Ultime Notizie
Chiusura
Investing Pro 0
Versione senza annunci pubblicitari. Migliora la tua esperienza con Investing.com. Risparmia fino al 40% Fai l’upgrade ora

Fed: incombe il mercato bearish mentre la banca cerca di domare l’inflazione

Da Investing.com (Darrell Delamaide/Investing.com)Panoramica mercato23.05.2022 15:42
it.investing.com/analysis/fed-incombe-il-mercato-degli-orsi-mentre-la-banca-cerca-di-domare-linflazione-200454072
Fed: incombe il mercato bearish mentre la banca cerca di domare l’inflazione
Da Investing.com (Darrell Delamaide/Investing.com)   |  23.05.2022 15:42
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo articolo è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
 

Le aspettative sull’inflazione negli Stati Uniti sono ancora ancorate, ma crescono i timori che possano sganciarsi. La paura è che la gente smetta di credere alla capacità della Federal Reserve di domare l’inflazione e che ciò farà salire i prezzi.

“Dovranno osservare con molta attenzione”, ha detto la scorsa settimana l’ex presidente della Fed Ben Bernanke riferendosi ai policymaker.

“Chiaramente, vogliono vedere l’inflazione scendere ad un tasso ragionevole”.

La gente vede salire i prezzi di benzina ed alimentari di settimana in settimana e questo influenzerà la loro idea sulla direzione dei prezzi. “Quindi non sappiamo quanto tempo ancora abbia la Fed”, afferma Bernanke.

La Fed si sentirà obbligata ad un intervento più aggressivo se non dovesse scendere, perché il persistere dell’inflazione mina la sua credibilità.

Per il capo della Fed di St. Louis James Bullard, costantemente interventista, il tasso overnight dei fondi Fed dovrà arrivare al 3,5% entro fine anno, il che significherebbe numerosi aggressivi aumenti dei tassi da mezzo punto, o più, dall’attuale livello di poco meno dell’1%.

L’attuale presidente della Fed, Jerome Powell, ha escluso un aumento da 75 punti, ma Bullard pensa che non sia fuori questione. In un’intervista a Fox News, Bullard ha commentato:

“Più giochiamo d’anticipo, più possiamo tenere sotto controllo l’inflazione e le aspettative sull’inflazione, meglio andrà. Se la Fed riuscirà a tenere le aspettative sotto controllo, allora potrà abbassare nuovamente i tassi nel 2023 e nel 2024”.

Sebbene aumentino i timori di una recessione sui mercati finanziari, Bullard pensa ancora che la Fed possa riuscire a pianificare un atterraggio morbido ed evitare un downturn prolungato.

Secondo lui l’economia potrà continuare ad andare avanti, trainata dai consumi, ma ci sono numerosi segnali che i consumatori si stanno tirando indietro davanti agli incessanti aumenti dei prezzi.

Walmart (NYSE:WMT) e Target (NYSE:TGT) hanno registrato colpi ai loro profitti ed i loro titoli sono crollati quando hanno riportato un aumento delle scorte.

I consumatori di Home Depot (NYSE:HD) sono invece più resilienti. I distributori trovano insolita l’impennata dell’inflazione. Il quadro resta misto, in quanto i diversi gruppi reagiscono in modo differente.

La scorsa settimana Powell continuava ad essere ottimista, tuttavia, affermando che ci sono “chiare e convincenti prove” che l’inflazione sta scendendo. Pensa che il mercato del lavoro sarà forte anche se alcuni consumatori potrebbero soffrire per l’inflazione ed i tassi più alti.

Il Federal Open Market Committee intende procedere con aumenti da mezzo punto a giugno e luglio, portando il tasso all’1,75% e al 2%. La Fed resterà flessibile, ha detto Powell la scorsa settimana, accelerando o rallentando sui tassi a seconda della necessità.

I mercati finanziari attendono un intervento della Fed per diminuire le perdite per gli investitori del mercato azionario. Ma, come insiste Powell, la Fed proseguirà con la sua azione sui tassi fino a quando l’inflazione non sarà schiacciata e quella speranza si sta riducendo.

I titoli sono ad un passo dal mercato ribassista, con l’S&P 500 crollato del 19% venerdì, ad un soffio dal tonfo del 20% che definisce un mercato degli orsi. Gli analisti hanno abbassato la loro soglia dell’intervento della Fed sull’indice, che ha chiuso a 3.901,36 venerdì, da 3.700 a 3.529, un calo del 26% dal massimo di chiusura di gennaio.

Alcuni analisti stimano un calo a 3.000 entro ottobre, su un mercato degli orsi prolungato.

L’indice PCE, l’indicatore sull’inflazione preferito dalla Fed, è atteso venerdì. Il dato core di aprile dovrebbe essere sceso al 4,9% sull’anno, dal 5,2% di marzo. Una lettura peggiore del previsto “potrebbe innescare un violento sell-off”, annuncia un analista.

Fed: incombe il mercato bearish mentre la banca cerca di domare l’inflazione
 

Articoli Correlati

Fed: incombe il mercato bearish mentre la banca cerca di domare l’inflazione

Inserisci un commento

Guida sui Commenti

Ti consigliamo di utilizzare i commenti per interagire con gli utenti, condividere il tuo punto di vista e porre domande agli autori e agli altri iscritti. Comunque, per mantenere alto il livello del discorso, ti preghiamo di tenere a mente i seguenti criteri :

  • Arricchisci la conversazione
  • Rimani concentrato. Pubblica solo materiale che è rilevante all'argomento in discussione.
  • Sii rispettoso. Anche le opinioni negative possono essere trattate in modo positivo e diplomatico.
  • Utilizza lo stile standard di scrittura. Includi la punteggiatura,con lettere maiuscole e minuscole.
  • NOTA: messaggi contenenti spam, messaggi promozionali, link o riferimenti a siti esterni verranno rimossi.
  • Evita bestemmie, calunnie e gli attacchi personali rivolti a un autore o ad un altro utente.
  • Saranno consentiti solo commenti in Italiano.

Autori di spam o abuso verranno eliminati dal sito e vietati dalla registrazione futura a discrezione di Investing.com.

Scrivi I tuoi pensieri qui
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
Pubblica anche su
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Grazie per aver commentato. Il commento è in attesa di approvazione da parte dei moderatori. Il commento sarà pubblicato sul nostro sito non appena approvato.
Commenti (1)
Zeno Cosini
Zeno Cosini 23.05.2022 17:56
Salvato. Vedi tutti gli Elementi salvati.
Questo commento è già stato salvato nei tuoi Elementi salvati
mamma mia che paura questo orso 🐻 cattivo è arrivato per mangiarsi tutte le mie provviste
 
Sei sicuro di voler cancellare questo grafico?
 
Posta
 
Sostituire il grafico allegato con un nuovo grafico?
1000
La tua possibilità di commentare è stata sospesa per via di report negativi da parte di altri utenti. La tua situazione sarà controllata dai nostri moderatori.
Attendi un minuto prima di commentare di nuovo.
Allega un Grafico ai Commenti
Conferma blocco

Sei sicuro di voler bloccare %USER_NAME%?

Confermando il blocco tu e %USER_NAME% non potrete più vedere reciprocamente i vostri post su Investing.com.

%USER_NAME% è stato aggiunto correttamente alla lista di utenti bloccati

Poiché hai appena sbloccato questa persona, devi aspettare 48 ore prima di bloccarla nuovamente.

Segnala questo commento

Considero questo commento come:

Commento contrassegnato

Grazie!

La tua segnalazione è stata inviata ai nostri moderatori che la esamineranno
Le nostre Apps
Scarica l'AppApp store
Investing.com
© 2007-2022 Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
  • Iscriviti GRATIS e ricevi:
  • Allerte in tempo reale
  • Portafoglio avanzato
  • Grafici personalizzati
  • App completamente sincronizzata
Registrati tramite Google
o
Registrati tramite email