I titoli migliori e peggiori degli ultimi 3 mesi. Carraro balza in testa

Pubblicato 19.06.2017, 12:14
CARRA
-
CEPD
-
LR
-
MTCM
-
RCSM
-
SGFI
-
TFI
-
BIA
-
CHL
-
DA
-
BWZ
-
GFRN
-
GEQ
-
CBI
-
METM
-
STEP
-
TAS
-
XPR
-
OJM
-

I titoli migliori e peggiori degli ultimi 3 mesi. Carraro balza in testa, sprofonda Trevi.


I MIGLIORI

Al primo posto troviamo Carraro SPA (MI:CARRA) (+95%) seguito da Landi Renzo (MI:LR) (+74%), Sogefi SpA (MI:SGFI)(+74%), Bialetti Industrie SpA (MI:BIA) (+69%), Stefanel SpA (MI:STEP)(+62%), Exprivia (MI:XPR) (+50%), Openjobmetis SpA Agenzia per il Lavoro (MI:OJM) (+47%), Gefran SpA (MI:GFRN) (+40%), Rcs (MI:RCSM) (+37%) e Maire Tecnimont SpA (MI:MTCM) (+35%).

L’avvio dell’esercizio 2017 vede i primi segnali di ripresa per i mercati di riferimento del gruppo Carraro e i risultati positivi sono già evidenti sia a livello di fatturato che di marginalità.

Il Gruppo ritiene di essere sulla strada giusta e il piano di riorganizzazione, avviato negli scorsi anni, sta finalmente producendo effetti concreti, con dati positivi.

È ancora presto per parlare di ripresa stabile e l’alta volubilità dei principali settori richiederà ancora nel medio termine una forte determinazione del Gruppo nella gestione del business.

Lo scorso 5 giugno Carraro S.p.A. ha comunicato che si è conclusa l’offerta di massime n. 33.726.630 azioni ordinarie (o di azioni B, a scelta di ciascun sottoscrittore) di nuova emissione, del valore nominale di euro 0,52 cadauna (le “Azioni in Offerta”), effettuata in esecuzione dell’aumento di capitale in forma scindibile e a pagamento, deliberato dall’Assemblea straordinaria dell’Emittente in data 27 giugno 2016, per l’ammontare complessivo di massimi Euro 54.000.000,00.

Il primo trimestre 2017 ha visto un rafforzamento della domanda di nuovi veicoli agricoli in tutte le aree geografiche di riferimento, in particolare nell’Europa Occidentale e in India. Questo è ancora più evidente per i trattori specialistici (Vigneto-Frutteto) grazie al positivo andamento dei rispettivi settori di applicazione.

Anche il settore delle macchine movimento terra vede nel primo trimestre 2017 un ritrovato ottimismo. In Europa si è registrato un rafforzamento della domanda nelle macchine da costruzione, in particolare per quelle più compatte specialistiche (pale ed escavatori). La tendenza positiva si è recentemente estesa anche alle macchine da miniera dove si stanno registrando i primi segnali di incremento di domanda pur rimanendo ancora a livelli estremamente bassi.

Malgrado tali segnali di ripresa siamo ancora lontani da una crescita strutturata dei mercati.

I PEGGIORI

La maglia nera del peggior titolo degli ultimi 3 mesi è stata assegnata a Sintesi SpA (MI:SII)(-30%) che ha preceduto Trevi Finanziaria (MI:TFI)(-29%), Mediacontech SpA (MI:MCH) (-25%), Gequity SpA (MI:GEQ) (-25%), CTi Biopharma Corp (MI:CTIC). (-24%), Fullsix SpA (MI:FUL) (-24%), Centro HL Distribuzione SpA (MI:CHL) (-23%), TAS SpA (MI:TAS) (-21%) e Dada SpA (MI:DA) (-21%).

Il mese scorso il Consiglio di Amministrazione di Sintesi SpA (MI:SII), Società di Investimenti e Partecipazioni ha esaminato e rideterminato il progetto di bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2016, anche al fine di dare ulteriormente conto della sussistenza della continuità aziendale della Società alla luce del voto positivo espresso in data 9 maggio 2017 dalla maggioranza dei creditori sulla proposta di concordato preventivo in sede di adunanza ex art. 174 della legge fallimentare, dell’aggiudicazione della partecipazione detenuta in Gequity S.p.A. nell’ambito della procedura competitiva ex art. 163-bis della legge fallimentare avvenuta in data 22 maggio 2017, nonché del deposito in data 20 aprile 2017 presso Equitalia S.p.A. della dichiarazione di adesione alla definizione agevolata ex art. 6 del d. l. 193/2016, come convertito dalla legge 225/2016. Il progetto di bilancio verrà sottoposto all’approvazione della Assemblea Ordinaria degli Azionisti convocata per il 28 giugno 2017 in unica convocazione.

La Società chiude l’esercizio con un risultato netto negativo per Euro -1.728 migliaia rispetto alla perdita di -893 migliaia al 31 dicembre 2015.

I ricavi delle vendite e delle prestazioni sono stati pari a zero (rispetto ai Euro 88 migliaia del 2015), assunto che l’esercizio 2016 è stato interamente assorbito dalla ristrutturazione conclusa con la richiesta del
concordato preventivo.

Il Margine Operativo Lordo è negativo per Euro -1.692 migliaia (Euro -685 migliaia nel 2015) in peggioramento per Euro 1.007 migliaia soprattutto a causa dell’incremento dei costi di gestione della crisi d’impresa e degli intervenuti meccanismi di anti-economicità che ne sono scaturiti.

Si segnala comunque una sensibile riduzione dei costi del personale che passano da Euro 268 migliaia ad Euro 95 migliaia.

Il Reddito Operativo è negativo per Euro -1.775 migliaia (rispetto al valore negativo di Euro -888 migliaia del 2015) per i medesimi motivi di cui sopra.

ESCLUSI TITOLI AIM.

INOLTRE SI PRECISA CHE È UNA CLASSIFICA PER PERFORMANCE PERCENTUALE, INDIPENDENTEMENTE DAI VOLUMI E VOLATILITÀ.

Ultimi commenti

Prossimo articolo in arrivo...
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.