📖 Guida agli utili Q2: scopri i titoli ProPicks dell'AI pronti per il salto dopo la trimestraleLeggi ancora

I futures azionari europei sono in calo; l'economia britannica si è contratta a luglio

Pubblicato 13.09.2023, 08:06
© Reuters.
BP
-
DE30
-
GC
-
LCO
-
UK100
-
CL
-
F40
-
BP
-

Investing.com - I mercati azionari europei dovrebbero aprire in ribasso mercoledì, con gli investitori che si preparano a ricevere i dati chiave sull'inflazione statunitense e a digerire i deludenti numeri sulla crescita del Regno Unito.

Alle 02:00 ET (06:00 GMT), il contratto DAX futures in Germania è sceso dello 0,6%, CAC 40 futures in Francia è sceso dello 0,5% e il contratto FTSE 100 futures nel Regno Unito è sceso dello 0,2%.

L'economia britannica si è contratta a luglio

Secondo i dati pubblicati mercoledì, il sito Economia del Regno Unito ha subito una contrazione dello 0,5% su base mensile a luglio, poiché i 14 aumenti dei tassi dalla fine del 2021 hanno danneggiato l'attività economica.

Produzione industriale Il settore industriale è sceso dello 0,7% su base mensile a luglio e produzione manifatturiera è sceso dello 0,8%, evidenziando le difficoltà della base industriale del Paese mentre la Banca d'Inghilterra si prepara all'ultima riunione di definizione delle politiche economiche che si terrà la prossima settimana.

Si prevede ancora che la BOE aumenti i tassi di interesse al 5,5% dal 5,25%, con la crescita dei salari che mostra pochi segni di rallentamento, ma questo rallentamento economico solleva la possibilità che il rialzo della prossima settimana possa segnare la fine di un ciclo di inasprimento iniziato nel dicembre 2021.

Aumentano le aspettative di un altro rialzo della BCE

Prima della BOE, giovedì si riunisce il sito Banca Centrale Europea e le aspettative di un altro rialzo dei tassi di un quarto di punto sono aumentate in seguito a un rapporto della Reuters secondo cui la banca centrale prevede che l'inflazione rimarrà al di sopra del 3% l'anno prossimo nelle sue previsioni aggiornate, superando di gran lunga l'obiettivo del 2%.

La BCE ha aumentato i tassi in ognuna delle ultime nove riunioni e un ulteriore aumento di 25 punti base porterebbe il tasso di deposito chiave al 4%.

Nel corso della sessione verrà pubblicato il sito produzione industriale di luglio, che dovrebbe essere sceso dello 0,7% sul mese, con un calo dello 0,3% su base annua.

I dati sull'inflazione statunitense forniranno indizi alla Fed

Tuttavia, i dati economici più importanti della giornata arriveranno dagli Stati Uniti, sotto forma dell'indice dei prezzi al consumo di agosto. Questo dato dovrebbe gettare ulteriore luce sulle prospettive di inflazione del Paese e fornire una certa chiarezza sulle future decisioni in materia di tassi di interesse da parte della Federal Reserve.

Il IPC core, che elimina la volatilità dei prezzi dei generi alimentari e dell'energia, dovrebbe scendere al 4,3% su base annua in agosto dal 4,7%, ma l'impennata dei prezzi del petrolio fa pensare che il cifra annuale principale salga al 3,6%, dal 3,2% del mese precedente,

I funzionari della Fed hanno segnalato che potrebbero fare una pausa quando si riuniranno alla fine del mese, dopo aver aumentato i tassi in 11 delle ultime 12 riunioni, mentre valutano i progressi compiuti finora. Ma alcuni hanno avvertito che una pausa non dovrebbe essere interpretata come una decisione definitiva.

BP (NYSE:BP) lascia il CEO Looney

Tra le notizie societarie, BP PLC (LON:BP) sarà probabilmente sotto i riflettori dopo la partenza a sorpresa dell'amministratore delegato Bernard Looney, avvenuta nella tarda serata di martedì, per non aver rivelato tutti i dettagli delle sue passate relazioni personali con i colleghi.

Looney è stato determinante nel promuovere la strategia di transizione energetica della major petrolifera britannica e la sua partenza deve ora mettere in discussione la direzione dell'azienda.

Il greggio continua a salire

I prezzi del petrolio sono saliti mercoledì, sostenuti dalle previsioni rialziste sulla domanda del sito Rapporto mensile OPEC e da ulteriori segnali di restrizione dell'offerta globale.

L'Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio, in un rapporto pubblicato martedì, ha dichiarato che i mercati petroliferi si restringeranno ulteriormente quest'anno a causa della forte domanda e della minore produzione.

Inoltre, il sito Amministrazione dell'informazione sull'energia ha dichiarato che le scorte globali di petrolio dovrebbero diminuire di quasi mezzo milione di barili al giorno nella seconda metà del 2023.

Questo ha messo in ombra i dati di Istituto americano del petrolio che mostrano che le scorte di U.S. crude sono aumentate di 1,2 milioni di barili la scorsa settimana, suggerendo che il consumo di carburante nella più grande economia del mondo potrebbe raffreddarsi dopo una forte stagione estiva.

Alle 02:00 ET, i futures sul greggio statunitense erano in rialzo dello 0,3% a 89,08 dollari al barile, mentre il contratto Brent è salito dello 0,2% a 92,25 dollari. Entrambi i contratti sono vicini al livello più alto dal novembre 2022.

Inoltre, gold futures è sceso dello 0,2% a 1.931,85 dollari/oz, mentre EUR/USD ha registrato un calo dello 0,1% a 1,0742.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.