Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Deutsche Bank crolla dell'8% su ritorno problemi contenzioso Postbank

Pubblicato 29.04.2024, 17:44
© Reuters. Il logo di Deutsche Bank sul tetto di un edificio all'esterno di una filiale di Deutsche Bank a Malaga, Spagna, 24 aprile 2024. REUTERS/Jon Nazca
DBKGn
-
CBKG
-
DB1Gn
-

FRANCOFORTE (Reuters) - Deutsche Bank (ETR:DBKGn) crolla dell'8% a Francoforte dopo la notizia che una causa in corso da tempo, in cui si sostiene che la banca non abbia pagato in modo appropriato l'acquisto della divisione Postbank, potrebbe costare fino a 1,3 miliardi di euro.

Si tratta di un duro colpo per il maggiore istituto di credito tedesco, che la scorsa settimana ha registrato risultati migliori del previsto che hanno fatto salire il titolo. Ed è l'ultimo di una serie di problemi emersi con Postbank.

Gli analisti di JPMorgan e Rbc hanno tagliato i target price su Deutsche Bank, nonostante abbiano valutato la banca rispettivamente "overweight" e "outperform".

"È deludente che il miglioramento della performance e un ambiente operativo costruttivo passino in secondo piano a causa di controversie legali risalenti a molto tempo fa", hanno scritto gli analisti di Rbc in una nota ai clienti.

Deutsche Bank ha avviato l'acquisizione di Postbank, che ha milioni di clienti ed è radicata nel sistema postale del Paese, durante la crisi finanziaria globale del 2008.

L'azienda stava cercando di ampliare il proprio raggio d'azione in Germania e garantirsi un flusso di entrate costante dopo anni di rapida espansione internazionale. Invece, Postbank ha portato reclami da parte dei consumatori, controlli normativi, lotte sindacali e adesso un'azione legale probabilmente costosa.

Venerdì Deutsche Bank ha annunciato inaspettatamente che avrebbe effettuato un accantonamento per compensare le possibili richieste di risarcimento, a seguito di un'udienza che si era tenuta quel giorno.

La banca ha dichiarato di "continuare a non essere d'accordo" con l'opinione secondo cui non abbia pagato in modo appropriato l'acquisto della divisione. Non ha inoltre specificato l'importo accantonato, ma ha sottolineato che le richieste di risarcimento ammontano a circa 1,3 miliardi di euro.

Deutsche Bank ha detto che l'accantonamento avrà un impatto sulla redditività del secondo trimestre e dell'intero anno.

In un annuncio di ieri, l'istituto di credito ha detto che l'accantonamento ammonterà "probabilmente" a 1,3 miliardi di euro nel secondo trimestre e che "valuterà attentamente" le opzioni per un eventuale accordo.

La banca ha segnalato che è troppo presto per dire se condurrà un altro buyback nel 2024 alla luce degli eventi.

© Reuters. Il logo di Deutsche Bank sul tetto di un edificio all'esterno di una filiale di Deutsche Bank a Malaga, Spagna, 24 aprile 2024. REUTERS/Jon Nazca

Gli analisti di Kbw ritengono che un secondo buyback "sarà del tutto scartato".

Il titolo della banca ha costantemente registrato guadagni dopo il forte calo all'inizio dello scorso anno sulla scia dei salvataggi bancari in Svizzera e negli Stati Uniti. Quest'anno è salito del 26%.

(Tradotto da Laura Contemori, editing Gianluca Semeraro)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.