Ricevi uno sconto del 40%
🚨 I mercati sono in calo. Sblocca azioni sottovalutateTrova subito azioni

Come selezionare il Miglior Portafoglio - Modern Portfolio Theory

Pubblicato 31.03.2022, 12:11
Aggiornato 24.02.2022, 13:15


Oggi affrontiamo un metodo molto diffuso tra gli investitori, il quale ci permette di strutturare il nostro portafoglio massimizzando i rendimenti rispetto ad un determinato grado di rischio e di volatilità che siamo pronti ad assumerci.
Parliamo oggi della Modern Portfolio Theory.

Prima di cominciare però è necessario fare una premessa, specie per chi è neofita nel mondo degli investimenti: bisogna sempre tenere a mente il rapporto che c’è tra i risultati che ci aspettiamo di raggiungere, ossia il rendimento atteso, e il grado di rischio e di volatilità al quale dobbiamo sottostare.
Non esistono investimenti molto profittevoli che ti espongono a pochi rischi, non funziona così: il nostro obiettivo come investitori è quello di utilizzare delle tecniche volte a massimizzare i rendimenti ad un certo rischio che siamo disposti a correre. Una di queste tecniche è proprio la Modern Portfolio Theory.

Partiamo con l’elemento chiave di questo metodo, ossia che un portafoglio non dovrebbe mai essere analizzato prendendo solo le singole posizioni, quanto bisognerebbe comprendere come queste interagiscono tra di loro all’interno del portafoglio.
Per capirci: qualora io avessi un portafoglio composto da Apple(NASDAQ:NASDAQ:AAPL), Meta (NASDAQ:FB (NASDAQ:FB)) e Microsoft (NASDAQ:NASDAQ:MSFT) e mi fermassi ad analizzarlo, non dovrei limitarmi a considerare queste tre aziende singolarmente, capendo se queste siano o meno un buon investimento, ma dovrei comprendere anche come queste impattino nel nostro portafoglio.
Ho preso queste tre aziende nello specifico non a caso: prese singolarmente possono ritenersi o meno dei buoni investimenti, dipendentemente da quelle che siano le vostre valutazioni; ma anche assumendo che tutti e tre siano dei buoni investimenti, questo significa che un portafoglio composto unicamente da questi titoli sia un buon portafoglio? Secondo la MPT, no.

Prendendo il caso specifico, infatti, stiamo parlando di un portafoglio composto da tutte azioni singole, del settore tecnologico, facenti parte del mercato americano. Dunque possiamo dire che queste aziende hanno un certo grado di correlazione.
Andiamo nel dettaglio: la correlazione è una relazione esistente tra due o più investimenti; maggiori sono le variabili affini tra due investimenti, più questi sono correlati.
Tornando al nostro esempio, i tre asset sono tutte single stocks, tutte interne ad un mercato specifico, quello americano, e tutte sono facenti parte dello stesso settore, quello tecnologico, dunque hanno una forte correlazione.

Secondo l’analisi portata avanti dalla MPT, più un portafoglio è composto da titoli correlati, più aumenta il grado di rischio complessivo, perché: semplicemente perché il rischio connesso ad un singolo titolo può presentarsi anche per gli altri titoli.
Nel nostro esempio ci possono essere vari scenari che metterebbero a rischio le nostre azioni: un crollo del settore tecnologico, un cambio di politica del mercato americano, una rotazione generale del mercato dalle azioni growth alle azioni value ecc.
Per limitare questo è necessario dunque diversificare; in questo caso però la diversificazione non è da intendersi come la classica frase detta da molti investitori  “acquisto tanti titoli così diversifico”, quanto piuttosto andare realmente ad acquistati dei titoli che siano poco correlati tra loro, se non addirittura decorrelati, in modo da ridurre il rischio complessivo del portafoglio o, se preferite, massimizzandone i risultati.

Già che l’abbiamo citata, parliamo un momento della decorrelazione, chiamata anche correlazione negativa. Due asset sono considerati decorrelati qualora il rendimento di uno tende ad essere opposto al rendimento dell’altro. Maggiore è questa tendenza, più alto sarà il grado di decorrelazione. 
Tanto per fare un esempio? Due asset considerati con un certo grado di decorrelazione sono le azioni e l’oro. Perché questo, perché tendenzialmente l’oro è stato storicamente utilizzato come “bene rifugio”, quando ci sono determinati scossoni nel mercato azionario e c’è necessità di spostare la propria liquidità in un altro asset, in alcuni casi proprio l’oro.

Dunque, la MPT ci aiuta ad avere una maggiore diversificazione nel portafoglio, permettendoci di ottenere un miglior rendimento al medesimo grado di rischio.
Ma ci sono altri benefici di questo metodo? In effetti sì: la MPT punta anche alla riduzione della volatilità intrinseca del portafoglio nel suo complesso, chiamato anche deviazione standard.
Dato che gli asset dovrebbero essere poco correlati tra loro, la volatilità a cui sono soggetti impatta in minor proporzione la volatilità complessiva del portafoglio.

Torniamo all’esempio di Apple Inc (NASDAQ:AAPL), Meta Platforms Inc (NASDAQ:FB) e Microsoft Corporation (NASDAQ:MSFT).
Qualora ci sia un grande scossone, ad un certo punto, dell’intero comparto tecnologico, questo porterebbe delle grandi ripercussioni su tutti e tre gli asset, e di conseguenza sul nostro intero portafoglio. Un crollo del -10% su tutti i titoli porterebbe ad un crollo del -10% del mio intero portafoglio. Sto ovviamente semplificando.
Prendiamo invece un secondo scenario: il mio portafoglio è investito per ⅓ nel settore tecnologico, per ⅓ nel settore delle utilities e per ⅓ nel settore industriale, cosa accadrebbe se il comparto tecnologico si ritrovasse in crisi?
Dato che questo pesa solo per 1/3, la volatilità complessiva sarebbe notevolmente ridotta, rendendo, in ultima battuta, il mio portafoglio più efficiente.

E questo era la MPT, spero vivamente che vi sia stata utile.
In generale, come abbiamo visto, tutto si può riassumere con la seguente frase: un portafoglio diversificato è più efficiente.
Tuttavia, entrando nello specifico, ci siamo resi conto di molti più aspetti, che spero vivamente possiate interiorizzare al fine di diventare investitori sempre più consapevoli.

%AD-CONTAINER-0%

Ultimi commenti

Selezionare si...ma nel modo giusto e poi....ribilanciare quando occorre...
Ma se come dice lei, ci sarà uno scossone del 10% su ogni singola azione, il portafoglio non perderà il 10%, ma il 30%. Con questo articolo ha scoperto l'acqua calda. complimenti vivissimi
Certo che ha fatto una bella figura...
Certo che ha fatto una bella figura...
:D tipica saccenza italica
Sicuramente utile
È una nuova teoria?
mi riferisco alla teoria ovviamente
quindi questa moderna teoria per la quale ho impiegato quasi 15 minuti per leggerla ci dice di diversificare. una eccezionale scoperta
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.