Unisciti ai +750k nuovi investitori che ogni mese copiano le azioni dai portafogli dei miliardariRegistrati gratis

Forex, dollaro recupera, debolezza yen porta a nuovo avvertimento Tokyo

Pubblicato 08.05.2024, 11:33
Aggiornato 08.05.2024, 11:36
© Reuters. Banconote dello yen e del dollaro statunitense. REUTERS/Florence Lo
EUR/USD
-
GBP/USD
-
USD/JPY
-
BTC/USD
-

LONDRA (Reuters) - Il dollaro rimane stabile e recupera parte delle perdite derivate dalle scommesse sul taglio dei tassi di Federal Reserve quest'anno, mentre lo yen cala per la terza seduta consecutiva, con gli investitori che rimangono attenti al rischio di un intervento sul mercato valutario da parte di Tokyo.

In Europa, la corona svedese è sotto pressione dopo che la banca centrale ha tagliato i tassi e ha detto di aspettarsi altri due tagli quest'anno, mentre la sterlina resta in territorio negativo in vista della riunione di domani di Bank of England.

Lo yen rimane in primo piano per gli operatori valutari, indebolendosi per il terzo giorno e spingendo le autorità nipponiche a un nuovo avvertimento sull'impatto della debolezza della valuta sull'economia.

Il dollaro sale di 0,5% contro lo yen a quota 155,46, allontanandosi dal minimo della scorsa settimana di 151,86 yen, toccato in seguito a un possibile intervento sul mercato di Banca del Giappone.

L'attenzione degli investitori è comunque rivolta al ritmo e alla tempistica dei tagli dei tassi Fed, che probabilmente guideranno l'andamento del mercato valutario. I dati della scorsa settimana sul mercato del lavoro più deboli del previsto, insieme a un orientamento altalenante della banca centrale Usa consolidano le attese di un probabile taglio dei tassi entro fine anno.

L'indice del dollaro sale di 0,16% a 105,58, risalendo dal minimo della scorsa settimana.

Nel frattempo, le banche centrali europee hanno iniziato a tagliare i tassi. La banca centrale svizzera ha tagliato in marzo, prima della mossa di oggi della Riksbank svedese.

La Banca centrale europea ha segnalato l'intenzione di tagliare a giugno, se i dati andranno nella giusta direzione, e Banca d'Inghilterra sta gradualmente spianando la strada a un primo taglio.

L'euro perde lo 0,1% a 1,0744 dollari, ma guadagna lo 0,4% contro la corona svedese, a 11,734 corone.

© Reuters. Banconote dello yen e del dollaro statunitense. REUTERS/Florence Lo

La sterlina perde lo 0,3% a 1,2475 dollari.

Tra le criptovalute, il bitcoin perde l'1% a 62.348,00 dollari, registrando la quarta perdita giornaliera consecutiva, la più lunga serie di ribassi quotidiani da inizio anno. L'ether cede l'1,7% a poco meno di 3.000 dollari.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Alessia Pé)

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.