresa tra un litro e 1,5 litri. Nell'Ue il consumo di alcol è diminuito di 0,6 litri tra il 2010 e il 2020.

L'incremento maggiore si è registrato in Lettonia, dove il consumo è aumentato di 2,3 litri. Anche la Bulgaria (1,4 litri), Malta (1,1 litri), la Romania e la Polonia (entrambe con 1 litro) hanno registrato aumenti sostanziali. L'aumento è stato superiore a 0,5 litri in Norvegia, Italia e Islanda.

Poiché il consumo di alcol varia in modo significativo in tutta Europa, anche l'analisi della variazione percentuale è un indicatore utile. La Grecia ha registrato il calo più elevato (24,1%), seguita da Paesi Bassi (20,9%), Spagna (20,4%) e Turchia (20%). Anche in Irlanda, Serbia, Lituania, Finlandia, Francia e Cipro il tasso di calo è stato superiore al 15%.

La Lettonia (23,5%) ha fatto registrare l'aumento più elevato in termini di variazione percentuale. Molti Paesi europei hanno attuato una serie di politiche per limitare il consumo di alcol, come la tassazione, le restrizioni sulla disponibilità di alcolici e il divieto di pubblicità degli alcolici. Tuttavia, secondo l'Ocse, la loro efficacia è ostacolata da una scarsa attuazione sul campo e da risorse limitate.

Ruolo del genere e dell'istruzione nel consumo di alcolici

Il consumo di alcol varia sostanzialmente in base al sesso e all'istruzione. Più che la quantità, viene rilevata la percentuale di forti bevitori episodici. Si tratta della percentuale di adulti di età pari o superiore a 18 anni che hanno dichiarato di aver bevuto 60 grammi o più di etanolo puro in una singola occasione negli ultimi 30 giorni. Ciò equivale a 6 drink o più.

Nel 2019 quasi un adulto su cinque (19%) ha dichiarato di aver bevuto pesantemente almeno una volta al mese nei Paesi dell'Ue, una percentuale che è rimasta stabile dal 2014. In tutti i Paesi gli uomini avevano più probabilità delle donne di dichiarare di bere pesantemente in modo episodico. Nel 2019 in media nei Paesi dell'Ue il 26,6% degli uomini ha riferito di aver bevuto in modo episodico e pesante almeno una volta al mese, rispetto all'11,4% delle donne.

La percentuale più alta di consumo episodico pesante negli uomini è stata registrata in Romania (55,2%). Questa percentuale era superiore al 35% in Danimarca, Lussemburgo, Germania e Belgio. Le donne in Danimarca, Lussemburgo, Germania e Irlanda hanno registrato i tassi più elevati di consumo episodico pesante, superiori al 20%.

Il rapporto nella quantità di bevitori forti tra uomini e nelle donne dimostra il divario di genere: nel 2019 il rapporto era di 2,33 nell'Ue. I Paesi in cui questo rapporto era più basso sono Irlanda (1,46), Islanda (1,63) e Germania (1,74). La Turchia e Cipro sono stati i Paesi anomali per quanto riguarda il divario tra i sessi nel consumo di alcolici, con un rapporto superiore a 8.

La ricerca accademica suggerisce che le differenze di genere possono essere legate alle diverse aspettative culturali e riflettere i ruoli tradizionali di genere. Può anche essere associato al divario occupazionale tra i sessi e a un reddito più basso.

Il consumo di alcolici pesanti è più basso nelle persone con un livello di istruzione inferiore. Perché?

Il livello di istruzione è importante anche nel bere pesante. Le persone con un livello di istruzione più basso non hanno un tasso più elevato di consumo episodico di alcolici pesanti nei Paesi dell'Ue, tranne che in Lettonia.

In media il 12,5% delle persone con un'istruzione inferiore al livello secondario superiore ha riferito di bere episodicamente in modo pesante, rispetto al 20% o più delle persone con almeno un'istruzione secondaria superiore (22,3%) o terziaria (20,2%).

Queste differenze riflettono una maggiore capacità di acquisto. "L'alcol è più accessibile per le persone con un'istruzione più elevata e un reddito più alto. Tuttavia, se si considerano i danni legati all'alcol, l'onere è maggiore per le persone con uno status socio-economico inferiore", si legge nel rapporto dell'Ocse "Health at State of Health in the EU Cycle-2022".

Esiste un livello sicuro di consumo di alcol?

È una domanda semplice con una risposta semplice: no, non esiste. "Non possiamo parlare di un cosiddetto livello sicuro di consumo di alcol. Non importa quanto si beve: il rischio per la salute del bevitore inizia fin dalla prima goccia di qualsiasi bevanda alcolica", ha spiegato la dottoressa Carina Ferreira-Borges, responsabile dell'unità per la gestione delle malattie non trasmissibili e consulente regionale per l'alcol e le droghe illecite dell'Ufficio regionale dell'Oms per l'Europa.

Tuttavia la quantità di alcol è ancora importante. "L'unica cosa che possiamo dire con certezza è che più si beve, più è dannoso: in altre parole meno si beve, meglio è", ha concluso Ferreira-Borges.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.