🚀 I rialzi di maggio: l'AI li ha anticipati: PRFT+55% in soli 16 giorni! I valori di giugno sono in arrivo.Vedi lista

Titoli europei positivi dopo la decisione della BCE; Dax balza del 2,08%

Pubblicato 14.03.2016, 09:29
© Reuters.  Le borse europee schizzano dopo le misure di stimolo della BCE
UK100
-
FCHI
-
DE40
-
STOXX50
-
HSBA
-
BARC
-
LLOY
-
OMU
-
NWG
-
DBKGn
-
CBKG
-
EDF
-
BNPP
-
SOGN
-
BBVA
-
SAN
-
RIO
-
AAL
-
BHPB
-
ISP
-
CRDI
-
ESM24
-
1YMM24
-
NQM24
-
GLEN
-

Investing.com - Aprono in forte rialzo i mercati azionari europei questo lunedì, supportati ancora dall’ultima decisione di politica monetaria della Banca Centrale Europea, mentre gli investitori attendono la decisione della Federal Reserve prevista nel corso della settimana.

Negli scambi della mattinata europea, l’EURO STOXX 50 schizza dell’1,40%, il francese CAC 40 sale dello 0,83%, mentre il tedesco DAX 30 subisce un’impennata del 2,08%.

I titoli azionari europei sono schizzati quando giovedì scorso la BCE ha tagliato i tassi di interesse nella zona euro ad un nuovo minimo storico ed ha aumentato il programma di allentamento monetario.

La BCE ha tagliato il tasso di interesse di riferimento al minimo storico di zero dallo 0,05% ed ha aumentato di 20 miliardi di euro il programma di allentamento quantitativo che a partire da aprile ammonterà a 80 miliardi di euro al mese.

Al rialzo i titoli finanziari, con le francesi Societe Generale (PA:SOGN) e BNP Paribas (PA:BNPP) su dello 0,95% e dello 0,88%, mentre in Germania Deutsche Bank (DE:DBKGn) e Commerzbank (DE:CBKG) schizzano rispettivamente del 2,33% e del 2,41%.

Tra le banche periferiche, in Italia Unicredit (MI:CRDI) ed Intesa Sanpaolo (MI:ISP) subiscono un’impennata dell’1,93% e dell’1,76%, mentre le spagnole BBVA (MC:BBVA) e Banco Santander (MC:SAN) balzano dell’1,46% e dell’1,12%.

Intanto, Electricite de France SA (PA:EDF) sale dello 0,29% dopo la notizia di venerdì secondo cui il progetto da 18 miliardi di sterline della compagnia per la costruzione di due reattori nucleari ad Hinkley Point nel Regno Unito fa emergere “problemi sostanziali” alla luce del debito di EDF e del costo della ristrutturazione del parco nucleare nazionale.

A Londra, il FTSE 100 legato alle materie prime sale dello 0,87% grazie ai guadagni dei titoli del settore minerario.

Rio Tinto (LON:RIO) schizza del 2,68% e Bhp Billiton (LON:BLT) balza del 3,03%, mentre Glencore (LON:GLEN) ed Anglo American (LON:AAL) subiscono un’impennata rispettivamente del 4,20% e del 5,03%.

Positivi anche i titoli finanziari, con Royal Bank of Scotland (LON:RBS) e Barclays (LON:BARC) entrambe su dello 0,81%, mentre Lloyds Banking (LON:LLOY) balza dell’1,07% and HSBC Holdings (LON:HSBA) schizza dell’1,12%.

Intanto, Old Mutual PLC (LON:OML) segna un’impennata del 2,42% dopo aver annunciato di voler separare le sue quattro attività e di ridurre la partecipazione del 54,1% nella Nedbank.

Negli Stati Uniti, i mercati azionari passano da stabili a positivi. I futures Dow Jones Industrial Average salgono dello 0,05%, i futures S&P 500 sono in salita dello 0,02%, mentre i futures Nasdaq 100 segnano +0,11%.

Ultimi commenti

Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.