Ricevi uno sconto del 40%
⚠ Allerta sugli utili! Quali azioni sono pronte a salire?
Scoprite i titoli sul nostro radar ProPicks. Queste strategie hanno guadagnato il 19,7% da un anno all'altro.
Sblocca l'elenco completo

I titoli USA restano l’eccezione al rialzo per le principali classi di asset nel 2024

Pubblicato 08.02.2024, 15:11
Aggiornato 09.07.2023, 12:31

In cima si è da soli. Le azioni americane stanno registrando forti risultati sull’anno in corso nel 2024. Certo, siamo solo all’inizio di febbraio.

Ma la straordinaria distanza tra i rialzi dei titoli USA rispetto al resto delle principali classi di asset resta straordinaria, in base ai riferimenti ETF fino alla chiusura di martedì (6 febbraio).

Il Vanguard Total Stock Market Index Fund (NYSE:VTI) segna +3,2% finora quest’anno. Un ritorno stellare, ammesso che continui fino a fine anno.

Potrebbe essere pretendere troppo, ma per il momento il rialzo è decisamente straordinario rispetto al resto del campo.

Major Asset Classes YTD Total Returns

Il maggiore calo finora nel 2024: i REIT USA tramite il Vanguard Real Estate Index Fund (NYSE:VNQ), con -5,3% finora.

Il calo dei posti vacanti negli uffici nell’era del lavoro da casa è diventato un peso per il settore immobiliare commerciale, pesando di conseguenza sul VNQ.

Alcuni analisti dicono che il settore è diventato una scommessa value interessante, dopo le difficoltà degli ultimi due anni. Il rendimento del dividendo a 12 mesi di VNQ è del 4,16%, secondo Morningstar, poco sopra l’attuale rendimento dei Treasury decennali.

Se VNQ riuscirà a registrare anche solo un modesto rialzo nei prossimi anni dai livelli attuali, il potenziale di una performance solida sarà plausibile.

L’avvertimento è che non è ancora ovvio che lo slancio negativo di VNQ sia finito.

Il recente rally si sta invertendo e, data l’incertezza sulle prospettive degli uffici, bisognerebbe ancora aspettare e vedere, almeno per gli investitori avversi al rischio.

VNQ-Daily Chart

La domanda principale per l’allocazione di asset, ovviamente, è come comportarsi con la corsa delle azioni statunitensi, che probabilmente rappresentano pesi sopra la media in molti, o forse nella maggior parte dei portafogli.

Il VTI è l’opposto del VNQ, in quanto le azioni USA continuano a spingersi in un terreno da massimi storici.

VTI-Daily Chart

Da un punto di vista tecnico, la forte corsa delle azioni americane implica che ce ne sarà ancora nel breve periodo.

Lo slancio tende a persistere fino a quando non si esaurisce. Prevedere dei punti di svolta in tempo reale è difficile, per usare un eufemismo, e quindi la recente inclinazione rialzista è un segnale di previsione positivo.

Tuttavia, i tori devono ricordare che la scommessa implicita di lasciare correre i vincenti è una supposizione che le big tech possano continuare a trainare il mercato in alto.

Notiamo che, mentre l’SPDR® S&P 500 ETF (NYSE:SPY) è salito di quasi il 4% finora quest’anno, la sua controparte equal-weighted (RSP) è invariata.

Eliminando nomi come Amazon (NASDAQ:AMZN), Microsoft (NASDAQ:MSFT) e altri importanti titoli tech, rimane un profilo decisamente meno eccitante per i recenti risultati del mercato.

“Mentre l’elevato posizionamento degli hedge fund, le numerose cause antitrust intentate dal DoJ e dalla FTC e i cambiamenti nel regime macro influenzeranno i rendimenti dei titoli, riteniamo che la crescita delle vendite dei sette titoli sarà il driver più importante del gruppo”, scrive David Kostin, chief US equity strategist di Goldman Sachs (NYSE:GS), riguardo all’influenza dei cosiddetti Magnifici 7.

La posta in gioco è alta per le previsioni del mercato, afferma. In effetti, la rapida crescita delle entrate sarà cruciale per la leadership dei cosiddetti “Magnifici 7” titoli big-tech che stanno trainando il rialzo del mercato azionario statunitense.

Ma purtroppo il futuro è ancora incerto e gli investitori devono fare i conti con l’annosa questione di come posizionare il portafoglio dopo una corsa tanto sbilenca che ha favorito un lato del mercato.

Piuttosto che cercare di prevedere il futuro, forse è meglio porsi la domanda fondamentale: Perché non ribilanciare ora, anche se sui margini, dopo una corsa tanto sbilenca che ha eccessivamente favorito una fetta del mercato rispetto al resto?

Come sempre, la risposta dipenderà da molti fattori, compresa la tolleranza del rischio, l’orizzonte temporale e varie aspettative, anche se imperfette, su cosa probabilmente succederà nel prossimo anno o più.

È difficile, ovviamente. Quello che è semplice è invece ammettere che probabilmente si è avuto un profitto consistente grazie ad una fetta relativamente sottile dei mercati globali. Il resto, come si dice, è (probabilmente) matematica, se si guarda abbastanza in là nel futuro.

Ultimi commenti

i titoli Usa sono una bolla, sono solo manipolazione e frode. Prima smettete di prendere in considerazione e citare dati falsificato meglio è
Beh i titoli UE vivono di protezioni e sussidi nei bilanci con contributi a destra e manca quindi non so chi rispecchia di piu’ la realta’
Installa le nostre app
Avviso esplicito sui rischi: Il trading degli strumenti finanziari e/o di criptovalute comporta alti rischi, compreso quello di perdere in parte, o totalmente, l’importo dell’investimento, e potrebbe non essere adatto a tutti gli investitori. I prezzi delle criptovalute sono estremamente volatili e potrebbero essere influenzati da fattori esterni come eventi finanziari, normativi o politici. Il trading con margine aumenta i rischi finanziari.
Prima di decidere di fare trading con strumenti finanziari o criptovalute, è bene essere informati su rischi e costi associati al trading sui mercati finanziari, considerare attentamente i propri obiettivi di investimento, il livello di esperienza e la propensione al rischio e chiedere consigli agli esperti se necessario.
Fusion Media vi ricorda che i dati contenuti su questo sito web non sono necessariamente in tempo reale né accurati. I dati e i prezzi presenti sul sito web non sono necessariamente forniti da un mercato o da una piazza, ma possono essere forniti dai market maker; di conseguenza, i prezzi potrebbero non essere accurati ed essere differenti rispetto al prezzo reale su un dato mercato, il che significa che i prezzi sono indicativi e non adatti a scopi di trading. Fusion Media e qualunque fornitore dei dati contenuti su questo sito web non si assumono la responsabilità di eventuali perdite o danni dovuti al vostro trading né al fare affidamento sulle informazioni contenute all’interno del sito.
È vietato usare, conservare, riprodurre, mostrare, modificare, trasmettere o distribuire i dati contenuti su questo sito web senza l’esplicito consenso scritto emesso da Fusion Media e/o dal fornitore di dati. I diritti di proprietà intellettuale sono riservati da parte dei fornitori e/o dalle piazze che forniscono i dati contenuti su questo sito web.
Fusion Media può ricevere compensi da pubblicitari che compaiono sul sito web, in base alla vostra interazione con gli annunci pubblicitari o con i pubblicitari stessi.
La versione inglese di questa convenzione è da considerarsi quella ufficiale e preponderante nel caso di eventuali discrepanze rispetto a quella redatta in italiano.
© 2007-2024 - Fusion Media Limited. tutti i Diritti Riservati.